venerdì 28 febbraio 2014

Anteprima: "L'ultimo sogno" di Valentina Fontana

Buon pomeriggio, lettori!
Oggi volevo presentarvi un libro che uscirà a breve per la casa editrice Mondadori e che a me ha veramente colpito: trovo che la trama sia a dir poco fantastica!
Si tratta de "L'ultimo sogno" della giovane scrittrice Valentina Fontana.

Titolo: L'ultimo sogno
Autore: Valentina Fontana
Editore: Mondadori
Prezzo: 17,00 euro
Data di pubblicazione: 11/03/2014

Trama: Esiste un mondo dove ogni cosa è possibile: viaggiare in paesi lontani, vivere i ricordi di persone sconosciute, camminare per le strade di città mai viste e perfino uccidere. Basta un casco per immergersi nella realtà che connette tutte le menti nell'interconscio, il grande spazio virtuale in cui ogni esperienza è a portata di mano, più vivida di un sogno. Il suo nome è Onyricon. Ma c'è chi nella rete si perde, come Miri, che per gioco è rimasta intrappolata in X-Stream, un social network pirata controllato da un pericoloso hacker. Alex, dotata di una rara immunità ai virus informatici, dovrà scendere nell'inferno di X-Stream, in cui i sogni si trasformano in paure e morire non è più soltanto una finzione. Bastian è l'unico che può aiutarla. Un tempo le ha spezzato il cuore, ora la vita di Miri e degli onirodipendenti perduti nel network è nelle sue mani.

L'autrice: Valentina Fontana è nata a Milano nel 1981. Di indole artistica, scrive da sempre per diletto dedicandosi nel frattempo alle più svariate professioni. Con la ferma convinzione che nella vita bisogna avere un lavoro serio invece di perdersi dietro a sogni poco realizzabili, si è occupata tra le altre cose di grafica, decorazione, fare fotocopie e preparare gelati. Questo romanzo è nato quando ha capito che non c'è niente di più serio che perdersi dietro ai sogni.

mercoledì 26 febbraio 2014

Recensione: "Raven Boys" di Maggie Stiefvater

Buon pomeriggio, lettori! Vi chiedo perdono per questa assenza prolungata, purtroppo ho avuto la febbre, dopodiché mi sono tagliata un dito e non riuscivo a scrivere (anche ora devo ammettere che ho una certa difficoltà ad usare la tastiera XD)! Per farmi perdonare, ecco la recensione del tanto acclamato "Raven Boys" della scrittrice Maggie Stiefvater.

Titolo: Raven Boys
Autore: Maggie Stiefvater
Editore: Rizzoli
Prezzo: 16,00 euro
Data di pubblicazione: 20/11/2013

Trama: È la vigilia di San Marco, la notte in cui le anime dei futuri morti si mostrano alle veggenti di Henrietta, Virginia. Blue, nata e cresciuta in una famiglia di sensitive, vede per la prima volta uno spirito e capisce che la profezia sta per compiersi: è lui il ragazzo di cui s'innamorerà e che è destinata a uccidere. Il suo nome è Gansey ed è uno dei ricchi studenti della Aglionby, prestigiosa scuola privata di Henrietta i cui studenti sono conosciuti come Raven Boys, i Ragazzi Corvo, per via dello stemma della scuola, e noti per essere portatori di guai. Blue si è sempre tenuta alla larga da loro, ma quando Gansey si presenta alla sua porta in cerca di aiuto, pur riconoscendolo come il ragazzo del destino non può voltargli le spalle. Insieme ad alcuni compagni, Gansey è da molto tempo sulle tracce della salma di Glendower, mitico re gallese il cui corpo è stato trafugato oltreoceano secoli prima e sepolto lungo la "linea di prateria" che attraversa Henrietta. La missione di Gansey non riguarda solo un'antica leggenda, ma è misteriosamente legata alla sua stessa vita. Blue decide di aiutare Gansey nella sua ricerca, lasciandosi coinvolgere in un'avventura che la porterà molto più lontano del previsto.

Recensione: Devo ammettere che, prima di questo "Raven Boys", non avevo mai letto nulla della Stiefvater, nonostante avessi da tempo adocchiato "La corsa delle onde". Le innumerevoli recensioni positive mi hanno però spinta a dare la precedenza all'ultimo titolo pubblicato qui da noi; "Raven Boys", appunto.

Cominciamo col dire che ho trovato "Raven Boys" piacevole, ma ben lontano dall'essere il capolavoro che, leggendo le recensioni, avevo creduto che fosse.
"Raven Boys" è un romanzo che si lascia leggere velocemente, un romanzo con diversi pregi ma anche diversi difetti. 

La cosa che mi ha maggiormente colpita è senza dubbio tutto ciò che ruota attorno alla linea di prateria e alla ricerca del misterioso Glendower, un antico re scozzese che, secondo le leggende, una volta defunto è stato trasportato nel Nuovo Mondo.  Chiunque raggiungerà per primo il luogo in cui riposa il re potrà chiedergli tutto ciò che vuole. 
Un altro lato positivo è che, nonostante le premesse, non ci sia una vera e propria storia d'amore, che ormai in questo genere di romanzi è diventata a dir poco scontata.

Se invece vogliamo esaminare i lati negativi, direi che la cosa che mi è piaciuta meno in questo romanzo è l'antagonista. Innanzi tutto ho trovato superflua la presenza del nemico di turno: la trama , per il modo in cui è strutturata, sarebbe potuta tranquillamente andare avanti senza di lui. In più questo antagonista è, secondo me, abbastanza stupido: la Stiefvater, nel creare questo personaggio, avrebbe dovuto avere la stessa attenzione e cura che ha avuto con gli altri protagonisti della storia e, per come la vedo io, non ha fatto.
Se vogliamo parlare del lato prettamente fantasy, direi che c'è ma che è dosato col contagocce; per i miei gusti avrebbe dovuto essercene un pochettino di più. 

In sostanza questo libro altri non è che un enorme prologo: ci vengono presentati i personaggi e, insieme a loro, cominciamo ad avere dimestichezza con le antiche leggende e con le linee di prateria ma, sicuramente, il bello deve ancora venire.

Voto: ★★★☆☆

martedì 18 febbraio 2014

Teaser Tuesday #23

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perchè spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Era l'alba quando Maggie aprì gli occhi di colpo. Sui campi la notte impallidiva come se l'orlo della sua veste scura si fosse scolorito con la pioggia notturna. La sveglia segnava le cinque meno qualche minuto e Magie avrebbe voluto girarsi su un fianco per riprendere a dormire. Ma, all'improvviso, percepì una presenza. Spaventata, si drizzò a sedere e vide Mo davanti all'armadio aperto. 
-Buongiorno!- la salutò mentre tirava fuori il suo pullover preferito. -Mi dispiace. Lo so che è prestissimo, ma dobbiamo partire. Ti andrebbe una bella tazza di cioccolata per colazione?
Maggie annuì insonnolita. Fuori gli uccellini cinguettavano vispi come se fossero svegli da ore. 
Mo gettò due paia di pantaloni in valigia, la richiuse e la depose davanti alla porta. -Metti qualcosa di pesante- disse. -Fa freschino.
-Dove andiamo?- gli chiese Maggie, ma lui era già sparito. Frastornata, buttò un'occhiata fuori. Quasi si aspettava di vedere ancora Dita di Polvere: in cortile però c'era solo un merlo che zampettava leggero sui ciottoli umidi.

Da "Cuore d'Inchiostro" - Cornelia Funke

sabato 15 febbraio 2014

Nuova veste grafica per "Le Cronache del Mondo Emerso" di Licia Troisi

Buongiorno, lettori!
Poco fa mi sono imbattuta in questa notizia ed ho deciso di condividerla con voi :)

Visto che ad aprile le "Cronache del Mondo Emerso", trilogia che ha portato al successo la nostra Licia Troisi, compiono ben dieci anni, la Mondadori ha deciso di ristampare i tre romanzi con delle nuove copertine a cura dell'illustratore Corrado Vanelli.

Io non sono una fan della Troisi, ho letto anni fa le "Cronache del Mondo Emerso" e non mi hanno fatta impazzire, ma sinceramente trovo queste copertine davvero stupende, addirittura più belle di quelle del bravissimo Paolo Barbieri.

Voi cosa ne pensate? :)






giovedì 13 febbraio 2014

Recensione: "La camera di sangue" di Jane Nickerson

Titolo: La camera di sangue
Autore: Jane Nickerson
Editore: Mondadori (Collana Chrysalide)
Prezzo: 17,00 euro
Data di pubblicazione: 05/11/2013

Trama: Alla morte del padre, la diciassettenne Sophia Petheram viene presa in custodia dal padrino Monsieur Bernard de Cressac nella tenuta di Wyndriven Abbey, in Mississippi. Fin dall'arrivo nella nuova casa, Sophia si trova a vivere nel lusso più sfrenato, viziata e accontentata sin nei minimi capricci. La ragazza è affascinata dalla generosità e dal carisma di Monsieur Bernard. Lui le impedisce, però, di ricevere visite da chiunque altro e, in sua assenza, la affida all'occhio vigile di Odette, una giovane dama di compagnia francese. A spaventare Sophia è il passato del ricco padrino, sposato più volte: le sue mogli sono morte in circostanze misteriose, e ora la ragazza ne vede i fantasmi. Hanno tutte i capelli rossi, bronzo e d'oro. Proprio come lei...

Recensione: Ho sentito parlare per la prima volta de "La Camera Di Sangue" sul blog Atelier Dei Libri, ed è stato amore a prima vista. Sarà che la copertina è qualcosa di meraviglioso e che ha catturato istantaneamente la mia attenzione, sarà che la trama mi ispirava tantissimo, sarà che (finalmente!) si tratta di un romanzo autoconclusivo, sarà che i retelling mi ispirano sempre tanto... Per farla breve, ho deciso di leggere questo libro nel momento stesso in cui ho scoperto che esisteva.

Come ho detto mi piacciono i retelling perché mi piacciono le fiabe classiche, ed ogni volta sono curiosa di scoprire come l'autore sia riuscito a riscrivere una storia già narrata in precedenza rendendola in qualche modo nuova. Ho quindi deciso di leggere "La Camera Di Sangue", retelling della fiaba (da noi poco conosciuta) di Barbablù.

Il romanzo, ambientato in un'America ottocentesca e ancora un po' selvaggia, comincia presentandoci subito la diciassettenne Sophia che, ormai orfana, si sta recando alla tenuta del suo padrino, Monsieur Bernard de Cressac. Nonostante sia il suo tutore ufficiale, Sophia non ha mai visto l'uomo che avrà il compito di sostituire suo padre e rimarrà stupita di fronte alla sua giovinezza, al suo fascino, alla sua ricchezza e ai suoi modi, prima affettuosi e poi sempre più ambigui.

Devo dire che il romanzo mi è piaciuto; lo stile dell'autrice è buono e si adatta benissimo alla trama e all'ambientazione ottocentesca. I personaggi sono quasi tutti ben costruiti, con un modo di pensare e di agire adatto all'epoca in cui si svolgono i fatti (sembra scontato, ma troppo spesso non è così.).
L'unica nota stonata è, purtroppo, proprio il modo di comportarsi del co-protagonista Bernard de Cressac: l'autrice cerca di farlo apparire misterioso e furbo ma, più di una volta, si comporta in modo che definire stupido è un eufemismo: voglio dire, se io non volessi che Tizio frugasse tra le mie cose e scoprisse i miei (oscuri) segreti, non gli lascerei in custodia per una settimana le chiavi di tutta la mia tenuta!
Nonostante questo difetto il romanzo si è lasciato praticamente divorare, come ho già detto mi è piaciuto molto e mi sento di consigliarlo caldamente!

Voto: ★★★★☆

martedì 11 febbraio 2014

Teaser Tuesday #22

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perchè spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


All'udire l'ordine, ser Alliser Thorne distorse la bocca in una parvenza di sorriso, ma i suoi occhi rimasero freddi e duri come selce. «Così il ragazzo bastardo ha deciso di mandarmi fuori a morire.»
«Morire» gracchiò il corvo di Mormont. «Morire, morire, morire.»
"Non sei di nessun aiuto." Jon Snow con una manata allontanò l'uccello. «Il ragazzo bastardo ha deciso di mandarti fuori a esplorare. A cercare i nostri nemici e a ucciderli, se occorre. Sei abile con una lama in pugno, ser. Sei stato maestro d'arme, qui e al Forte Orientale.»
Thorne toccò l'elsa della sua spada lunga. «Aye. Ho sprecato un terzo della vita nel tentativo di insegnare i rudimenti della scherma a zappaterra, teste di rapa e infami. Mi sarà di scarso vantaggio in queste foreste.»

Da "I fuochi di Valyria" - George R.R. Martin

domenica 9 febbraio 2014

Nella mia Wishlist #2

Buona domenica, lettori!
Questa sera vi presento due romanzi che ho "puntato" da un po' di tempo e di cui sicuramente avrete sentito parlare. 
Dal primo, "Ender's Game"di Orson Scott Card, è addirittura stato tartto un film con Arrison Ford; il secondo, "Le Parole Segrete" di Joanne Harris non è altrettanto famoso ma sicuramente promette più che bene!

Avete letto questi due romanzi? Se sì, cosa ne pensate? :)

Titolo: Ender's Game - Il Gioco Di Ender
Autore: Orson Scott Card
Editore: Nord
Prezzo: 14,90 euro
Data di pubblicazione: 10/10/2013 (ultima edizione)

Trama: Gli alieni hanno attaccato due volte la Terra e hanno quasi distrutto la specie umana. Per assicurarsi la vittoria nel successivo scontro di questa guerra, il governo del mondo ha deciso di creare una razza di geni militari, di allevare bambini al di fuori del mondo normale e istruirli nelle arti marziali tramite una serie di "giochi di guerra" e di combattimenti simulati, basati sull'uso del computer. Ender Wiggin è un genio tra i geni: nato con le doti di un superbo comandante e condottiero di uomini, viene forzato a una precoce maturità attraverso un addestramento continuo e pressante. Toccherà a lui, unico a vincere tutti i "giochi", assumere il comando delle forze terrestri e la salvezza del genere umano sarà nelle sue mani...

***

Titolo: Le parole segrete
Autore: Joanne Harris
Editore: Garzanti
Prezzo: 9.90 euro
Data di pubblicazione: 10/06/2010

Trama: Nel villaggio di Malbry non è facile essere giovani e coltivare i propri sogni. Le regole e la disciplina la fanno da padroni; i giochi e gli incantesimi sono stati proibiti. Eppure Maddy non ha mai smesso di credere nel potere dei sogni e della magia. Lei è diversa da tutti: è ribelle, curiosa, testarda, e sulla mano ha il marchio di una runa. Per molti si tratta di un segno maledetto, ma non per il Guercio, il misterioso straniero che racconta storie affascinanti, l'unico amico che Maddy abbia mai avuto. È lui a svelarle il misterioso linguaggio delle rune e a introdurla in quell'universo proibito e vietato dove sono nascosti gli incantesimi, la conoscenza e il segreto delle Nel villaggio di Malbry non è facile essere giovani e coltivare i propri sogni. Le regole e la disciplina la fanno da padroni; i giochi e gli incantesimi sono stati proibiti. Eppure Maddy non ha mai smesso di credere nel potere dei sogni e della magia. Lei è diversa da tutti: è ribelle, curiosa, testarda, e sulla mano ha il marchio di una runa. Per molti si tratta di un segno maledetto, ma non per il Guercio, il misterioso straniero che racconta storie affascinanti, l'unico amico che Maddy abbia mai avuto. È lui a svelarle il misterioso linguaggio delle rune e a introdurla in quell'universo proibito e vietato dove sono nascosti gli incantesimi, la conoscenza e il segreto delle sue origini. Mentre il futuro inciso sulla sua mano si avvicina giorno dopo giorno, una terribile catastrofe minaccia di distruggere per sempre quel mondo.

mercoledì 5 febbraio 2014

In libreria: "Aspettando Domani" di Guillaume Musso

Buonasera, lettori!
Questa sera volevo segnalarvi un romanzo appena uscito il libreria, la cui trama mi ha davvero colpita! Si tratta del decimo romanzo dell'autore francese Guillaume Musso, dal titolo "Aspettando Domani".

Vi lascio alla scheda e alla trama del romanzo! :D

Titolo: Aspettando Domani
Autore: Guillaume Musso
Editore: Sperling & Kupfer
Prezzo: 18,90 euro
Data di pubblicazione: 4 febbraio 2014

Trama: Emma, trentadue anni, vive a New York e non ha mai smesso di cercare l’uomo della sua vita. Matthew invece abita a Boston, ha perduto sua moglie in un terribile incidente e da allora ha cresciuto da solo la figlia di quattro anni. I due si conoscono per caso, grazie a internet, e iniziano a corrispondere via mail, finché un giorno decidono di incontrarsi. Si danno appuntamento in un piccolo ristorante italiano a Manhattan. Lo stesso giorno alla stessa ora ognuno dei due varca la porta di quel ristorante. Vengono accompagnati allo stesso tavolo ma… non si incroceranno mai. Com’è possibile? Uno scherzo del destino? Matthew e Emma ben presto si renderanno conto che non si tratta soltanto di un semplice appuntamento mancato.


martedì 4 febbraio 2014

Teaser Tuesday #21

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perchè spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Quando Blue uscì a passo lento, la stanchezza aveva ormai avuto la meglio sull'ansia. Inspirò profondamente l'aria fredda della notte. Non sembrava nemmeno la stessa sostanza che veniva filtrata dai condizionatori di Nino's.
Piegò la testa all'indietro per guardare le stelle. Lì, al limitare del centro della città, non c'erano abbastanza lampioni da oscurare gli astri totalmente. L'Orsa Maggiore, la costellazione del Leone, quella di Cefeo. Blue respirava con più agio e lentezza a ogni costellazione che riusciva a trovare.
Quando liberò la bicicletta, la catena era fredda. Attraverso il parcheggio, si sentivano a sprazzi conversazioni attutite. Qualcuno strascicava i piedi sull'asfalto da qualche parte dietro di lei. Anche a bocca chiusa, le persone erano davvero gli animali più rumorosi del pianeta.

Da "Raven Boys" di Maggie Stiefvater