giovedì 30 aprile 2015

Recensione: "Le cronache delle spade di Inazuma. L'anno del demone" di Steve Bein

Titolo: L'anno del demone
Autore: Steve Bein
Serie: Le cronache delle spade di Inazuma #2
Editore: Fanucci
Prezzo: 17,50 (cartaceo); 9,99 (ebook)
Data di pubblicazione: 27/11/2014

Trama
Oshiro Mariko, l'unico detective donna del Dipartimento della Polizia Metropolitana di Tokyo, ha ricevuto la sperata promozione nella squadra Narcotici, e con essa arrivano nuovi colleghi, un nuovo caso, e un nuovo pericolo. Uno dei capi della yakuza ha messo una taglia sulla sua testa, ed è disposto a fare un passo indietro solo se lei ritroverà un'antica maschera scomparsa dalla sua abitazione a seguito di un raid della polizia. Ma Mariko non sa che quella maschera ha un potere ipnotico, né che è legata a un antico culto omicida, e non sa nemmeno come possa essere collegata alle spade di Inazuma, che lei stessa ha imparato a maneggiare. Sa solo che deve agire in fretta, prima che il potere della maschera metta in ginocchio l'intera Tokyo e la yakuza torni a reclamare la sua testa.

Recensione:
Vi avevo già parlato della serie di Steve Bein, di cui qualche mese fa avevo recensito "La figlia della spada", primo capitolo della trilogia. Avevo grandi aspettative riguardo questo secondo volume e, per fortuna, "L'anno del demone" non mi ha minimamente delusa.


Il romanzo riprende  le vicende della detective Oshiro Mariko, unica donna del Dipartimento di Polizia Metropolitana di Tokyo: questa volta Mariko avrà a che fare con una setta di ninja e con una strana maschera medievale che, a quanto pare, è in qualche modo attratta da Vittoria Gloriosa Indesiderata, una delle antiche e leggendarie spade create dal maestro Inazuma.
Come sempre, alla storia della determinata e coraggiosa detective Mariko, Steve Bein ha deciso di affiancare altre storyline, ambientate però nel passato: in questo secondo volume incontreremo il giovane samurai Daigoro, personaggio che era già apparso ne "La figlia della spada"; e Kaida, una ragazzina con un braccio solo che, come Mariko, avrà a che fare con la misteriosa setta ninja del Vento e con la maschera.
Nonostante io abbia apprezzato moltissimo sia Mariko che Kaida, il mio personaggio preferito di questa serie rimane Daigoro, soprattutto grazie alle vicende che ruotano attorno a lui e alle sfide che è costretto, suo malgrado, ad affrontare.

Vi consiglio, se non lo avete già fatto, di iniziare questa avvincente e particolare saga: non ve ne pentirete!

Voto
★★★★☆ e ½

8 commenti:

  1. Sono molto incuriosita da questa serie.. la storia, un pò diversa dal solito, mi ispira parecchio!

    RispondiElimina
  2. Uh devo sbrigarmi a leggere il primo!!! *___*

    RispondiElimina
  3. Mamma mia che bella che è questa serie, mi ispira sempre di più ogni volta che ne sento parlare, insomma la voglioooo *________*

    RispondiElimina
  4. Ciao, ho praticamente divorato i primi 2 libri ma su internet non si trova traccia del terzo se non in inglese e credo che non venga pubblicato in italiano...

    RispondiElimina
  5. Ciao, ho praticamente divorato i primi 2 libri ma su internet non si trova traccia del terzo se non in inglese e credo che non venga pubblicato in italiano...

    RispondiElimina