giovedì 13 febbraio 2014

Recensione: "La camera di sangue" di Jane Nickerson

Titolo: La camera di sangue
Autore: Jane Nickerson
Editore: Mondadori (Collana Chrysalide)
Prezzo: 17,00 euro
Data di pubblicazione: 05/11/2013

Trama: Alla morte del padre, la diciassettenne Sophia Petheram viene presa in custodia dal padrino Monsieur Bernard de Cressac nella tenuta di Wyndriven Abbey, in Mississippi. Fin dall'arrivo nella nuova casa, Sophia si trova a vivere nel lusso più sfrenato, viziata e accontentata sin nei minimi capricci. La ragazza è affascinata dalla generosità e dal carisma di Monsieur Bernard. Lui le impedisce, però, di ricevere visite da chiunque altro e, in sua assenza, la affida all'occhio vigile di Odette, una giovane dama di compagnia francese. A spaventare Sophia è il passato del ricco padrino, sposato più volte: le sue mogli sono morte in circostanze misteriose, e ora la ragazza ne vede i fantasmi. Hanno tutte i capelli rossi, bronzo e d'oro. Proprio come lei...

Recensione: Ho sentito parlare per la prima volta de "La Camera Di Sangue" sul blog Atelier Dei Libri, ed è stato amore a prima vista. Sarà che la copertina è qualcosa di meraviglioso e che ha catturato istantaneamente la mia attenzione, sarà che la trama mi ispirava tantissimo, sarà che (finalmente!) si tratta di un romanzo autoconclusivo, sarà che i retelling mi ispirano sempre tanto... Per farla breve, ho deciso di leggere questo libro nel momento stesso in cui ho scoperto che esisteva.

Come ho detto mi piacciono i retelling perché mi piacciono le fiabe classiche, ed ogni volta sono curiosa di scoprire come l'autore sia riuscito a riscrivere una storia già narrata in precedenza rendendola in qualche modo nuova. Ho quindi deciso di leggere "La Camera Di Sangue", retelling della fiaba (da noi poco conosciuta) di Barbablù.

Il romanzo, ambientato in un'America ottocentesca e ancora un po' selvaggia, comincia presentandoci subito la diciassettenne Sophia che, ormai orfana, si sta recando alla tenuta del suo padrino, Monsieur Bernard de Cressac. Nonostante sia il suo tutore ufficiale, Sophia non ha mai visto l'uomo che avrà il compito di sostituire suo padre e rimarrà stupita di fronte alla sua giovinezza, al suo fascino, alla sua ricchezza e ai suoi modi, prima affettuosi e poi sempre più ambigui.

Devo dire che il romanzo mi è piaciuto; lo stile dell'autrice è buono e si adatta benissimo alla trama e all'ambientazione ottocentesca. I personaggi sono quasi tutti ben costruiti, con un modo di pensare e di agire adatto all'epoca in cui si svolgono i fatti (sembra scontato, ma troppo spesso non è così.).
L'unica nota stonata è, purtroppo, proprio il modo di comportarsi del co-protagonista Bernard de Cressac: l'autrice cerca di farlo apparire misterioso e furbo ma, più di una volta, si comporta in modo che definire stupido è un eufemismo: voglio dire, se io non volessi che Tizio frugasse tra le mie cose e scoprisse i miei (oscuri) segreti, non gli lascerei in custodia per una settimana le chiavi di tutta la mia tenuta!
Nonostante questo difetto il romanzo si è lasciato praticamente divorare, come ho già detto mi è piaciuto molto e mi sento di consigliarlo caldamente!

Voto: ★★★★☆

10 commenti:

  1. La tua recensione mi ha davvero incuriosita :) Il libro l'avevo già visto in giro, e anche se sembrava promettente, non ero ancora riuscita a decidermi... ma ora credo che ci farò un pensierino :)

    P.S. Complimenti per il blog, è molto carino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Siannalyn! Sono felicissima che ti piaccia il blog *-*
      Il libro a me è piaciuto molto, l'ho divorato :)

      Elimina
  2. Ci farò un pensierino anch'io.. e poi il fatto che sia autoconclusivo mi piace :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì infatti, almeno per una volta non si tratta di una serie infinita, che magari rischia di essere interrotta a metà pubblicazione!

      Elimina
  3. Che bella recensione :D un retelling di Barbablù mi intrigaa assai... l'ho trovato solo n Fables.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mi piace il fatto che l'autrice sia andata a pescare una favola decisamente poco conosciuta (perlomeno qui da noi in Italia!)

      Elimina
  4. Ciao! grazie perchè oggi hai fatto inconsapevolmente due cose per me: aggiungerò un libro alla lista dei desideri, e...ho imparato cosa è questo retelling!! (ma che ignorante!!)

    Ps ho preso il banner

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di esserti stata utile, allora :D

      Elimina
  5. Voglio acquistarlo anche io. Lo farò una vlta terminato il project.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto carino, penso che potrebbe piacerti!

      Elimina