giovedì 11 giugno 2015

Recensione: "P.S. I love you" di Cecelia Ahern

Titolo: P.S. I love you
Autore: Cecelia Ahern
Editore: Rizzoli
Prezzo: 9,90
Data di pubblicazione: 08/10/2008

Trama
Holly e Gerry sono una di quelle coppie che vivono in simbiosi e fanno tutto insieme. Quando, all'improvviso, Gerry muore, Holly è devastata, ha l'impressione che la sua esistenza non abbia più alcun significato. Ma è anche arrabbiata, si sente tradita: lui aveva promesso che non l'avrebbe mai lasciata, come può ora farcela da sola? Gerry aveva previsto tutto questo e un giorno il postino recapita a Holly una busta da cui escono dieci lettere, ciascuna con il nome di un mese scritto sopra, e un dolcissimo "P.S I love you" in chiusura.

Recensione
Avevo già avuto modo, qualche mese fa, di leggere e apprezzare un altro romanzo di Cecelia Ahern: avevo trovato "Scrivimi ancora" molto dolce e carino, per cui ho deciso di leggere qualcos'altro di questa autrice.
Mi sono imbattuta subito in "P.S. I love you", romanzo d'esordio di Cecelia Ahern che, grazie al successo ottenuto, è anche diventato un film.

Protagonista del romanzo è Holly, giovane donna appena trentenne che ha da poco perso il marito: Gerry è infatti morto a causa di un tumore al cervello, e Holly non riesce a darsi pace. Da mesi non esce di casa, non ha più un lavoro e non riesce a pagare le bollette, ma non le importa: senza Gerry al suo fianco, la sua vita sembra non avere più un senso.
Un giorno, però, Holly riceve una busta proprio da Gerry: il marito, prima di morire, ha infatti deciso di prendersi cura un'ultima volta di lei, scrivendo una lista di cose che Holly dovrà fare durante l'anno, per aiutarla a riprendere in mano la sua vita.

Ho trovato questo romanzo semplicemente delizioso: è dolce, profondo e riflessivo ma anche leggero e pieno di personaggi di cui è impossibile non innamorarsi.
Piano piano assistiamo alla rinascita di Holly, che impara, grazie all'aiuto di Gerry, a vivere con la sola forza delle sue gambe e a sorridere di nuovo.

A volte, a causa di alcune piccolezze,  si nota che questo è un romanzo d'esordio. Nonostante ciò, la lettura di questo libro mi ha veramente rapita, e spero di leggere a breve altri romanzi della Ahern.

Voto
★★★★☆

18 commenti:

  1. Sono proprio contenta che ti sia piaciuto.. la Ahern mi aveva conquistata con Scrivimi ancora, ho quasi tutti i suoi libri in wishlist ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io! :) Questo, comunque, mi è piaciuto anche di più rispetto a Scrivimi Ancora :)

      Elimina
  2. Ho apprezzato davvero molto Scrivimi ancora, perciò questo libro fa parte della mia wl!

    RispondiElimina
  3. Ho rivisto il film qualche mese fa, e visto che Scrivimi ancora mi era piaciuto così tanto, ho deciso che leggerò anche questo, che da sempre mi stava un pò "antipatico", non so dirti per quale motivo >-<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film non l'ho visto, anche perché ho dato un'occhiata al trailer e l'ho trovato agghiacciante XD

      Elimina
  4. Ce l'ho. Lo ha comprato mia madre un sacco di tempo fa, ma non mi sono ancora decisa a leggerlo.
    Mi hai convinta abbastanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre io!! Ho un premio per te qui: http://libridicristallo.blogspot.it/2015/06/boomstick-award-2015.html

      Elimina
    2. Sono contenta di averti convinta! :)
      In ogni caso grazie, vado a vedere *-*

      Elimina
  5. L'ho letto appena uscito e ne ho un piacevole ricordo. Recentemente ho letto I cento nomi e mi è piaciuto. Sono entrambi due libri dolci e riflessivi, dove la protagonista è alla ricerca di se stessa. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Erica! I cento nomi ancora non l'ho letto, ma piano piano credo che i romanzi di questa scrittrice li prenderò tutti ^-^

      Elimina
  6. Non mi sono ancora decisa a leggerlo: mi sembra sempre troppo triste :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ha fatto piangere parecchio, però ha anche un bel messaggio pieno di speranza u_u

      Elimina
  7. L'ho letto tanto tempo fa, ma mi era piaciuto, anche se tra i 3 libri che in quel periodo avevo letto di questa autrice, questo è quello che mi è piaciuto di meno, mentre quello che ho apprezzato di più è "Un posto chiamato Qui" :)
    p.s. mi sono iscritta al tuo blog e i libri che hai scritto mi incuriosiscono, di sicuro li compro, anche se non so quando perchè per le vacanze estive ho molti libri da leggere... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un posto chiamato qui lo leggerò sicuramente!
      Grazie per esserti iscritta, sono felice che i miei romanzi ti ispirino :D

      Elimina
  8. Ciao, come stai? :3
    Bella recensione, è già in lista! *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Jacqueline! Tutto bene, e tu? ^-^
      Sono felice di saperlo! Spero di leggere a breve la tua opinione ;)

      Elimina
  9. Ciao Aenor!
    Io non ho mai pianto così tanto con un libro. Questo mi ha praticamente distrutta. Menomale che ai momenti tragici erano alternati quelli un po' più leggeri, altrimenti non so come ne sarei uscita XD
    Gli ho anche dedicato uno speciale sul mio blog, intitolato: Le lettere di Gerry
    Se vuoi lo trovi qui: http://cafelitterairedamuriomu.blogspot.it/2014/02/speciale-ps-i-love-you-le-lettere-di.html

    RispondiElimina