venerdì 27 giugno 2014

Spazio agli emergenti - recensione: "Poteri Spezzati" di Federica Nalbone

Titolo: Poteri Spezzati
Autore: Federica Nalbone
Editore: Lettere Animate
Prezzo: 2,49 euro
Data di pubblicazione: 07/05/2014

Trama: Alison è una coraggiosa cacciatrice di creature soprannaturali che possiede il dono della preveggenza, ma quando il suo potere, inaspettatamente, comincia a ritorcersi contro di lei si ritrova in grave pericolo. Accorre in suo aiuto un misterioso e affascinante cacciatore, Dave, che la coinvolge in una corsa contro il tempo per tentare di scoprire perché i poteri di alcuni cacciatori siano diventati di colpo tanto pericolosi. Saranno avventure rischiose e i due ragazzi, nella splendida cornice di Chicago, verranno a contatto con molte altre creature: potenti stregoni, vampiri assetati di sangue, un misterioso fantasma e persino altri cacciatori con un'idea di giustizia ben differente dalla loro. L'amore busserà alle loro porte, ma i pericoli sono molti: qualcuno ha alterato un equilibrio precario e i due dovranno, prima di tutto, riuscire a salvarsi.

Recensione: Avevo già parlato di questo libro sul blog un paio di settimane fa, quando l'ho presentato: il romanzo mi ispirava parecchio, perché si preannunciava essere ricco di azione e avventura, e in effetti è stato così.

"Poteri Spezzati" parla di Alison, una cacciatrice di demoni dotata di una particolarità: la ragazza possiede, infatti, il dono della preveggenza. Quando però questo dono comincia a ritorcersi contro di lei a causa di una serie di premonizioni errate, per Alison cominciano i guai.

Devo dire di aver letto questo romanzo con molto piacere, visto che è dotato di un ritmo narrativo veloce e incalzante che di sicuro non annoia il lettore e di diverse scene di azione, controbilanciate però da una parte più romantica e riflessiva. Ci sono però alcuni  piccoli difetti (o forse sono io che non sono riuscita a capire alcune cose?) che mi hanno lasciata un po' perplessa: ad esempio, non si capisce bene il ruolo di Joshua ai fini della trama.
Mentre i personaggi principali sono tratteggiati con cura, quelli secondari, come Amber o Ken, risultano semplicemente di contorno.

In ogni caso ho trovato "Poteri Spezzati" un romanzo carino, che si legge in breve tempo e che non annoia il lettore: un buon esordio per Federica Nalbone.

Voto: ★★★☆☆ e ½

martedì 24 giugno 2014

Teaser Tuesday #36

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perché spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


C'era una volta una notte che non aveva mai fine. Divorava il sole con le sue tenebre, strangolava la luce e allungava i neri e freddi tentacoli sul mondo. Incollava per sempre le palpebre agli esseri umani, rendeva il sonno più profondo e i sogni più bizzarri, faceva sì che, nell'oblio, scivolassero fianco a fianco con le creature oniriche prodotte dalla loro mente, dimentichi del passato. La notte dipingeva sui muri delle case le immagini più spaventose, prive di colori, alitava sui volti degli uomini immersi del sonno un'aria fredda, asfissiante, che penetrava nei polmoni e li anneriva.
Lumikki inspirò avidamente e aprì gli occhi. Era madida di sudore, e il peso delle coperte le serrava la gola. Doveva liberarsi del piumone e alzarsi. Infilarsi le pantofole, andare alla finestra e affacciarsi sul parco: vederlo avrebbe smorzato l'angoscia opprimente del suo incubo in una vaga, incerta sensazione di vuoto. La luna illuminava la neve, le altalene, le attrezzature per arrampicata del parco e i tetti delle case, rivestendoli di una patina argentea. Le ombre si stagliavano immobili come sagome dipinte con una vernice nera sulla distesa bianca.
Le finestre di due appartamenti erano illuminate. Qualcun altro era sveglio quella notte. Era assurdo essere svegli alle tre e quarantacinque, contrario alla natura umana. A quell'ora in giro vagavano solo le immagini che prendono forma dagli incubi, chi è sveglio non le distingue dalle ombre. Nella parte inferiore della finestra, Lumikki vide un ricamo di fiorellini di cristallo. Toccò istintivamente il vetro, pur sapendo che i cristalli erano all'esterno, e che il calore della sua mano non li avrebbe sciolti. Il gelo soffiava sulle sue dita da una fessura della finestra. Ritrasse la mano con un brivido.

Da "Rosso il sangue" di Salla Simukka

giovedì 19 giugno 2014

Spazio agli emergenti - segnalazione: "Nel cerchio del tempo" di Liliana Fiume

Buongiorno, lettori! :)
Oggi volevo segnalarvi un libro di un'autrice emergente italiana che avevo già adocchiato da un po' di tempo: si tratta del romanzo "Nel cerchio del tempo", una storia fantasy ricca di avventura e romanticismo. Il romanzo è disponibile su Amazon e su tutti gli store on-line; in più l'autrice mi ha segnalato che è in corso un blogtour del libro con giveaway finale, e penso che la cosa potrebbe interessare a molti di voi! :)

In ogni caso vi lascio alla scheda del romanzo!

Titolo: Nel cerchio del tempo
Autore: Liliana Fiume
Editore: Narcissus selfpublishing
Prezzo: 2,99 euro
Data di pubblicazione: 24/04/2014


Trama: Un re oppresso da un’oscura maledizione. Una donna che non ha mai conosciuto l’amore.
Sulle rovine di un’antica civiltà sorge il loro regno, fondato su un terribile segreto. 
E mentre complotti e lotte di potere dilaniano il paese, una serie di morti misteriose insanguina la capitale preannunciando un pericolo ancora più grande: dalle viscere della terra, dov’è rimasto nascosto per mille anni, il male è risalito in superficie …
Ferito, inerme, tradito nei suoi affetti più cari, re Kronos sfiderà il destino e ingannerà perfino la morte nel disperato tentativo di salvare il suo popolo.
Le forze in campo sono impari, la lotta senza esclusione di colpi, il destino del mondo si giocherà in un’ultima partita dall’esito incerto.
Intrighi, tradimenti, segreti e passioni s’intrecciano in una storia dall’ampio respiro, epica e nello stesso tempo romantica e sensuale.

L'autrice: Da sempre accanita lettrice, Liliana Fiume coltiva fin da ragazzina  la passione per la scrittura.
Ha vinto il concorso per aspiranti autrici della Leggereditore nel 2011
col racconto di genere fantastico La rabbia del Likaon.
Finalista nel concorso Salento in love 2013 col racconto storico Il giardino dei melograni.
Finalista nella Rassegna romantic suspense Senza fiato col racconto di ambientazione
contemporanea Shadow.
Ha creato i blog www.ricetteeracconti.blogspot.it e www.nelcerchiodeltempo.blogspot.it 
Nel cerchio del tempo è il suo romanzo di esordio.

martedì 17 giugno 2014

Teaser Tuesday #35

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perchè spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


La prima cosa che pensò Aliseo varcate le mura della città, fu che non sarebbe mai riuscito a trovare i suoi fratelli.
Non aveva mai visto così tante persone tutte insieme! Si rese conto di quanto Edwin fosse piccola e in un mondo a parte.
Le novità del luogo e tutto quel brulicare di persone accesero nel giovane un certo nervosismo  dovuto all'emozione di ritrovarcisi in mezzo! Non sapeva da che parte guardare e si sentiva stordito dai rumori e dagli odori.
Seguiva la sagoma scura di Zhiroow  ben piantata davanti a lui e del tutto impassibile al trambusto circostante.
"Straniero! Straniero! Avete da mangiare per un povero ragazzo?" Una testa unta e cespugliosa si aggrappò alle redini del cavallo costringendo Aliseo a fermarsi.
"No. Io..."
"Datemi da mangiare, straniero, vi prego! Datemi..."
"No. Non posso..."
Sotto quella testa inzaccherata due occhi vispi e attenti lo scrutarono dalla testa ai piedi.
"Vattene, pezzente!" Roow tornò indietro e dette un calcio al giovane malridotto.

Da "Lòthoryel. La profezia dei gemelli" di Hilary Spisso

lunedì 16 giugno 2014

Recensione: "La spada di Shannara" di Terry Brooks

Titolo: La spada di Shannara
Autore: Terry Brooks
Editore: Mondadori
Anno di pubblicazione: 1993
Prezzo: 10,50 euro

Trama: Il villaggio di valle d'Ombra è sempre vissuto in pace, ma ora anche su di esso grava una terribile minaccia. Il Signore degli Inganni, che molti ritenevano morto da secoli, è di nuovo all'opera. Solo un meraviglioso talismano, la spada di Shannara, può riuscire a sconfiggerlo per sempre, ma la mitica arma può essere ritrovata ed impugnata solo da un discendente di antichi re. E' forse questo il destino del giovane trovatello Shea?

Recensione: Era da almeno un paio d'anni che possedevo questo libro, che però non avevo ancora letto perché di solito il fantasy classico non mi attira molto. Ma, visto che Terry Brooks è considerato uno dei più grandi autori di narrativa fantasy e mi incuriosiva leggere qualcosa di suo, mi sono finalmente decisa a cominciare la Saga di Shannara.
Avendo tempo fa letto un'intervista all'autore sapevo già che Terry Brooks si era fortemente ispirato alla ben più famosa trilogia del "Signore degli Anelli" di Tolkien per la sua saga; non immaginavo però che le somiglianze sarebbero state così evidenti.
Fin dalle prime pagine il libro non è riuscito a colpirmi proprio per questo motivo: infatti, secondo me, l'autore si è decisamente ispirato un po' troppo al "Signore degli Anelli", e questo ha contribuito a far risultare il libro piatto e molto scontato.
Mi spiego: attualmente ci sono molte cose che prendono spunto dalle opere di Tolkien: videogiochi, film, giochi da tavolo e chi più ne ha più ne metta. Siccome in questo ambito sono ignorante e conosco ben poco, prendo come esempio il videogioco "Dragon Age: Origins". In questo gioco ci sono molte cose tipiche dell'immaginario di Tolkien: ad esempio, il mondo è popolato dalla razza degli uomini, da quella degli elfi e da quella dei nani. Il mondo è minacciato dall'arcidemone, una specie di cattivone che vuole distruggere tutto perché sì, e manda in giro orchi e mostri vari a fare casino. Nonostante queste premesse, la trama di "Dragon Age: Origins" risulta in ogni caso bella, perché viene poi sviluppata in maniera abbastanza originale.
Sfortunatamente, ne "La spada di Shannara", le cose sono andate in maniera del tutto diversa: l'autore si è limitato per gran parte del libro a fare un semplice copia/incolla di varie scene del "Signore degli Anelli", limitandosi a cambiare i nomi dei personaggi e dei luoghi. Qualche esempio? Eccovi brevemente la trama della prima metà de "La spada di Shannara". Dovrei scrivere "Attenzione agli Spoiler" ma, se conoscete  "Il Signore degli Anelli", sappiate che vi siete già spoilerati da soli anche la trama di questo romanzo.

Shea (Frodo) è un ragazzo che vive nel paesino di Valle d'Ombra (La Contea). Tutto procede in maniera tranquilla, finché Allanon (Gandalf) non si presenta a Valle d'Ombra dicendo al ragazzo che Brona (Sauron) si è risvegliato ed è deciso a reclamare la Spada di Shannara (l'anello). Soltanto Shea può fermarlo! Shea, inseguito da un emissario del Signore Oscuro che sembra proprio un Nazgul, fugge dal villaggio. Così, poco dopo, si forma una compagnia (ma dai, non lo avrei mai detto!) composta da Shea, Allanon, il fedele Flick (Sam), e altri tizi che devono ricoprire il ruolo di Aragorn e Legolas. Dopo varie peripezie, tra cui il combattimento contro una piovra gigante (un po' come quella che stava fuori dalle porte di Moria), la compagnia si dirige nella profonda oscurità delle caverne dei Denti del Drago (Moria), dove per poco non rimangono tutti secchi. Pochi capitoli dopo Allanon combatte contro un emissario del Signore Oscuro, e cade in una specie di fossa piena di fiamme insieme al mostro. Tutti lo credono morto, ma ovviamente non è così, perché lui è Gandalf.

Fortunatamente, a partire dalla seconda metà del romanzo, la trama si risolleva un po': ci sono addirittura un paio di personaggi inventati di sana pianta, usciti dalla mente di Brooks e da quella di nessun altro. Questo purtroppo secondo me non basta a risollevare le sorti di un romanzo che è, in buona parte, la copia esatta di un altro libro.

In definitiva, vi consiglio di leggere "La Spada di Shannara" solamente se siete fissati in maniera permanente con le ambientazioni Tolkeniane, altrimenti lasciate perdere.

Voto: ★★☆☆☆

giovedì 12 giugno 2014

Recensione: "Il Passaggio" di Justin Cronin

Titolo: Il Passaggio
Autore: Justin Cronin
Editore: Mondadori
Prezzo: 22,00 euro (14,00 euro nell'edizione Oscar Mondadori)
Data di pubblicazione: 22/03/2011

Trama: Nel cuore della foresta boliviana il professor Jonas Lear fa una scoperta destinata a cambiare per sempre il destino dell’umanità: un virus, trasmesso dai pipistrelli che, modificato, è in grado di rendere più forti gli esseri umani, preservandoli da malattie e invecchiamento. In una remota base militare in Colorado, il governo degli Stati Uniti inizia quindi degli esperimenti genetici top secret per studiare i prodigiosi effetti di questa scoperta. È il Progetto Noah, che utilizza come cavie umane dodici condannati a morte e una bambina. L’esperimento però non procede secondo le previsioni e accade ciò che non era neanche lontanamente immaginabile: i detenuti sottoposti alla sperimentazione – i virali – trasformatisi in creature mostruose e assetate di sangue, fuggono dalla base, seminando morte e distruzione. Da quel momento gli eventi precipitano e nessuno è più in grado di controllarli, nessun luogo è più sicuro e tutto ciò che rimane agli increduli sopravvissuti è la prospettiva di una lotta interminabile e di un futuro governato dalla paura del contagio, della morte e di un destino ancora peggiore. L’unica speranza è rappresentata da Amy, piccola superstite del fallimentare esperimento che ha scatenato l’apocalisse: su di lei il virus ha avuto effetti particolari, trasformandola in una pedina fondamentale nella lotta contro i virali. Sarà l’agente dell’FBI Brad Wolgast a salvarla da una fine terribile e a iniziare con lei un’incredibile odissea per liberare finalmente il mondo dall’incubo in cui è precipitato. Il destino dell’umanità è nelle sue mani. Ambientato in un prossimo futuro, Il passaggio non è solo un thriller letterario, ma anche un avvincente romanzo post-apocalittico e una cronaca epica della resistenza umana di fronte al pericolo di una catastrofe senza precedenti.

Recensione: Era ormai da più di un anno che possedevo questo libro ma, spaventata dalla mole (quasi novecento pagine), non mi ero mai decisa a leggerlo. Poi, finalmente, qualche settimana fa ho trovato il coraggio di cominciarlo, e mi sono ritrovata catapultata all'interno di una storia incredibilmente coinvolgente.

Il romanzo, inizialmente ambientato nella nostra epoca, vede come protagonista l'agente dell'FBI Wolgast: l'uomo è incaricato di convincere dodici condannati a morte a dare il consenso ad essere delle cavie umane per una ricerca sperimentale top-secret. Ma, quando gli viene ordinato di prendere Amy, una bambina di sei anni abbandonata dalla madre, l'agente Wolgast comincia a sospettare che dietro alla faccenda degli esperimenti ci sia qualcosa di losco.
Quando l'esperimento fallisce e i dodici carcerati, ormai geneticamente modificati, riescono a fuggire e cominciano ad infettare la popolazione, Amy sembra essere l'unica persona in grado di fermare l'avanzare del virus.

Il romanzo ci catapulta in diverse epoche, che il lettore imparerà a conoscere attraverso il punto di vista di molti personaggi, tutti caratterizzati in maniera stupenda.
Devo dire di aver adorato questo libro: lo scrittore ha saputo gestire egregiamente una storia complessa, difficile e a tratti spaventosa. Consigliatissimo!

Voto: ★★★★★

sabato 7 giugno 2014

Spazio agli emergenti - segnalazione: "Poteri Spezzati" di Federica Nalbone

Buongiorno, lettori! :)
Oggi volevo segnalarvi un romanzo uscito da pochissimo di un'autrice emergente italiana e che, a giudicare dalla trama, non ha niente da invidiare a tanti urban fantasy stranieri. Il romanzo è, per ora, disponibile solo in formato e-book, e si può trovare negli store online.

Titolo: Poteri Spezzati
Autore: Federica Nalbone
Editore: Lettere Animate
Prezzo: 2,49 euro
Data di pubblicazione: 07/05/2014

Trama: Alison è una coraggiosa cacciatrice di creature soprannaturali che possiede il dono della preveggenza, ma quando il suo potere, inaspettatamente, comincia a ritorcersi contro di lei si ritrova in grave pericolo. Accorre in suo aiuto un misterioso e affascinante cacciatore, Dave, che la coinvolge in una corsa contro il tempo per tentare di scoprire perché i poteri di alcuni cacciatori siano diventati di colpo tanto pericolosi. Saranno avventure rischiose e i due ragazzi, nella splendida cornice di Chicago, verranno a contatto con molte altre creature: potenti stregoni, vampiri assetati di sangue, un misterioso fantasma e persino altri cacciatori con un'idea di giustizia ben differente dalla loro. L'amore busserà alle loro porte, ma i pericoli sono molti: qualcuno ha alterato un equilibrio precario e i due dovranno, prima di tutto, riuscire a salvarsi.

L'autrice: Federica Nalbone ha 26 anni ed è nata a Palermo, dove vive tutt'ora. Ama da sempre leggere libri e, da alcuni anni, si è avvicinata molto al mondo dell'urban fantasy sino a trovarlo fonte di ispirazione anche per i suoi scritti. Appassionata del mondo Disney, segue svariate serie televisive e adora anche il mondo del cinema.

Potete acquistare il libro qui: 


venerdì 6 giugno 2014

Anteprima: "Mystic City" di Theo Lawrence

Buongiorno, lettori! :)
Oggi volevo parlarvi di un libro in uscita a breve per Mondadori Chrysalide. Avevo già adocchiato il libro in inglese, perché mi ero praticamente innamorata della copertina, ma non sapevo che sarebbe stato tradotto anche in italiano! A parte la cover del libro mi ispira molto l'ambientazione, che sembra promettere bene.
Vi lascio alla scheda e alla trama del libro!

Titolo: Mystic City
Autore: Theo Lawrence
Editore: Mondadori Chrysalide
Prezzo: 17,00 euro
Pagine: 400
Data di pubblicazione: 17/06/2014

Trama: Manhattan è stata sommersa dall'acqua. In una New York del futuro, vittima del riscaldamento globale, i quartieri sono rigidamente divisi: la zona più elevata è abitata dai ricchi, mentre la classe inferiore è costretta a vivere nello squallore delle Profondità, ai livelli più bassi. I capi corrotti della città ricca sopravvivono grazie all'energia generata dai mistici, rappresentati della classe inferiore dotati di capacità magiche. Come nella tragedia di Shakespeare, accade l'impensabile: Aria, figlia di un ricco criminale, si innamora di Hunter, un mistico ribelle e rivoluzionario, determinato a cambiare il destino del suo popolo. Un amore proibito tra due famiglie nemiche è destinato a portare lutti e dolore, ma anche a cambiare per sempre la vita di Aria e del suo mondo.

mercoledì 4 giugno 2014

Anteprima: "La Corona di Mezzanotte" di Sarah J. Maas

Buongiorno, lettori! :)
Ho appena saputo dell'uscita del secondo capitolo della serie del "Trono di Ghiaccio" dell'autrice americana Sarah J. Maas, e devo dire che sono davvero curiosa di leggerlo. Non avevo amato particolarmente il primo libro; anzi, a dire la verità non mi era affatto piaciuto (QUI la mia recensione). Poco tempo fa, però, mi sono imbattuta nei quattro racconti prequel del romanzo, che mi hanno invece portata ad amare l'impetuosa Celaena Sardothien (QUI la recensione dei racconti). Ed ora sono in trepidante attesa di poter leggere finalmente questo romanzo: sono curiosa sia di vedere come si evolverà la trama sia di vedere se la Maas sia maturata a livello narrativo (e dopo aver letto i racconti sono sicura di sì.). 
Vi lascio alla scheda e alla trama del romanzo. :)

Titolo: La corona di mezzanotte
Autore: Sarah J. Maas
Editore: Mondadori
Prezzo: 17,00 euro
Data di pubblicazione: 10/06/2014

Trama: Celaena Sardothien, paladina del re, ha il compito di uccidere per conto del sovrano, ma la ragazza ha scelto di non portare a termine le missioni a lei affidate: a ognuna delle sue vittime ha dato la possibilità di fuggire e ne ha inscenato la morte. Ora però il suo inganno rischia di essere svelato, forse anche a causa degli antichissimi poteri magici di cui si serve il re, e che dovrebbero essere banditi da decenni. Contrastare questa oscura magia non è semplice, anche perché Celaena si ritrova contesa tra due amori, e non riesce a decidere a quale rinunciare.

martedì 3 giugno 2014

Teaser Tuesday #34

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perchè spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Passarono quella notte accampati in una piccola radura delle Querce Nere, riparati dai grandi alberi e da una densa boscaglia che cancellava lo squallore delle Pianure di Clete. La coltre di nebbia si dissolveva entro la foresta, consentendo di fissare lo sguardo al baldacchino di rami e foglie che si intrecciava alto sopra di loro. Mentre nelle morte pianure non vi era stato segno di vita, fra le querce si udivano nella notte gli insetti, e un brusio di vita animale. Era piacevole udire di nuovo quei suoni, e per la prima volta dopo giorni i tre viaggiatori si sentirono a loro agio. Ma ancora indugiava in loro il ricordo del viaggio precedente, quando si erano perduti per lunghissimi giorni e avevano corso il rischio di venir divorati dai lupi famelici che si aggiravano nella profondità della foresta. E le storie di sventurati viaggiatori che avevano tentato di attraversare quella stessa foresta erano troppo numerose per essere ignorate.
Tuttavia, al limitare delle Querce Nere i tre giovani si sentivano ragionevolmente al sicuro e fecero i preparativi per accendere il fuoco.

Da "La spada di Shannara" di Terry Brooks