venerdì 12 dicembre 2014

Recensione: "Perfetto" di Alessia Esse

Titolo: Perfetto (La trilogia di Lilac #1)
Autore: Alessia Esse
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 2,99
Data di pubblicazione: 12/11/2012

Trama
In un futuro non molto lontano, la popolazione è composta esclusivamente da donne. La Sindrome ha ucciso tutti gli individui di sesso maschile, e la riproduzione è possibile solo grazie al midollo osseo. Gli effetti della Sindrome sono stati talmente devastanti per le donne sopravvissute che ricordare quei giorni è proibito, così come è proibito parlare degli uomini. Musica, film, libri, arte: tutto quello che riguarda il genere maschile è sepolto sotto il dolore.
Nel paesino francese di Malorai, un angolo di paradiso ai piedi di una cascata, Lilac Zinna si prepara al diploma. Diciassette anni, un amore sconfinato per la Storia Moderna e per le regole, Lilac sta per diventare un'insegnante, coronando il suo sogno e quello della nonna Francesca, che si occupa di lei da quando è nata. Lilac è al settimo cielo, e non solo perché sta per diplomarsi: alla cerimonia solenne parteciperà anche Vega G, la donna a capo del governo femminile che regola il mondo. 
E quando Vega G si mostra eccezionalmente interessata alla vita di Lilac, arrivando perfino ad offrirle un lavoro per il governo, Francesca - che nasconde un segreto tanto importante quanto pericoloso - decide di affidare sua nipote a qualcuno che avrà il compito proteggerla: due uomini.
Nel viaggio che la porterà lontano da Malorai e da tutto ciò in cui ha finora creduto, Lilac conoscerà un mondo nascosto, imparerà che il cuore può battere forte, e non solo per paura, e scoprirà chi è davvero Vega G.


Recensione
"Perfetto" è il primo volume della "Trilogia di Lilac", una serie distopica tutta italiana firmata dalla penna di Alessia Esse.
Nel mondo in cui vive Lilac gli uomini non esistono più: sono infatti stati decimati anni prima dalla "Sindrome". Le donne, uniche superstiti, hanno trovato un nuovo modo di vivere grazie all'USP e alla sua presidentessa Vega G. Ora, per tentare di cancellare il dolore causato dalla perdita degli uomini, tutto quello che li riguarda è pesantemente censurato: non si possono, ad esempio, sentire canzoni cantate dagli uomini o vedere dei film in cui sono presenti.
Lilac però presto scoprirà che non è tutto oro ciò che luccica: la società creata da Vega G non è perfetta e, al contrario di quanto ha sempre creduto durante tutta la sua vita, gli uomini non si sono estinti.

Ho trovato l'idea di questo romanzo molto carina e, in più, lo stile semplice dell'autrice ha fatto sì che leggessi "Perfetto" tutto d'un fiato. Anche i personaggi sono ben caratterizzati e descritti, e ognuno di loro ha una propria voce, una propria personalità che li ha resi unici.

Il libro però, per i miei gusti, ha una trama un po' troppo lineare e, a parte per l'inizio, non ci sono dei veri e propri colpi di scena. In più, durante la lettura ho trovato dei controsensi non indifferenti: ad esempio le piante non esistono più, e infatti tutte quelle che ci sono nella città di Lilac (e anche quelle presenti nel bosco attorno al centro abitato) sono finte. In più le persone si nutrono con delle pillole create in laboratorio. Però la nonna di Lilac, per un motivo che non vi sto a spiegare, compra l'equivalente di tre case in semi. Leggendo mi sono chiesta: in una nazione in cui le piante sono tutte di plastica e le persone mangiano pillole, qualche azienda suicida si metterebbe mai a produrre e vendere semi? A cosa servono, chi li comprerebbe? Questo e altri controsensi mi hanno fatto storcere un po' il naso.
Nel complesso, però. il libro è carino, si legge bene e l'idea di base è originale, per cui credo che continuerò la lettura di questa trilogia.

Voto
★★★☆☆


11 commenti:

  1. Ecco finalmente la recensione!!
    Hm... Ne ho sempre sentito parlare solo benissimo e, come sai, nonostante mi attirino, non vado mai dietro alle cose troppo 'elogiate' o 'pompate'.. Quindi mi fa piacere per una volta vedere una recensione diversa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ogni caso l'idea di base è originale e la storia si legge tutta d'un fiato, quindi te lo consiglio :)

      Elimina
  2. Mi piacerebbe leggere questa trilogia.. l'idea di base non mi dispiace per niente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, l'idea di base a me è piaciuta molto! ^_^

      Elimina
  3. Una storia particolare devo dire.. però non mi convince al 100%, non so neanche che cosa non mi prenda...boh u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo l'idea di base è molto bella, anche se ci sono delle piccole pecche qua e là... In ogni caso ti consiglio di leggerlo :)

      Elimina
  4. Io penso che lo leggerò prima o poi, anche perché ce l'ho e poi perché ne ho sentito parlare davvero benissimo! Qualche imperzione ci sta anche, soprattutto considerato che è il primo libro di una trilogia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte qualche imperfezione l'ho trovato carino e, come dicevo, l'idea di base mi è piaciuta tantissimo! ^^

      Elimina
  5. Io l'ho vista spesso in giro, ma qualcosa mi ha sempre trattenuta dall'iniziarla. Dopo la tua recensione credo che rimanderò ancora un po'. I controsensi non sono il mio forte, quando ne trovo, tendo a prenderla male :)
    Complimenti per la recensione, precisa e concisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! ^_^
      In ogni caso ti consiglio di leggerlo, a parte qualche difetto è comunque molto carino ;)

      Elimina