giovedì 20 marzo 2014

Recensione: "Chrysalis" di Jodi Meadows

Titolo: Chrysalis
Autore: Jodi Meadows
Editore: Mondadori Chrysalide
Prezzo: 17,00 euro
Data di pubblicazione: 04/02/2014

Trama: Esiste un mondo in cui si vive in eterno. A Gamma nessuno nasce e nessuno muore: da milioni di anni tutti si reincarnano in corpi diversi, ma sempre abitati dalla stessa anima. Ciascuno conserva il ricordo delle proprie vite passate, e attende di viverne di nuove.
Finché un giorno il ciclo si spezza: una ragazza muore per sempre. Al suo posto nasce Ana, una vita nuova. La prima mia comparsa su Gamma. Ana fa paura, tanto che sua madre la costringe a vivere come una reclusa, un errore da nascondere al mondo. Ma al compimento del suo diciottesimo anno Ana decide di partire per la città di Cardio in cerca di risposte: perché nessuno è come lei? E quando morirà, sarà per sempre? Sam, un musicista che le fa battere il cuore, è  l'unico a credere che la sua vita abbia un valore. Una vita mortale, in un mondo di vite eterne, racchiude un grande potere: quello del cambiamento. Ana riuscirà a spiccare il volo dalla sua crisalide?

Recensione: Sin dal momento in cui ho saputo della pubblicazione in Italia di questo romanzo sono stata curiosa di leggerlo: mi sembrava infatti che la trama si discostasse da quella dei soliti libri di genere Young Adult, che ormai infestano le librerie e che, spesso e volentieri, sono uno la fotocopia dell'altro.

Il romanzo vede come protagonista la diciottenne Ana, una ragazza che ha la particolarità di essere "nuova": infatti, al contrario di tutti gli altri abitanti della regione di Gamma, che negli ultimi cinquemila anni si sono sempre reincarnati in corpi diversi, lei non era mai esistita prima di quel momento. Ana è come un pesce fuor d'acqua, circondata da persone millenarie dotate di infinita esperienza. La ragazza è costretta a scontrarsi contro una lunga serie di pregiudizi: la gente la vede come una minaccia perché è nata al posto di Ciana, un'antica abitante di Gamma la cui anima è andata perduta per sempre.

I presupposti per una storia bella ed originale c'erano tutti, ma purtroppo, fin dalle prime pagine, mi sono resa conto che io e questo romanzo non saremmo andati molto d'accordo.
Ho trovato la scrittura acerba: il romanzo comincia in maniera fin troppo veloce e poi, dopo pochi capitoli, la narrazione rallenta fino quasi a fermarsi. Ci sono una marea di capitoli in cui praticamente non succede nulla.

Il romanzo, che poteva essere una bella storia d'avventura, si incentra invece fin troppo sulla storia d'amore tra i due protagonisti, mettendo da parte tutto il resto. I personaggi, in più, fatta eccezione per Ana e il co-protagonista Sam, sono appena abbozzati. Per di più ho trovato Ana veramente antipatica, e questo sicuramente non ha giovato, visto che il romanzo è narrato interamente in prima persona col suo punto di vista.
Stessa cosa per quanto riguarda l'ambientazione: l'idea di inserire in un'ambientazione di tipo fantasy-medievale elementi futuristici è veramente bella e caratteristica, ma è resa in maniera troppo superficiale.

In definitiva direi che questo romanzo è risultato un'occasione sprecata: le idee c'erano e l'originalità anche, ma l'impressione generale che mi sono fatta è che sia stato scritto in maniera fin troppo frettolosa e superficiale.

Voto: ★★☆☆☆ e ½

14 commenti:

  1. Ma che peccato.. questo libro mi ispirava tantissimo, mi dispiace che sia stato trattato in modo così superficiale!

    RispondiElimina
  2. Peccato, l'idea non sembrava male :(
    A volte i romanzi con tante potenzialità inespresse sono più frustranti di quelli semplicemente brutti >_<

    RispondiElimina
  3. Io l'avevo preso in ebook da amazon con dei buoni (almeno quello) ma ancora non l'ho letto e per ora non ne ho molta voglia XD avevo già sentito dire in giro che non fosse granché, è veramente un peccato, la protagonista a quanto ho capito è un po' una 'smidollata' e non mi attira proprio passare delle ore in sua compagnia, per ora ci sono altri libri che mi attirano di più in futuro chissà...
    Bellissima recensione come sempre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leb :)
      Sì, la protagonista è odiosa XD E purtroppo il romanzo non è riuscito a decollare come avrebbe potuto..

      Elimina
  4. Oddio, un parere così negativo? Peccato, a me ispirava molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, e ci sono rimasta malissimo io stessa infatti XD

      Elimina
  5. All'inizio, ero un po' in dubbio... dopo la tua recensione, penso sia ufficiale: questa è una lettura che sono quasi sicura non faccia assolutamente per me :(, anche perché hai evidenziato praticamente tutti i difetti degli YA di "ultimissima generazione" che hanno veramente cominciato a esasperarmi (ambientazione superficiale, preponderanza del fattore "cuoricinoso" :P su tutto il resto, capitoli centrali praticamente superflui e uno stile decisamente poco incisivo....) Magari più avanti proverò comunque a fare un tentativo... ma non in tempi brevi, questo è sicuro! ;D

    RispondiElimina
  6. Ciao Aenor!
    Questo libro a me non ha mai ispirato. Lo sapevo fin dall'inizio che aveva qualcosa di strano.
    La tua recensione è stata molto chiara ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me aveva molto potenziale, ma l'autrice non ha saputo sfruttare al meglio le idee!

      Elimina
  7. Nuuuu delusioneeeeeeee :(
    A me ispirava un sacco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, infatti ci sono rimasta malissimo! Comunque se ti ispira prova a leggerlo lo stesso, non è detto che a te non possa piacere :)

      Elimina