venerdì 16 novembre 2018

Nella mia wishlist #8

Buon pomeriggio, lettori!
Ormai è da un bel po' di tempo che non aggiorno questa rubrica, nonostante la mia wishlist sia diventata chilometrica. 
Vi posto un paio di titoli che sto tenendo d'occhio da un paio di mesi. ;)

 

"Vox" di Christina Dalcher

Puoi dire non più di 100 parole al giorno.

Ma solo se sei una donna.

Jean McClellan è diventata una donna di poche parole. Ma non per sua scelta. Può pronunciarne solo cento al giorno, non una di più. Anche sua figlia di sei anni porta il braccialetto conta parole, e le è proibito imparare a leggere e a scrivere.

Perché, con il nuovo governo al potere, in America è cambiato tutto.

Jean è solo una dei milioni di donne che, oltre alla voce, hanno dovuto rinunciare al passaporto, al conto in banca, al lavoro. Ma è l’unica che ora ha la possibilità di ribellarsi.

Per se stessa, per sua figlia, per tutte le donne.


"Reincarnation Blues" si Michael Poore

Al centro di questo romanzo, in cui la fantasia e l’immaginazione regnano sovrane, troviamo Milo, un’anima davvero antica: ha già vissuto 9.995 volte e non ha nessuna intenzione di smettere. Anziché cercare di raggiungere la perfezione, il nirvana, che gli sembra una cosa piuttosto noiosa, preferisce continuare a vivere una vita dopo l’altra rimanendo nel ciclo della reincarnazione, così da poter continuare la sua relazione con la Morte (o "Suzie", come preferisce essere chiamata). Ciò che Milo ancora non sa è che le anime non sono eterne: si sta rapidamente avvicinando il momento in cui sarà cancellato per sempre, se non raggiungerà la perfezione. Avrà solo altre cinque vite per provarci, e gli serviranno tutte per riuscire a salvare se stesso e, forse, l’intero genere umano. Reincarnation Blues ci porta dall'antica India a una colonia penale posta su una lontana galassia del futuro, con soste a Vienna, sul Sole e nell'Ohio. Vivendo ogni tipo di esistenza immaginabile, Milo avrà la possibilità di sperimentare cosa rende perfetta una persona e in cosa consistono veramente il successo e l'amore.

mercoledì 14 novembre 2018

Www... Wednesday #119



Buongiorno lettori!
Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


Al momento sto leggendo "Paradox" di Massimo Spiga. Non so ancora se mi piace o no, sinceramente. XD

What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


Ho finito "Viking. Le ossa di Ardal" di Linnea Harsuyker. Mi è piaciuto abbastanza, ma non tanto quanto pensavo. In più forse non era la lettura adatta al momento, e infatti c'ho messo due settimane a leggerlo. >_<

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

Proprio non lo so! Credo di avere una sorta di blocco del lettore, per cui al momento non ne ho idea. 


martedì 13 novembre 2018

Teaser Tuesday #148


Tao e Perla continuarono a discutere in questo modo fino all'1:11, esplorando la pletora di teorie sul miracolo notturno.
Quando il momento giunse, il cielo cieco fu invaso dalla presenza estranea del cubo. Era identico a tutte le altre apparizioni, eppure Perla notò che, stavolta, si trovava leggermente ruotato e più in basso. La ragazza immaginò che la grande stanza stagliata sullo spazio nero fosse un fotogramma, parte di una sequenza. Un frame ogni anno. Con il cuore in gola, notò un'ombra spuntare da uno squarcio su una parete. Qualcosa era presente all'interno della sala, oltre ai folli dipinti sulle pareti. Come nelle due precedenti visioni, il cubo svanì in un istante, senza lasciare traccia.

lunedì 12 novembre 2018

Segnalazione: "Liar. Un bacio non è per sempre" di Tania Paxia

Buongiorno, lettori!
Ricominciamo la settimana con una nuova segnalazione: sta infatti per uscire un nuovo romanzo della serie "Liar Liar" di Tania Paxia!

Titolo: Liar. Un bacio non è per sempre
Autore: Tania Paxia
Editore: Newton Compton
Prezzo: 1,99 euro (ebook)
Data di pubblicazione: 19 novembre 2018

Dopo le due settimane di “vacanza lavoro”, Jayden e Frankie sono tornati a New York e alla loro vita di tutti i giorni: Jayden si divide tra interviste in tv, prove in vista del tour e… proposte di convivenza, mentre Frankie, anche se è fuori allenamento, ricomincia a suonare e cerca con tutte le forze di prendere tempo su più fronti. Per quanto riguarda il fronte “Jayden”, non può far altro che cedere. Non parla però con sua madre da mesi e col passare dei giorni è sempre più difficile tentare di instaurare di nuovo un rapporto con lei. Cosa che invece le viene quasi naturale fare con suo padre. Ma la cerimonia dei Grammy incombe e anche la partenza per Los Angeles. È tutto organizzato: albergo, abiti, pre-party e red carpet… quando un articolo su un giornale fa infuriare Jayden come mai nella sua vita. E questo articolo riguarda proprio la sua cara Frankie.
L’incomprensione è tale da far scoppiare una lite furibonda che si conclude con un bacio e una fuga verso una meta ignota a Frankie, ma non a Jayden che ha in serbo per lei una sorpresa di San Valentino. E non è l’unica sorpresa che li aspetta, perché i segreti li seguono ovunque e sanno sempre dove trovarli…

martedì 6 novembre 2018

Teaser Tuesday #147


Il mattino dopo, Svanhild aspettava fuori dalla tenda di Olaf, sperando che Ragnvald tornasse a far loro visita. Poteva portarla ai giochi e alle corse, così si sarebbe allontanata per qualche tempo da Vigdis, divertendosi un po'. Oppure potevano riprendere i discorsi del giorno prima. Dei suoi viaggi, Ragnvald le aveva raccontato solo la conclusione. 
In lontananza, vide due giovani che combattevano con le spade di legno, entrambi alti, aggraziati e altrettanto bravi. Li guardò finché Vigdis non la rimproverò per la sua mancanza di pudore e le ordinò di rimettere in ordine le stoviglie della colazione.
Quando sentì un rumore di zoccoli che si avvicinavano alzò gli occhi. Quattro uomini stavano attraversando la spianata su cavalli dal manto irsuto come gli animali dei fiordi, ma alti e con le lunghe criniere delle razze del sud. Ognuno di quegli uomini era un guerriero. Avevano il racchiuso in consunte armature di cuoio, e indossavano i marchi del proprio talento in bagliori d'oro sulle spalle, ai polsi e alla cintura. Perfino le briglie e le staffe dei loro cavalli splendevano come metalli preziosi. Mentre avanzavano al piccolo galoppo, gli animali facevano il gesto di mordersi a vicenda, e scartavano di lato quando si urtavano.

Da "Viking. Le ossa di Ardal" di Linnea Hartsuyker