venerdì 18 ottobre 2013

Dal passato - Recensione: "Il Trono di Spade" di George R. R. Martin

Titolo: Il Trono di Spade 
Autore: George R.R. Martin
Editore: Mondadori
Prima edizione: 1996
Prezzo: 10,00 Euro

Trama: In una terra fuori dal mondo, dove le estati e gli inverni possono durare intere generazioni, sta per esplodere un immane conflitto. Sul Trono di Spade, nel Sud caldo e opulento, siede Robert Baratheon. L'ha conquistato dopo una guerra sanguinosa, togliendolo all'ultimo, folle re della dinastia Targaryen, i signori dei draghi. Ma il suo potere è ora minacciato: all'estremo Nord la Barriera - una muraglia eretta per difendere il regno da animali primordiali e, soprattutto, dagli Estranei - sembra vacillare. Si dice che gli Estranei siano scomparsi da secoli. Ma se è vero, chi sono quegli esseri con gli occhi così innaturalmente azzurri e gelidi, nascosti tra le ombre delle foreste, che rubano la vita o il sonno a chi ha la mala di incontrarli?

Recensione: George R.R. Martin è uno dei più grandi e prolifici scrittori di narrativa fantasy/fantascentifica contemporanea ed è sempre stato apprezzatissimo tra i fan di questo genere. Per sua fortuna, da un paio d'anni a questa parte, la sua opera più osannata è diventata conosciutissima grazie alla HBO, che ha trasformato "Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco" in un telefilm. Da allora ci sono state ristampe su ristampe dei suoi romanzi; senza contare l'enorme quantità di gadget che sono spuntati fuori grazie al successo della serie televisiva.
Per quanto mi riguarda ho letto "Il Trono di Spade" in tempi non sospetti, visto che il telefilm non era ancora uscito ed io, a dire proprio la verità, conoscevo Martin e le sue "Cronache" soltanto di nome. Incuriosita, sono andata in libreria a comprarmi il primo volume della serie, anche se non sapevo bene cosa aspettarmi.

Il romanzo gira prevalentemente attorno alle vicende degli Stark, una famiglia nobile che è al comando di Grande Inverno, un enorme feudo situato nella zona più a nord dei Sette Regni. Eppure loro non sono gli unici protagonisti del romanzo: una delle cose migliori delle "Cronache del Ghiaccio e del Fuoco" è infatti il fatto che per ogni capitolo cambi il punto di vista, così che possiamo contemporaneamente seguire le avventure di una decina e più di personaggi. Martin riesce con grande maestria ad immedesimarsi e a farci immedesimare nei panni, per esempio, della dolce ed ingenua Sansa, dell'inteligentissimo, sarcastico ed emarginato Tyrion; della ribelle Arya, del cavalleresco e correttissimo Eddard o della determinatissima Daenerys.
In più l'autore ha curato l'ambientazione ed il background di tutti i personaggi (e quando dico tutti intendo proprio tutti, anche della comparsa a caso che muore dopo due righe) nei minimi dettagli, tanto che il mondo da lui creato risulta essere praticamente reale, vivo nel suo essere aspro e crudele.
Le vicende dei protagonisti sono, come nella vita vera, inaspettate: non sempre è l'eroe ad uscire vittorioso; spesso, per un inaspettato gioco del destino, le carte in tavola vengono mischiate e le sorti di tutti i personaggi non sono mai date per scontate.

Per quanto mi riguarda penso che le "Cronache del Ghiaccio e del Fuoco" sia la serie migliore che io abbia mai letto; sono affezionatissima in particolar modo a questo romanzo, che reputo perfetto in tutto e per tutto. Vi consiglio vivamente di cominciare a leggerlo se ancora non lo avete fatto, perché si tratta di un capolavoro assoluto della letteratura fantasy.

Voto:


6 commenti:

  1. E' da un bel pò di tempo che vorrei iniziare a leggere questa saga.. anche se il numero elevato di libri mi spaventa un pò.. bella recensione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      Non farti spaventare dal numero dei libri, noostante la saga sia lunga e i romanzi molto complessi, una volta che inizi a leggerli è impossibile fermarsi :)

      Elimina
  2. Sono completamente d'accordo con la recensione... è davvero una delle saghe migliori *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la adoro, ho praticamente divorato tutti i libri *-*

      Elimina
  3. Perchè non mi decido a leggere questi libri, perchè??
    devo farlo assolutamente!

    RispondiElimina