venerdì 16 gennaio 2015

Recensione: "Scrivimi ancora" di Cecelia Ahern

Titolo: Scrivimi ancora
Autore: Cecilia Ahern
Editore: Bur
Prezzo: 17,00
Data di pubblicazione: 31/08/2005

Trama
Rosie e Alex sono due compagni di banco legati fin da piccoli da una fortissima amicizia che presto rivela i connotati di un amore negato, nascosto, rimandato. Quando le circostanze della vita li dividono, una fitta corrispondenza continua a mantenerli uniti per quasi cinquant'anni, in una danza di riavvicinamenti e apparenti distacchi, in una graduale presa di coscienza dei rispettivi sentimenti, ma sempre in controtempo, in uno sfiorarsi dei destini che non trova mai la strada maestra.

Recensione
Ormai lo avranno capito anche i sassi, probabilmente: non sono una grande amante dei romanzi rosa. Però, complici il trailer del film tratto dal romanzo che mi è capitato di vedere al cinema e le tante recensioni positive che ho adocchiato sui vari blog, ho deciso di cimentarmi nella lettura di "Scrivimi ancora".
Il romanzo è scritto in forma epistolare, e il lettore scopre pian piano la storia di Rosie, Alex e degli altri personaggi attraverso le loro lettere, cartoline, e-mail, messaggi di chat e sms. Per questo motivo, il romanzo risulta molto colloquiale, leggero e facile da leggere: non sono riuscita a staccare gli occhi dalle pagine nemmeno per un minuto, e l'ho terminato praticamente in un attimo.
La cosa carina di questo romanzo è il fatto che, attraverso i bigliettini sgrammaticati scambiati a scuola, conosciamo Rosie e Alex sin da quando sono bambini, per poi seguirli durante l'adolescenza e l'età adulta, che porterà i due protagonisti, inconsapevolmente innamorati, a separarsi per seguire strade diverse e molto lontane tra loro.
La storia è molto dolce e simpatica, e non si può fare a meno di tifare per la sfortunata ma caparbia Rosie e per il suo lieto fine.
Una cosa che un po' mi ha lasciata perplessa, però, è che a occhio e croce gran parte del romanzo dovrebbe essere ambientato verso la prima metà degli anni novanta, però la protagonista non fa altro che mandare sms ed e-mail. Non so voi, ma a me questa cosa sembra un po' forzata, perché in quegli anni questo tipo di tecnologia non era alla portata di tutti. Un'altra cosa un po' strana è che la protagonista, a un certo punto della storia, comincia a frequentare una chat in cui conosce alcuni utenti: Divorziata_1. Cuore solitario, Fiore selvatico e Insicura. La storia prosegue, e a distanza di circa quindici anni, Rosie frequenta ancora la stessa chat, in cui ci sono ancora gli stessi identici utenti.
A parte queste piccole perplessità il libro risulta comunque carino e, come ho scritto sopra, è molto dolce e leggero. Quindi, se avete voglia di una lettura simpatica e non troppo impegnativa, questo è il libro che fa per voi. :)

Voto
★★★☆☆ e ½

10 commenti:

  1. Ciao :)) questo libro mi ispira moltissimo nonostante non sia proprio il mio genere, vedrò di comprarlo e dargli una possibilità :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se poi lo leggi fammi sapere cosa ne pensi ^^

      Elimina
  2. Si legge tutto in un soffio! Ma sai che non ci avevo fatto caso alla questione della chat? >-<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È che sono puntigliosa da morire, io XD Comunque sì, si legge tutto d'un fiato :)

      Elimina
  3. Nemmeno io avevo fatto caso alla questione della chat! Però hai ragione! Comunque l'ho adorato, è un libro dolcissimo! *__*

    RispondiElimina
  4. Ciao :)
    Anche io ho letto e recensito questo libro!
    L'ho trovato molto simpatico e spiritoso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io! Infatti credo che andrò a cercarmi altri libri dell'autrice :)

      Elimina
  5. Hai ragione.. non puoi non tifare per Rosie ^_^

    RispondiElimina