lunedì 29 settembre 2014

Lucky

Buongiorno, lettori.
Vi chiedo scusa se in questi giorni sono stata assente dal mio e dai vostri blog, e vi chiedo scusa in anticipo perché questa settimana non ci sarò. Il fatto è che in questi giorni non ho molta voglia di scrivere recensioni, fare tag stupidi o dedicarmi a qualche teaser; non sono dell'umore adatto.
Il fatto è che sabato scorso è morto Lucky, il mio fratellino peloso. Lucky era un pastore tedesco e ormai era grande, aveva quattordici anni. Da circa tre anni, a causa della vecchiaia, era rimasto paralizzato e da un po' di tempo riusciva a muovere solo la testolina, eppure non aveva mai perso la sua allegria, la voglia di dare e ricevere affetto e il suo amore per la mortadella. :D Era dolcissimo, e mi sento terribilmente in colpa perché non l'ho saputo apprezzare appieno. Tante volte mi arrabbiavo con lui perché negli ultimi due anni non mi faceva mai chiudere occhio la notte, e la mattina andavo a lavoro che sembravo mezza morta. Mi arrabbiavo da morire per questo, lo sgridavo e non sapevo immedesimarmi in quello che provava lui, che essendo paralizzato aveva mille doloretti e aveva bisogno di tante attenzioni. Credo di averlo dato per scontato, e solo ora che non c'è più mi rendo conto di quanto fosse importante, di quanto vuoto ci sia adesso in questa casa e di quanto lui fosse insostituibile. Alcuni potrebbero pensare che tanto "era solo un cane", ma non è vero: era molto di più.
In questi giorni mi stanno tornando in mente tanti ricordi, penso a quando era più giovane e ancora camminava.
La mattina apriva sempre le porte delle nostre camere e veniva a svegliarci dandoci un bacio. Gli piaceva tantissimo la televisione, adorava le partite di calcio ma, se per sbaglio qualcuno girava su Rete 4 mentre c'era Walker Texas Ranger, lui si incavolava da morire perché odiava le scene di violenza!
Aveva una gran paura della pioggia e dei temporali, quando pioveva si nascondeva sempre sotto la mia scrivania e dovevo passare ore intere ad abbracciarlo perché era terrorizzato. Invece adorava la neve, quando nevicava impazziva dalla gioia. Si divertiva da morire a riempirsi la bocca di neve per poi sputarla, che buffo. :)
Ci sono tanti altri aneddoti e tanti altri ricordi, ma non finirei mai di scrivere. Mi piace ricordarlo così, quando ancora stava bene. Spero che adesso, nel Paradiso dei cani, lui possa di nuovo correre, giocare ed essere felice.


giovedì 25 settembre 2014

Oggi in libreria: "Il trono della luna crescente" di Saladin Ahmed

Buon pomeriggio, lettori!
Vi chiedo scusa per la mia assenza prolungata, ma purtroppo la febbre mi si è affezionata e non vuole proprio andarsene; spero di guarire presto perché davvero non ne posso più!

In ogni caso oggi ho deciso di fare una capatina sul blog per presentarvi "Il trono della luna crescente" un romanzo fantasy in uscita oggi per Fanucci e che sembra promettere davvero molto bene: infatti, oltre a essere consigliato da scrittori del calibro di George R. R. Martin, Partick Rothfuss e Rick Riordan, il romanzo è stato anche candidato ai prestigiosi premi Hugo e Nebula.
Vi lascio alla scheda del libro! :)

Titolo: Il trono della luna crescente
Autore: Saladin Ahmed
Editore: Fanucci
Prezzo: 14,00
Data di pubblicazione: 25/09/2014

Trama: Regni della Luna Crescente, territori in cui dimorano santi guerrieri ed eretici, cortigiani e assassini, assoggettati al potere di un feroce Califfo, sono messi a ferro e fuoco da un misterioso furfante che si fa chiamare “il Principe Falco”. Mentre la rivolta incalza, una serie di brutali omicidi che sembrano guidati da una forza sovrannaturale colpisce la città di Dhamsawaat. Adoulla Makhslood, l’ultimo dei cacciatori di ghul, creature fatte d’ombra e dalla pelle di sciacallo, vorrebbe ritirarsi, ma capisce che non è ancora il momento giusto. Insieme al suo giovane assistente Raseed, coraggioso e fiero, e all’affascinante Zamia, capace di risvegliare un’arcana magia, si ritroverà coinvolto nella ricerca della verità su queste morti. In poco tempo i tre diventeranno eroi loro malgrado di una battaglia ben più crudele e spaventosa: non solo sulla città, ma sull’intera umanità, incombe la minaccia di una fine sanguinosa che solo loro possono sventare. Un esordio prestigioso nel solco della migliore tradizione epic fantasy.

sabato 20 settembre 2014

Anteprima: "Raven Boys - Ladri di sogni" di Maggie Stiefvater

Buondì, lettori! :)
Oggi vi segnalo un'uscita che sono sicura molti di voi stanno aspettando: si tratta di "Ladri di sogni", secondo volume della serie "Raven Boys" di Maggie Stiefvater (QUI la mia recensione del primo volume). Vi lascio alla scheda del romanzo, scusate se non scrivo altro ma sono in preda ai deliri della febbre. XD

cover originale

Titolo: Raven Boys - Ladri di sogni
Autore: Maggie Stiefvater
Editore: Rizzoli
Prezzo: 16,00
Data di pubblicazione: Novembre 2014

Trama: Ora che le linee temporali intorno Cabeswater sono state risvegliate, niente per Ronan, Gansey, Blue, e Adam sarà lo stesso.
Ronan, per esempio, si immerge sempre più profondamente nei suoi sogni e i suoi sogni entrano sempre di più nella vita reale.
Nel frattempo, alcune persone molto sinistre sono sulle tracce alcuni degli stessi pezzi del puzzle di Cabeswater a cui Gansey sta dando la caccia…


venerdì 19 settembre 2014

Recensione: "Le cronache delle spade di Inazuma - La figlia della spada" di Steve Bein

Titolo: Le cronache delle spade di Inazuma - la figlia della spada
Autore: Steve Bein
Editore: Fanucci
Prezzo: 17,50
Data di pubblicazione: 30/04/2014

Trama: Mariko Oshiro è l'unico detective donna all'interno del dipartimento della polizia di Tokyo, ed è costretta a lottare per guadagnarsi il rispetto. Decisa a investigare sulle voci di un ingente carico di cocaina in arrivo, si trova invece assegnata al caso che sembra il meno promettente della sua carriera: il tentato furto di un'antica spada da samurai. Il proprietario della spada, il professor Yasuo Yamada, sostiene che sia stata forgiata dal leggendario Inazuma; le sue lame, secondo alcuni, hanno qualità magiche. L'uomo che ha cercato di rubare la spada di Yamada possiede già un'altra Inazuma, una lama il cui potere mortale controlla il cuore e le menti di tutti coloro che la impugnano. Le investigazioni porteranno Mariko a invischiarsi inevitabilmente nelle maglie di una maledizione che dura da secoli e che, ora più che mai, reclama sangue. Mariko sarà l'ultima di una lunga serie di guerrieri e soldati a scontrarsi con questo potere demoniaco, e perfino la spada che imparerà a maneggiare potrebbe rivoltarsi contro di lei...

Recensione: La cosa che, fin da subito, mi ha colpita di questo libro e mi ha spinta a comprarlo è senza dubbio l'ambientazione: infatti, in mezzo a una marea di romanzi fantasy ambientati in mondi scopiazzati dal "Signore degli Anelli" o presi in prestito da "Twilight", la storia de "La figlia della Spada", libro primo della trilogia "Le cronache delle spade di Inazuma" e romanzo d'esordio dell'americano Steve Bein, si svolge interamente nel lontano e affascinante Giappone.

Anche se il personaggio principale è Mariko, l'unica detective donna del dipartimento di polizia di Tokio e la storia si svolge prevalentemente ai giorni nostri, ci sono delle parti del romanzo ambientate nel passato e raccontate attraverso il punto di vista di altri protagonisti: i samurai Saito e Daigoro e il soldato Keiji.
La parte di Mariko mi è piaciuta molto, soprattutto perché lei è una protagonista dotata di grande coraggio e determinazione, ma ho decisamente preferito le parti ambientate nel passato, specialmente i capitoli che vedono il giovane samurai Daigoro come protagonista.
La ricostruzione storica è stata fatta con enorme cura e questo è, secondo me, il principale pregio del romanzo.

"La figlia della spada" viene presentato come un urban fantasy ma, secondo me, il romanzo è più che altro una specie di storico con una spruzzata di giallo e di fantasy qua e là: questo, in ogni caso, non compromette il risultato. Il libro mi è piaciuto molto: è ben scritto e ben strutturato, e spero vivamente che la Fanucci porti presto in Italia anche il secondo capitolo della trilogia.

Voto: ★★★★☆

giovedì 18 settembre 2014

Spazio agli emergenti - segnalazione: "Lo specchio del tempo" di Silvia Devitofrancesco

Buongiorno, lettori!
Oggi vi segnalo il romanzo d'esordio di Silvia Devitofrancesco, una ragazza molto giovane che ha già pubblicato però diversi racconti con alcune case editrici. Come dicevo "Lo specchio del tempo" è il suo primo romanzo: si tratta di un romance a sfondo storico. Vi lascio, come sempre, alla scheda del libro!

Titolo: Lo specchio del tempo
Autore: Silvia Devitofrancesco
Editore: Libro Aperto International Publishing
Data di pubblicazione: 21 luglio 2014
Prezzo: 0,99 (ebook); 12,00 (cartaceo)

Trama: Due donne. Due epoche lontane e diverse tra loro. Due figure femminili tanto diverse, ma mai così simili. Due vite destinate a incrociarsi. Due padri dispotici che vorrebbero muovere le redini delle sorti delle loro figlie, due sogni d'amore da coronare. Due desideri di indipendenza. Il passato e il presente che si incrociano tra le pagine di un manoscritto.

L'autrice: Silvia Devitofrancesco è nata a Bari nel 1990.  Ha conseguito la maturità classica e successivamente la Laurea triennale in Lettere (Curriculum “Editoria e giornalismo”). Sin da piccola ha coltivato la passione per la scrittura che ha sempre considerato affettuosamente una sorta di compagna di vita.
Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati in antologie. Si ricordino, a tale proposito, i racconti: “Semplicemente Elisabetta” nella raccolta “Senti_menti” (Libro aperto international publishing); “Nero” contenuto nel volume “Scritture in libertà” (Il violino edizioni); “Amore, stupido amore”nella raccolta “L'amore è un'erba spontanea” (Alcheringa edizioni), “Sola” posto al termine del romanzo di Monica Portiero “Nora e il bacio di Giuda” (Butterfly edizioni), il racconto“Qui c'è qualcuno di troppo!” pubblicato nell'antologia “Romanticamente chick” (Libro aperto international publishing”.
“Lo specchio del tempo” è il suo primo romanzo pubblicato a cura della casa editrice Libro aperto international publishing.

***

Nel caso siate interessati a comprare il libro, potete farlo QUI. Buona lettura!

mercoledì 17 settembre 2014

Www Wednesday #2

Buongiorno, lettori!
Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


Ho appena cominciato a leggere "La città perduta d'avorio e d'argento" di Stella Gemmell. Sono alle primissime pagine, per cui ancora non mi sono fatta un'idea del romanzo: vi farò sapere cosa ne penso quando lo avrò terminato! :)


What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


Ho appena finito "I draghi del ferro e del fuoco" di Michael Swanwick. Purtroppo, nonostante la mia prima impressione fosse positiva, il romanzo non mi è piaciuto: l'ambientazione è particolare, ma la trama non è riuscita a conquistarmi.

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


Volevo iniziarlo questa settimana, ma poi ho dato la priorità al romanzo della Gemmell. Magari settimana prossima sarà quella buona per leggere "La storia infinita"!

martedì 16 settembre 2014

Teaser Tuesday #46

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perché spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


All'inizio furono le tenebre... pesanti, soffocanti, nerobluastre: le potevi toccare, ti riempivano bocca, orecchie e mente. Poi l'odore... invadente, solido come pietra ruvida sotto i piedi nudi, o come un cuscino sul volto che soffoca il pensiero. Infine, il rumore della fogna: il sospiro incessante dell'acqua corrente, le gocce, i tonfi e i fiotti.
 E il ticchettio di artigli affilati su mattoni bagnati.
 Il ratto era grande e vecchio, un esperto. Non aveva bisogno di luce per seguire i contorti nella labirintica fogna nella quale trascorreva i suoi ultimi giorni. Le zampe rilevavano le più piccole variazioni della superficie dei mattoni lungo i quali correva, ben al di sopra dell'incessante torrente di vita. Le stupefacenti capacità olfattive del mobilissimo naso gli dicevano quanto profondo fosse un torrente e cosa ci fosse dentro: un flusso di superficie portava con sé vegetazione, piccole cose morte, a volte qualcuna più grande, mentre una corrente più profonda e densa recava altre squisitezze all'astuto roditore.

Da "La città perduta d'avorio e d'argento" di Stella Gemmell

lunedì 15 settembre 2014

Nella mia Wishlist #3

Buon pomeriggio, lettori! :)
Oggi volevo parlarvi di un romanzo che ho adocchiato da un po' di tempo. Di solito leggo tantissimi libri fantasy, qualche romanzo storico e un pochino di fantascienza; però, ultimamente, mi è venuta voglia di qualcosa di diverso, anche per spezzare quella che, altrimenti, sta diventando una specie di routine!
Si tratta del romanzo "Il Pipistrello" di Jo Nesbø, scrittore e musicista norvegese. Qualcuno di voi lo ha letto, oppure vi è capitato di leggere qualcosa di questo autore?

Titolo: Il Pipistrello
Autore: Jo Nesbø 
Editore: Einaudi
Prezzo: 19,00 euro
Data di pubblicazione: 01/04/2014

Trama: L'ispettore Harry Hole della squadra criminale di Oslo è in missione fuori sede, a Sidney, per investigare su un caso di omicidio. La vittima è una ragazza norvegese di ventitré anni, abbastanza nota nel suo Paese. Harry è stato mandato lì dai suoi superiori per dare una mano alla polizia locale, con la raccomandazione di stare alla larga dai guai. Ma lui non è tipo da limitarsi a osservare il lavoro degli altri. Man mano che stringe amicizia prima con un detective, poi con una testimone, si fa coinvolgere sempre più nelle indagini. E scopre che l'assassinio è collegato a una serie di altri casi verificatisi in Australia, le cui tracce portano tutte alla figura di uno psicopatico. Nessuna tra le persone impegnate nell'inchiesta può però sentirsi al sicuro. Tanto meno Harry Hole.

venerdì 12 settembre 2014

Recensione: " I pilastri della Terra" di Ken Follett

Titolo: I pilastri della terra
Autore: Ken Follett
Editore: Mondadori
Prezzo: 15,00
Data di pubblicazione: Ottobre 1990

Trama: Un mistery, una storia d'amore, una grande rievocazione storica: in quella che è la sua opera più ambiziosa e acclamata, Ken Follett tocca una dimensione epica, trasportandoci nell'Inghilterra medievale al tempo della costruzione di una cattedrale gotica. Intreccio, azione e passione si sviluppano così sullo sfondo di un'era ricca di intrighi e tradimenti, pericoli e minacce, guerre civili, carestie, conflitti religiosi e lotte per la successione al trono. Un grande romanzo che si sviluppa lungo più di quarant'anni di storia, i cui indimenticabili protagonisti sono vittime o pedine di avvenimenti che ne segnano i destini e rimettono continuamente in discussione la costruzione della cattedrale.

Recensione: Recensire un romanzo di questo calibro non è assolutamente facile, soprattutto perché ha avuto un successo straordinario: dopo ventiquattro anni, infatti, lo si trova ancora sugli scaffali di qualsiasi libreria. Ne ero sempre stata attratta ma, spaventata dalla mole immensa, non mi ero mai decisa a leggerlo fino a poco tempo fa.

Il romanzo è ambientato in Inghilterra durante il Medioevo, e la storia dei vari protagonisti -Tom, Aliena, Philip, Jack- si sviluppa intorno alla costruzione di una cattedrale. La ricostruzione storica è davvero minuziosa, e per tutta la durata del libro mi è sembrato di essere catapultata indietro nel tempo di mille anni. Follett è stato davvero bravo sotto questo punto di vista: è veramente riuscito a far rivivere al lettore il Medioevo, sotto tantissimi aspetti, grazie alle difficoltà che incontrano i protagonisti ma anche grazie alle minuziose descrizioni della vita quotidiana dell'epoca.
Anche i personaggi riescono a rimanere impressi, perché sono tutti caratterizzati molto bene; in particolare devo dire di essermi molto affezionata ad Aliena. Un personaggio che, nonostante sia ben caratterizzato, non è riuscito a convincermi del tutto è William, uno dei principali antagonisti: secondo me è il classico cattivo "perché sì"; è cattivo e basta, non ha sfaccettature.

Una cosa che invece non mi è piaciuta del romanzo è la sua ripetitività: sia chiaro, il libro non è assolutamente noioso nonostante le sue mille e più pagine, però a lungo andare assistiamo sempre allo stesso schema: uno dei protagonisti si trova di fronte ad un problema all'apparenza privo di soluzione a causa di William, ma alla fine riesce a risolverlo. Poi torna William, crea un altro problema e i protagonisti si devono rimboccare le maniche e così via... Follett si è allontanato da questo schema soltanto in un paio di occasioni ma, se avesse osato un pochino di più, secondo me il risultato sarebbe stato migliore.

In ogni caso il romanzo mi è piaciuto molto; e nonostante la sua mole l'ho letto in pochissimi giorni.

Voto: ★★★★☆

giovedì 11 settembre 2014

Anteprima: "Gold" di Kerstin Gier

Buongiorno, lettori!
Oggi vi presento un romanzo che sicuramente molti di voi aspettano: si tratta di "Gold", secondo romanzo della nuova serie della scrittrice tedesca Kerstin Gier. Con "Gold" continueremo a seguire le avventure della giovane Liv Silver. Anche se "Silver", il precedente romanzo della serie (QUI la mia recensione), non mi aveva convinta del tutto, sono curiosa di sapere come si evolveranno gli eventi.
Vi lascio alla scheda e alla trama del romanzo! :)

Titolo: Gold
Autore: Kerstin Gier
Editore: Corbaccio
Prezzo: 16,40
Data di pubblicazione: 06/11/2014

Trama: Liv è agitata: Secrecy conosce i suoi segreti più intimi. Come fa? Cosa le nasconde Henry? Quali cupe forme ci sono negli infiniti corridoi del mondo dei sogni? Perché la sorella Mia inizia improvvisamente ad essere sonnambula? Incubi, movimenti misteriosi e selvaggi inseguimenti contribuiscono a non farla dormire bene, in aggiunta Liv si deve confrontare durante il giorno con le problematiche di una nuova famiglia multiculturale unita da una intrigante nonna. La verità è, che ci sono persone, che ancora hanno un conto in sospeso con lei…sia di giorno che di notte…

mercoledì 10 settembre 2014

Www Wednesday #1

Buongiorno, lettori!
Era da un po' che pensavo di introdurre una nuova rubrica, e ho deciso di optare per la carinissima "Www Wednesday", ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)

- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


Ho appena iniziato "I draghi del ferro e del fuoco" di Micheal Swanwick. E' la prima volta che leggo un libro di questo scrittore e, anche se sono alle primissime pagine, sto già adorando il suo stile e la sua incredibile fantasia!

What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


Ho terminato da poco "L'Occhio del Mondo", primo libro della serie "La ruota del tempo" di Robert Jordan e "Fahrenheit 451" di Bradbury.
"L'Occhio del Mondo" all'inizio lo trovavo pesante e molto derivativo ma, andando avanti con la storia, mi sono appassionata. Credo che a breve leggerò il secondo capitolo della serie.
"Fahrenheit 451" ha un messaggio profondo e molto bello, ma la scrittura non è esattamente scorrevole.

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


Forse leggerò "La storia infinita" mi Michael Ende, ma non ne sono sicura: dipende tutto dall'ispirazione del momento!

Quali sono, invece, le vostre letture? :)

martedì 9 settembre 2014

Teaser Tuesday #45

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perché spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


La stanza era vuota. Una parete era tutta finestre dall'altezza della cintola al soffitto, con i vetri dipinti in variegati disegni di grigio e di blu smorto per ridurre la distrazione ambientale e promuovere l'efficienza lavorativa. Ne entrava una luce pallida, invernale, che non proiettava ombre. Sottili crepe dove la vernice si era arricciata lungo i bordi del telaio erano dolorosamente luminose. 
 Sotto le finestre, un lungo banco da laboratorio era ingombro di apparecchiature di collaudo. Tre oscilloscopi vibravano mutevolmente, lente onde sinusoidali ad angolo retto strisciavano sugli schermi. Camici bianchi erano stati appesi in fretta agli attaccapanni a muro o gettati sugli alti sgabelli di legno, come se i tecnomanti di basso livello che di solito lavoravano lì dentro si fossero allontanati all'improvviso per un disastri industriale. Dall'altra parte della stanza, un bulbo oculare di drago di nuovo modello, alto quanto lei, scrutava da una scatola di collaudo. Clic. L'occhio ruotò per guardare lei.
 Jane rabbrividì, infelice. Cercò di immaginare quale punizione le avrebbe inflitto Blugg per il suo crimine e non ci riuscì. In ogni caso, sarebbe stata terribile. Attraversò lentamente la stanza, poi tornò indietro: il rumore dei suoi passi rimbalzò dall'alto soffitto. L'occhio di drago seguì i suoi movimenti.

Da "I draghi del ferro e del fuoco" di Micheal Swanwick

lunedì 8 settembre 2014

Ice Cream Book Tag

Buongiorno, lettori!
Oggi, nonostante l'estate sia agli sgoccioli (ma perché, è iniziata?), proverò a cimentarmi in questo simpatico tag, che ho scovato sul blog A Game of T.A.R.D.I.S. di Katerina.

Pistacchio: un libro con una cover verde


"Vita di Tara" di Graham Joyce ha una cover decisamente verde! Il libro mi ispira un sacco e ne ho sentito parlare molto bene, per cui credo proprio che a breve lo leggerò.

Nocciola: una serie molto lunga che vorresti leggere quest'estate ma che probabilmente non farai e perché


Prima o poi comincerò la serie de "La spada della verità" di Terry Goodkind, perché sono anni che la adocchio in libreria. Semplicemente, visto che al momento sto leggendo altre quattordicimila serie, non ho il coraggio di iniziarne un'altra.

Fragola: il libro con la storia d'amore più dolce


Ho scelto "La chimera di Praga" di Laini Taylor perché ci sono dei capitoli flashback con una bella storia d'amore che mi è rimasta abbastanza impressa. In ogni caso, in genere non mi piacciono le storie d'amore nei romanzi.

Vaniglia: il tuo classico preferito


"Storia di una capinera" di Verga di solito è abbastanza bistrattato, ma a me è piaciuto tanto ed è uno dei pochissimi libri che ho letto più di una volta.

Menta: un libro per bambini che ti piace


"Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare" è il primo libro che ho letto in vita mia, e mi rimarrà sempre nel cuore.

Fiordilatte: un libro molto lungo che hai letto velocemente


"Il dardo e la rosa" di Jacqueline Carey: 888 pagine divorate in tre giorni!


venerdì 5 settembre 2014

Recensione: "La corsa delle onde" di Maggie Stiefvater

Titolo: La corsa delle onde
Autore: Maggie Stiefvater
Editore: Rizzoli
Prezzo: 16,50
Data di pubblicazione: 19/09/2012

Trama: All'inizio di novembre, la spuma del mare regala alla spiaggia dell'isola di Thisby i cavalli d'acqua, creature leggendarie e selvagge che gli abitanti montano nelle Corse dello Scorpione, gare capaci di regalare ai vincitori fama e denaro, ma anche la morte. Così è successo al padre di Sean, che a diciannove anni è ora il più abile domatore di cavalli dell'isola, ma anche a Kate, a cui i cavalli d'acqua hanno strappato entrambi i genitori, e che nella Corsa dello Scorpione vede l'occasione per garantire ai fratellini un futuro diverso, migliore... La Corsa si trasformerà per entrambi in molto di più: in qualcosa che cercano, che sognano, che amano.

Recensione: Mi ero innamorata a prima vista di questo libro uscito ormai da due anni, ma non sono riuscita a leggerlo fino a poche settimane fa. La cosa che mi incuriosiva e che mi aveva colpita fin da subito era la rivisitazione del tutto personale del mito dei cavalli d'acqua; in più avevo voglia di approfondire un po' la mia conoscenza delle opere di quest'autrice, di cui avevo letto soltanto "Raven Boys".

Il romanzo è ambientato nella solitaria isola di Thisby, che impariamo a conoscere grazie al punto di vista dei due protagonisti: Kate detta Puck, un'orfana scontrosa ma molto determinata e Sean, un ragazzo solitario e un po' particolare.

Devo dire che l'ambientazione, i personaggi e l'idea della Corsa dello Scorpione, in cui i partecipanti cavalcano questi misteriosi e pericolosissimi cavalli d'acqua mi sono piaciuti; purtroppo però il romanzo non mi ha convinta. Il problema risiede nell'eccessiva lentezza con cui si svolgono i fatti: vediamo Puck allenarsi, Sean allenarsi, Puck essere emarginata, Sean allenarsi, Puck allenarsi... e questo va avanti all'infinito, tanto che, per arrivare alla fatidica corsa su cui si basa tutto il romanzo, dobbiamo aspettare gli ultimi capitoli.
Purtroppo, secondo me, l'eccessiva lentezza con cui viene sviluppata la storia ha rovinato un romanzo che poteva essere davvero appassionante, rendendolo incredibilmente noioso e ripetitivo.

Voto: ★★☆☆☆

mercoledì 3 settembre 2014

Spazio agli emergenti - segnalazione: "Red Carpet" e "Asphodel" di Giorgia Penzo

Buon pomeriggio, lettori! :)
Oggi vi presento i due romanzi dell'autrice e blogger Giorgia Penzo, editi dalla GDS Edizioni. Probabilmente alcuni di voi ne hanno già sentito parlare: i romanzi in questione sono "Red Carpet" e "Asphodel". Vi lascio alla scheda dei libri!

 Titolo: Red Carpet
Autore: Giorgia Penzo
Serie: Red Carpet #1
Editore: GDS
Data di pubblicazione: 2013
Prezzo: 1,99 (ebook); 16,90 (cartaceo)

Trama: In un presente alternativo, il vampirismo non è più un morbo da debellare ma una risorsa sulla quale investire. Lo sa bene Elizabeth “Lise” Scott, giovane e arrivista responsabile delle negoziazioni alla Immortality Awaits Corporation, l’unica società al mondo in grado di rendere reale il più grande sogno dell’uomo: vivere per sempre. Elizabeth è un brillante avvocato specializzato nella difesa dei vampiri e il legale personale del presidente dell’Immortality Awaits, Ryan J. Constant, uno dei pochissimi pluricentenari in grado di trasmettere il virus dell’immortalità attraverso il proprio sangue. L’arrivo di Adam Reese, arrogante immortale del Vecchio Mondo con un conto in sospeso con il passato, costringerà Elizabeth ad affrontare la sfida più importante della sua carriera. Obbligata dalle circostanze e dal suo orgoglio, si ritroverà al cospetto di un misterioso tribunale segreto – la Corte di Erebo – in un processo che affonda le sue radici ai tempi della Rivoluzione francese.

***


 Titolo: Asphodel
Autore: Giorgia Penzo
Serie: Red Carpet #2
Editore: GDS
Data di pubblicazione: 2013
Prezzo: 2,49 (ebook); 13,90 (cartaceo)

Trama: È trascorso poco più di un anno dal processo davanti alla Corte di Erebo e, questa volta, i problemi per l’avvocato Scott piovono dall’alto: la Santa Sede vuole che l’Immortality Awaits Corporation chiuda i battenti, pena la scomunica per tutti coloro che entreranno in contatto con gli immortali.
Come se non bastasse, dopo una cena con Elizabeth, Ryan allontana violentemente la ragazza senza una ragione apparente.
Il suo oscuro passato tornerà a tormentarlo nelle vesti di una donna, antica quanto crudele, che stravolgerà le carte in tavola esigendo la vita di Lise. L’unica speranza di salvezza è ritrovare l’oggetto da cui la vampira è ossessionata, andato perduto da ormai seimila anni.
Per Ryan ed Elizabeth inizia una frenetica corsa contro il tempo, guidati dall’enigmatica profezia dell’Oracolo di Delfi: una ricerca che li porterà a far luce sui propri sentimenti e a scoprire quanto cedervi possa essere pericoloso.

L'autrice: Giorgia è nata a Reggio Emilia nel 1987. Dopo aver conseguito la maturità magistrale, s’iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Parma dove si laurea a pieni voti. Le discipline a cui resta particolarmente legata sono Filosofia e Storia del diritto.
Essendo da sempre interessata al passato e ai suoi protagonisti, la storia e la ricerca sono parte integrante della sua passione per la scrittura. I suoi interessi spaziano dalla mitologia classica, fino all’arte e il cinema.
È autrice di diversi racconti, e di una duologia urban fantasy composta dai romanzi “Red Carpet” e “Asphodel“ (Editrice GDS).
A Marzo 2014, con il racconto “La Stella di Seshat”, si classifica al terzo posto nel concorso letterario #SEMantica 22 indetto dalla casa editrice SEM Edizioni.
Con la casa editrice digitale Genesis Publishing ha pubblicato il saggio storico giuridico “I processi a Luigi XVI e Maria Antonietta – Dal trono al patibolo”.

martedì 2 settembre 2014

Teaser Tuesday #44

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perché spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Giunsero a Carysford, a sera inoltrata, più tardi di quanto avevano calcolato basandosi sulle parole di mastro Kinch. Rand si domandò se il suo senso del tempo funzionasse ancora: erano trascorse solo tre notti dall'incontro con Howal Gode e Four Kings, due da quanto Paitr li aveva sorpresi a Market Sheran, solo uno da quando la sconosciuta aveva cercato di ucciderli nella stalla della locanda; ma perfino quest'ultimo avvenimento sembrava risalire a un anno prima, a una vita prima. 
Comunque, carysford sembrava un villaggio normale, a prima vista. Linde case di mattoni coperte da rampicanti e viuzze strette, a parte dal Strada per Caemlyn: un paesino tranquillo e pacifico, esteriormente. Ma cosa c'era, al di sotto? Anche Market Sheran sembrava tranquillo, e così il villaggio seguente, dove quella donna... Rand non aveva mai saputo il nome di quel villaggio e non osava neppure pensarci.

Da "L'occhio del Mondo" di Robert Jordan

lunedì 1 settembre 2014

The Very Inspiring Blogger Award

Buon pomeriggio, lettori! 
Finalmente, con circa un mese di ritardo, anche io ce l'ho fatta a fare questo carinissimo tag/award. u_u
Vorrei ringraziare tutte le persone che mi hanno nominata: SophieIleniaKaterinaGiadaAnitaLaura e MartinaElisabetta! Spero di non aver dimenticato nessuno!

Ecco le regole:
- Ringraziare la persona che ti ha nominato
- Condividere 7 fatti su di te
- Nominare altri 15 blog e lasciare un commento per fargli sapere che sono stati nominati
- Mostrare il logo del premio sul tuo blog e seguire il/la blogger che ti ha nominato

Sette fatti su di me: 
- Da bambina ero fissata con le stelle e volevo fare l'astronoma;
- Non riesco a vedere film e telefilm da sola, perché mi addormento entro i primi tre minuti;
- Se fosse per me mangerei la pizza tutti i giorni, anche a colazione;
- Adoro la scandinavia e vorrei tanto visitare la città di Tromso, in Norvegia;
- Sono fissata con Google Maps;
- So che Tromso non si scrive così, ma non mi va di andare a cercare la lettera giusta sulla Mappa Caratteri;
- Sì, sono pigra.

Scusate, ma non mi venivano in mente gli ultimi due fatti su di me... Cioè, mi venivano solo cose imbarazzanti, per cui accontentatevi. XD

Per quanto riguarda le nomination verso i blog che seguo: non so se si possono nominare le persone che hanno nominato me ma, visto che io i loro blog li adoro e li seguo sempre, li nomino lo stesso. :D



Anteprima: "Millennio di fuoco - Raivo" di Cecilia Randall

Buongiorno, lettori! :)
Questa mattina vi presento un romanzo che stavo aspettando da quasi un anno: si tratta del secondo e ultimo capitolo della serie "Millennio di Fuoco" della bravissima Cecilia Randall. Per chi non conoscesse la serie, QUI potete leggere la mia recensione di "Millennio di Fuoco - Seija". Vi lascio alla stupenda copertina e alla scheda del romanzo!

Titolo: Millennio di Fuoco - Raivo
Autore: Cecilia Randall
Editore: Mondadori
Prezzo: 16,00
Data di pubblicazione: 16 Settembre 2014

Trama: Baviera 1999 d.C.
Dopo molte battaglie e peripezie Seija, l’Eroina di Etten, è finalmente riuscita a fuggire dal castello di Raivo, l’umano convertito alla causa dei demoniaci vaivar, che tanta morte e distruzione ha seminato sul suo cammino. Eppure qualcosa in lei è cambiato per sempre. Conosce il motivo per cui Raivo ha voltato le spalle agli umani, accettando di trasformarsi nella creatura che guida gli eserciti dei demoni. Sa che lui, che il mondo adesso teme e chiama “il Traditore”, è stato in realtà il primo a essere stato tradito, secoli prima, il giorno in cui una congiura di palazzo ha sterminato il suo popolo e ucciso la donna che amava. Quella donna identica a lei. Quella donna che lui non ha mai dimenticato. Per questo, adesso che ha perduto le tracce di Seija, è pronto a tutto per ritrovarla.
Seija, nel frattempo, come un animale in gabbia, è tenuta lontana dai campi di battaglia, destinata a sposare il principe Lothar di Svevia e a ricompattare le fila degli umani.
Ma forse le cose non sono come sembrano. Forse sia nell'alto consiglio degli umani sia in quello dei vaivar, agli ordini della terribile regina Ananta, ci sono forze che cospirano di nuovo per il proprio potere personale, indifferenti all'esito della guerra.
Mentre un’attrazione inesorabile come il destino spinge Seija e Raivo alla resa dei conti, tra nemici, amici, traditori, fantasmi del passato e incubi del presente, gli eserciti di uomini e demoni si preparano allo scontro più sanguinoso. Chi vedrà l’alba del nuovo millennio?