venerdì 28 marzo 2014

Spazio agli emergenti - Recensione: "Emma" di Francesca Pace

Titolo: Emma
Autore: Francesca Pace
Editore: Autopubblicato (disponibile in e-book)
Prezzo: 5,99
Data di pubblicazione: 18 Febbraio 2013

Trama: Emma é una ragazza semplice dall'inconsapevole fascino magnetico. La sua vita tranquilla, al confine dell'invisibilità, verrà sconvolta da un cambiamento radicale ed improvviso che la catapulterà nel complesso e violento mondo di streghe e vampiri. Un'inaspettata e travagliata transizione ne muterà in modo definitivo la natura e l'essenza trasformandola in un essere sovrannaturale mai esistito prima. Quando la straordinaria ragazza, accompagnata dai suoi amici di sempre e da un nuovo e viscerale amore, si troverà ad affrontare con coraggio la sua nuova vita imparando ad amarla e ad amare se stessa come mai prima, scoprirà di possedere uno sconfinato ed incontrastabile potere. È, questa, una appassionante ed intensa storia di amicizia, fratellanza e amore.

Recensione: Qualche tempo fa sono stata contattata dall'autrice di "Emma", che mi ha gentilmente inviato il suo romanzo in modo che lo potessi recensire.

"Emma" è un romanzo di genere urban fantasy e paranormal romance, che si incentra sulle vicende della giovane studentessa universitaria Emma che, da ragazza normale, finisce per scoprire di essere una creatura leggendaria, unica nel suo genere. La ragazza infatti, aiutata da un gruppo di amici decisamente anticonvenzionale (non è da tutti avere tra le proprie conoscenze streghe e vampiri), scoprirà il segreto, misterioso e drammatico passato della sua famiglia, e dovrà fare i conti con quella che è la sua natura soprannaturale che lei stessa ignorava.

Ammetto di non essere un'amante delle storie paranormal romance, ma ho trovato "Emma" un buon racconto, in particolar modo la prima metà del libro è stata convincente e coinvolgente. Andando avanti la mia attenzione è andata un po' scemando: secondo me l'autrice avrebbe dovuto dilungarsi di meno e, in alcuni casi, strutturare i capitoli in modo che fossero più brevi: questo avrebbe senz'altro dato al romanzo una marcia in più, rendendo le scene più veloci e quindi più emozionanti.

Ci sono alcuni difetti a livello di scrittura: per esempio, l'autrice tende spesso a ripetere alcune frasi che, andando avanti con la lettura, ho trovato un po' ridondanti. Una cosa che ho trovato confusionaria è, invece, la scelta dell'autrice di passare dal punto di vista di un personaggio a quello di un altro in maniera improvvisa: spesso mi ci voleva un po' prima di riuscire a capire nella testa di quale personaggio fossi.
In ogni caso bisogna anche pensare che questo è un romanzo autopubblicato, e ciò vuol dire che l'autrice ha curato tutti gli aspetti del romanzo da sola, non c'era dietro di lei il team di una casa editrice, per cui qualche difettuccio ci può stare. :)

Faccio quindi un in bocca al lupo a Francesca per la sua carriera di scrittrice :)

Voto: ★★★☆☆

martedì 25 marzo 2014

Teaser Tuesday #27


Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perchè spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.



Il mio cuore andò in mille pezzi, ma prima di lasciare che la situazione mi distruggesse pensai a Logan.
La sua espressione confusa mi disse che non aveva ancora realizzato ciò che stava succedendo. Bene, dovevo impedire che accadesse. Non potevo permettere che la verità sulla nostra sorte gli fosse rivelata in quel modo.
«Logan, dobbiamo andare via di qui!» Gli presi un polso e lo strattonai con forza, cercando di non far trapelare il mio nervosismo. Ma lui non si mosse e la paura mi risalì fino in gola.
Lui mi guardò con aria confusa, facendo rimbalzare gli occhi da me alle donne che stavano sotto al portico. Appariva dubbioso, i suoi bellissimo occhi erano agitati come il mare d'inverno. Con passo incerto avanzò un po' verso di loro e io mi sentii morire di nuovo.

Da "Shades Of Life" di Glinda Izabel

giovedì 20 marzo 2014

Recensione: "Chrysalis" di Jodi Meadows

Titolo: Chrysalis
Autore: Jodi Meadows
Editore: Mondadori Chrysalide
Prezzo: 17,00 euro
Data di pubblicazione: 04/02/2014

Trama: Esiste un mondo in cui si vive in eterno. A Gamma nessuno nasce e nessuno muore: da milioni di anni tutti si reincarnano in corpi diversi, ma sempre abitati dalla stessa anima. Ciascuno conserva il ricordo delle proprie vite passate, e attende di viverne di nuove.
Finché un giorno il ciclo si spezza: una ragazza muore per sempre. Al suo posto nasce Ana, una vita nuova. La prima mia comparsa su Gamma. Ana fa paura, tanto che sua madre la costringe a vivere come una reclusa, un errore da nascondere al mondo. Ma al compimento del suo diciottesimo anno Ana decide di partire per la città di Cardio in cerca di risposte: perché nessuno è come lei? E quando morirà, sarà per sempre? Sam, un musicista che le fa battere il cuore, è  l'unico a credere che la sua vita abbia un valore. Una vita mortale, in un mondo di vite eterne, racchiude un grande potere: quello del cambiamento. Ana riuscirà a spiccare il volo dalla sua crisalide?

Recensione: Sin dal momento in cui ho saputo della pubblicazione in Italia di questo romanzo sono stata curiosa di leggerlo: mi sembrava infatti che la trama si discostasse da quella dei soliti libri di genere Young Adult, che ormai infestano le librerie e che, spesso e volentieri, sono uno la fotocopia dell'altro.

Il romanzo vede come protagonista la diciottenne Ana, una ragazza che ha la particolarità di essere "nuova": infatti, al contrario di tutti gli altri abitanti della regione di Gamma, che negli ultimi cinquemila anni si sono sempre reincarnati in corpi diversi, lei non era mai esistita prima di quel momento. Ana è come un pesce fuor d'acqua, circondata da persone millenarie dotate di infinita esperienza. La ragazza è costretta a scontrarsi contro una lunga serie di pregiudizi: la gente la vede come una minaccia perché è nata al posto di Ciana, un'antica abitante di Gamma la cui anima è andata perduta per sempre.

I presupposti per una storia bella ed originale c'erano tutti, ma purtroppo, fin dalle prime pagine, mi sono resa conto che io e questo romanzo non saremmo andati molto d'accordo.
Ho trovato la scrittura acerba: il romanzo comincia in maniera fin troppo veloce e poi, dopo pochi capitoli, la narrazione rallenta fino quasi a fermarsi. Ci sono una marea di capitoli in cui praticamente non succede nulla.

Il romanzo, che poteva essere una bella storia d'avventura, si incentra invece fin troppo sulla storia d'amore tra i due protagonisti, mettendo da parte tutto il resto. I personaggi, in più, fatta eccezione per Ana e il co-protagonista Sam, sono appena abbozzati. Per di più ho trovato Ana veramente antipatica, e questo sicuramente non ha giovato, visto che il romanzo è narrato interamente in prima persona col suo punto di vista.
Stessa cosa per quanto riguarda l'ambientazione: l'idea di inserire in un'ambientazione di tipo fantasy-medievale elementi futuristici è veramente bella e caratteristica, ma è resa in maniera troppo superficiale.

In definitiva direi che questo romanzo è risultato un'occasione sprecata: le idee c'erano e l'originalità anche, ma l'impressione generale che mi sono fatta è che sia stato scritto in maniera fin troppo frettolosa e superficiale.

Voto: ★★☆☆☆ e ½

martedì 18 marzo 2014

Teaser Tuesday #26

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perchè spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Moelle e Scolera aspettavano per riaccompagnarla nella sua cella in cima alla torre. Unella chiuse la fila mettendosi dietro di loro. 
«Abbiamo pregato tutte per vostra grazia.» disse septa Moelle mentre salivano. 
«Sì» confermò septa Scolera «e devi sentirti molto più leggera adesso, pura e innocente come una vergine la mattina del suo matrimonio.»
"Fottevo Jamie la mattina del mio matrimonio" ricordò la regina. «Proprio così» disse. «Mi sento rinata, come se un bubbone infetto fosse stato inciso, e adesso posso finalmente cominciare a guarire. Potrei quasi volare.» Immaginò quanto sarebbe stato bello piantare una gomitata in faccia a septa Scolera e farla rotolare giù per la scala a chiocciola. 

Da "La danza dei draghi" di George R. R. Martin

venerdì 14 marzo 2014

Recensione: "Cuore D'Inchiostro" di Cornelia Funke

Titolo: Cuore D'Inchiostro
Autore: Cornelia Funke
Editore: Mondadori
Prezzo: 10,50 euro
Anno di pubblicazione: 2004

Trama: Meggie ama i libri, e li ama moltissimo anche il padre Mo, che però rifiuta di leggerli a voce alta. In una notte piovosa uno straniero bussa alla loro porta e il giorno dopo Mo inizia a fare i bagagli. Devono fuggire, nascondersi. Ma da che cosa? Da chi? Presto il segreto sarà svelato: leggendo a voce alta, Mo ha la straordinaria capacità di portare la vita nei libri e i personaggi dei libri alla vita. In una notte crudele lesse "Cuore d'inchiostro", e un malvagio signore dal cuore nero, Capricorn, si liberò dai lacci delle parole per materializzarsi nel suo salotto. In quell'attimo fatale accade anche qualcosa di più grave: la moglie di Mo scomparve per sempre tra le pagine del libro. Ora lo spietato Capricorn cerca Mo Lingua d'argento per piegare il suo dono a perfidi scopi, e Meggie si trova d'improvviso in un turbine di vicende in cui l'immaginazione diventa realtà. 

Recensione: Avevo adocchiato questo libro da tantissimo tempo, ma non avevo mai avuto modo di leggerlo fino a poche settimane fa quando, finalmente, mi sono decisa a comprarlo. 

"Cuore d'inchiostro" è il romanzo che ha definitivamente consacrato a livello mondiale la carriera di scrittrice della tedesca Cornelia Funke ed è, infatti, anche il suo romanzo più conosciuto. La storia, nonostante la protagonista assoluta sia la dodicenne Maggie,  ci viene narrata attraverso il punto di vista di tanti personaggi diversi, tra cui la zia Elinor e il misterioso giocoliere Dita di Polvere.

Ma di cosa parla il romanzo? L'idea di base è davvero originale: in pratica, attraverso un inspiegabile potere Mo, il padre della piccola Maggie, è involontariamente riuscito a far uscire alcuni personaggi (sfortunatamente quasi tutti cattivi) dal romanzo fantasy che stava leggendo. Da quel momento, oltre a seminare il terrore, i personaggi del libro capeggiati dal crudele Capricorno danno la caccia allo sfortunato Mo, credendolo uno stregone capace di far uscire dai libri, a suo piacimento, ricchezze e tesori.

Ho trovato il romanzo molto carino: è ben scritto, ed i personaggi sono tutti ben delineati, anche se forse i cattivi sono un po' troppo stereotipati. Mi sono piaciuti in particolare il personaggio di Dita di Polvere e della cocciutissima Elinor. Una cosa che però non ho digerito tanto bene è il comportamento di un po' tutti i protagonisti in certe situazioni. Esempio: trovandosi in pericolo e dovendo fuggire, spesso e volentieri i personaggi vanno a rifugiarsi in luoghi in cui palesemente verranno rintracciati dai loro antagonisti. Questa cosa mi è parsa un po' come una forzatura, un modo per far andare avanti la storia senza imbattersi in troppe domande o complicazioni.

Per il resto il romanzo, come ho detto, è davvero carino e merita di essere letto a qualsiasi età.

Voto: ★★★☆☆ e ½

martedì 11 marzo 2014

Teaser Tuesday #25

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perchè spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Quando Emma si svegliò era giorno fatto. La notte era trascorsa abbastanza tranquillamente. Dopo quel primo episodio di dolore, Emma sembrò stare bene per tutto il resto del lungo e indisturbato sonno. I quattro immortali non si allontanarono da lei neanche per un attimo. Serena, Martha e Dimitri si erano messi accucciati ai piedi del divano stretti a lei mentre Gabriel era rimasto seduto in un angolo della sala, ad una distanza tale da Emma che gli permetteva di trascurarne il forte e penetrante odore. Ogni tanto passeggiava nervosamente avanti e indietro prima di tornare di nuovo seduto nella fioca luce dell'albeggio.
Era fortemente messo alla prova dalla presenza di Emma, ed averla così vicina lo rendeva nervoso. L'odore della ragazza gli entrava nelle narici stordendolo. Gabriel lo sentiva nitidamente isolandolo da tutti gli altri odori presenti nella stanza ed avvicinarsi a lei era impossibile. Emma sapeva di buono, di pulito, di fresco. La sua stretta vicinanza era una tentazione irresistibile, doveva fare appello a tutta la sua forza di volontà per non accostarsi a lei e respirarne forte l'odore, assaggiarne dolcemente il sapore.

Da "Emma" di Francesca Pace

venerdì 7 marzo 2014

Anteprima: "Half Bad" di Sally Green

Buonasera, lettori! :)
Questa sera volevo presentarvi un romanzo in arrivo tra pochissimi giorni sugli scaffali delle librerie e che sembra promettere molto bene. Si tratta dell'urban fantasy "Half Bad". Qua sotto trovate, come sempre, la scheda tecnica e la trama del romanzo. :)

Titolo: Half Bad (Half Life Trilogy #1)
Autore: Sally Green
Editore: Rizzoli
Prezzo: 15,00 euro
Data di pubblicazione: 19/03/2014

Trama: In una Londra contemporanea e alternativa dove la magia esiste, Incanti Bianchi e Neri combattono una guerra millenaria e spietata. Appartenere a un fronte definisce il proprio ruolo nel mondo, decreta i nemici, garantisce compagni e alleati. Nathan vive invece in una zona grigia: figlio di una maga Bianca e dell’Oscuro più crudele mai esistito, è spaccato a metà, vessato dalla sorellastra con cui è cresciuto, controllato dal Concilio che non si fida di lui, perennemente in bilico tra le due facce della sua anima. Nathan in realtà è soltanto molto solo, e spaventato: intrappolato in una gabbia, ferito e in catene,deve fuggire prima del suo diciassettesimo compleanno, o morirà. E anche se non vuoi lasciarti andare, è difficile rimanere aggrappati alla metà Bianca quando non ti puoi fidare della tua famiglia, e della ragazza di cui ti sei innamorato, e forse nemmeno di te stesso.

martedì 4 marzo 2014

Teaser Tuesday #24

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perchè spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Si udì riecheggiare un grido. Il mio.
Inspirai e schiacciai le mani contro la bocca e il naso. L'acqua mi colpì gli stivali come uno schiaffo, risalendomi lungo i fianchi fino a coprirmi la faccia. La pressione spazzò via l'aria dal petto e dalla gola in un turbinio di bolle. Impregnato di gelo, il giaccone mi trascinò verso il fondo. I guanti non erano molto efficaci come pinne e gli stivali erano troppo pesanti perché riuscissi a battere i piedi. In quel freddo che stordiva, a malapena mi accorgevo dei pezzi di ghiaccio che mi urtavano mentre mi dimenavo affannosamente nel tentativo di risalire in superficie. Sott'acqua, la forza di gravità sembrava agire allo stesso modo in tutte le direzioni, ma proprio quando credevo di essermi girata sottosopra, una sferzata di aria gelida mi colpì in viso.

Da "Chrysalis" di Jodi Meadows