giovedì 12 giugno 2014

Recensione: "Il Passaggio" di Justin Cronin

Titolo: Il Passaggio
Autore: Justin Cronin
Editore: Mondadori
Prezzo: 22,00 euro (14,00 euro nell'edizione Oscar Mondadori)
Data di pubblicazione: 22/03/2011

Trama: Nel cuore della foresta boliviana il professor Jonas Lear fa una scoperta destinata a cambiare per sempre il destino dell’umanità: un virus, trasmesso dai pipistrelli che, modificato, è in grado di rendere più forti gli esseri umani, preservandoli da malattie e invecchiamento. In una remota base militare in Colorado, il governo degli Stati Uniti inizia quindi degli esperimenti genetici top secret per studiare i prodigiosi effetti di questa scoperta. È il Progetto Noah, che utilizza come cavie umane dodici condannati a morte e una bambina. L’esperimento però non procede secondo le previsioni e accade ciò che non era neanche lontanamente immaginabile: i detenuti sottoposti alla sperimentazione – i virali – trasformatisi in creature mostruose e assetate di sangue, fuggono dalla base, seminando morte e distruzione. Da quel momento gli eventi precipitano e nessuno è più in grado di controllarli, nessun luogo è più sicuro e tutto ciò che rimane agli increduli sopravvissuti è la prospettiva di una lotta interminabile e di un futuro governato dalla paura del contagio, della morte e di un destino ancora peggiore. L’unica speranza è rappresentata da Amy, piccola superstite del fallimentare esperimento che ha scatenato l’apocalisse: su di lei il virus ha avuto effetti particolari, trasformandola in una pedina fondamentale nella lotta contro i virali. Sarà l’agente dell’FBI Brad Wolgast a salvarla da una fine terribile e a iniziare con lei un’incredibile odissea per liberare finalmente il mondo dall’incubo in cui è precipitato. Il destino dell’umanità è nelle sue mani. Ambientato in un prossimo futuro, Il passaggio non è solo un thriller letterario, ma anche un avvincente romanzo post-apocalittico e una cronaca epica della resistenza umana di fronte al pericolo di una catastrofe senza precedenti.

Recensione: Era ormai da più di un anno che possedevo questo libro ma, spaventata dalla mole (quasi novecento pagine), non mi ero mai decisa a leggerlo. Poi, finalmente, qualche settimana fa ho trovato il coraggio di cominciarlo, e mi sono ritrovata catapultata all'interno di una storia incredibilmente coinvolgente.

Il romanzo, inizialmente ambientato nella nostra epoca, vede come protagonista l'agente dell'FBI Wolgast: l'uomo è incaricato di convincere dodici condannati a morte a dare il consenso ad essere delle cavie umane per una ricerca sperimentale top-secret. Ma, quando gli viene ordinato di prendere Amy, una bambina di sei anni abbandonata dalla madre, l'agente Wolgast comincia a sospettare che dietro alla faccenda degli esperimenti ci sia qualcosa di losco.
Quando l'esperimento fallisce e i dodici carcerati, ormai geneticamente modificati, riescono a fuggire e cominciano ad infettare la popolazione, Amy sembra essere l'unica persona in grado di fermare l'avanzare del virus.

Il romanzo ci catapulta in diverse epoche, che il lettore imparerà a conoscere attraverso il punto di vista di molti personaggi, tutti caratterizzati in maniera stupenda.
Devo dire di aver adorato questo libro: lo scrittore ha saputo gestire egregiamente una storia complessa, difficile e a tratti spaventosa. Consigliatissimo!

Voto: ★★★★★

12 commenti:

  1. È piaciuto molto anche a me, non vedo l'ora che esca l'ultimo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ora dovrò cominciare a leggere "I Dodici" ;)

      Elimina
  2. E' piaciuto tanto anche a me, ma non posso leggere il secondo perché non ricordo il primo. Attenta! Potrei chiederti un riassunto per email :P

    RispondiElimina
  3. Sembra davvero molto avvincente e anche un pò diverso dal solito :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente diverso dal solito e decisamente molto avvincente! :)

      Elimina
  4. molto interessante: ne ho già sentito parlare, ma me lo segno adesso così se mi capita...^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti capita leggilo, è veramente molto bello. :)

      Elimina
  5. Ma che grafica stupenda *___* !! Complimenti Aenor!!
    Questo romanzo mi sa che mi era proprio sfuggito....900 pagine mi terrorizzano...magari per quest'inverno ci farò un pensiero ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Violet :)
      Anche a me facevano paura, ma una volta cominciato l'ho praticamente divorato!

      Elimina
  6. Ciao Aenor!:) Complimenti per la grafica: ci sono i miei colori preferiti!^^ Questo romanzo deve essere stupendo, la trama mi ispira parecchio. I libri voluminosi raramente sono noiosi...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Indil, sono contenta che ti piaccia :D
      In ogni caso sì, a me questo romanzo è piaciuto da morire. *_*

      Elimina