lunedì 31 agosto 2015

Segnalazione: "Blestemat" di Federico Russo

Buonasera, lettori! :)
Oggi vi parlo di un romanzo uscito da pochi giorni e che mi incuriosisce parecchio: si tratta di "Blestemat", il nuovo lavoro di Federico Russo, edito da Antonio Tombolini Editore (collana Vaporteppa). Personalmente sono una grande fan di Vaporteppa, per cui sono sicura che anche questa nuova uscita non mi deluderà! Vi lascio alla scheda e alla trama del romanzo! ;)

Titolo: Blestemat
Autore: Federico Russo
Editore: Antonio Tombolini Editore (collana Vaporteppa)
Prezzo: 3,99 euro
Data di pubblicazione: 22/08/2015
Pagine: 152
Link Amazon: Amazon

Trama
Alessandro vive a casa coi genitori, non ha un lavoro e la sua ragazza gli fa le corna.
La sola prospettiva nella sua vita è di laurearsi fuori corso in Filosofia e finire a fare il cassiere al supermercato.
Ma potrebbe andare peggio: quando insieme a un amico incontra in un casolare abbandonato due belle rumene conosciute su Facebook, la sua vita di merda ha una svolta inaspettata.

In fuga nelle campagne pugliesi, tra ulivi e masserie, Alessandro affronta streghe in grado di portare sfiga con la sola forza di volontà e finisce nel mezzo del mondo nascosto del sovrannaturale slavo. Armato del proprio umorismo nero per sdrammatizzare i disastri e con l’aiuto di un giovane macellaio rumeno dall’italiano non proprio impeccabile, Alessandro dovrà aprirsi la strada verso la salvezza a colpi di ferro da cantiere appuntito e bottiglia rotta.

L'autore:
Federico Russo, nato nel 1990 in Puglia, dove vive, è laureato in Psicologia Clinica e della Salute. Appassionato di Fantasy fin da adolescente, è un avido lettore di narrativa in generale. Ha scritto il suo primo libro a 8 anni: un horror di un solo capitolo (direttamente il terzo, di cinque righe). Ama fingere di saper suonare qualche strumento. Attualmente si sta abilitando per curare la gente, ma non è un dottore vero.

Altri link utili:

sabato 29 agosto 2015

Recensione: "Reykjavìk café" di Sólveig Jónsdóttir

Titolo: Reykjavìk café
Autore: Sólveig Jónsdóttir
Editore: Sonzogno
Prezzo: 17,50 
Data di pubblicazione: 12/03/2015

Trama
Hervor, Mía, Silja e Karen sono ciascuna alle prese con una vita sentimentale caotica e insoddisfacente. C’è chi si accontenta di andare a letto con un ex professore di università, chi è appena stata lasciata dal fidanzato, chi ha scoperto che il marito la tradisce, e infine chi si è innamorata dell’uomo che più sbagliato non si poteva. Le quattro giovani donne non si conoscono né sembrano avere molti punti in comune. A unirle è la pausa obbligata al Reykjavík Café, dove le loro storie finiranno per intrecciarsi. Finché, fra un latte macchiato e un cocktail di troppo, i rovesci del destino e le risate condite da improbabili consigli, ognuna troverà il modo di raggiungere la propria felicità.

Recensione
Sin da quando era stata annunciata la pubblicazione di questo romanzo, ne ero stata irrimediabilmente affascinata. Amo i paesaggi e la cultura del nord Europa, e la storia narrata in Reykjavìk café, di conseguenza, mi incuriosiva molto.
Reykjavìk café è il romanzo d'esordio della scrittirce islandese Sólveig Jónsdóttir, e narra le vicende, amorose e non, di quattro donne, abitanti della capitale dell'Islanda, accomunate tutte dalla frequentazione del Reykjavìk café.
La trama di questo romanzo sembrava prospettarsi fresca e divertente, e invece mi sono ritrovata a leggere un libro di tutt'altro tipo. Le storie di Hervor, Mía, Silja e Karen, le quattro protagoniste del romanzo, sono permeate da una vena malinconica e nostalgica, e l'ambientazione glaciale non aiuta di certo a ravvivare la situazione.
Per di più, le vite delle protagoniste sono tutte molto simili, al punto che sembra di leggere sempre degli stessi episodi, ripetuti all'infinito. Gli incontri tra le quattro donne sono sporadici e del tutto irrilevanti ai fini della trama, e il famoso Reykjavìk café è solo uno sfondo come un altro.
In definitiva, direi che il romanzo si lascia leggere, ma a dire la verità mi aspettavo molto di più. L'unica cosa che mi è piaciuta è l'ambientazione così inusuale per un libro di questo genere, ma sia le protagoniste che le loro storie mi hanno lasciata del tutto indifferente.

Voto
★★☆☆☆

mercoledì 26 agosto 2015

Www... Wednesday #40

Buongiorno, lettori!
Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


Sto leggendo "Haibane - li di cenere" di Francesca Angelinelli (Che ringrazio per avermi inviato il romanzo!). Sono ancora alle prime pagine, ma l'ambientazione orientale già mi ha rapita!

 What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


Ho terminato proprio ieri sera "Un giorno perfetto per innamorarsi" di Anna Premoli. Una lettura leggera e simpatica, che però non mi ha entusiasmato più di tanto.

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


Credo che leggerò "Il sentiero dei profumi" di Cristina Caboni, ma è ancora tutto da decidere!

martedì 25 agosto 2015

Teaser Tuesday #82

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perché spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Sainan aprì il pannello con i melograni, quello che dava sulla veranda, e si irrigidì, sentendo su di sé gli sguardi dei soldati. Li ignorò e osservò il cortile, una spianata gialla circondata da alte mura, che brulicava di soldati, alcuni in armatura, altri con indosso la casacca marrone con la Lontra sulla schiena. "Devo andar via di qui", pensò. "Tori starà già radunando i vassalli e vorrà marciare su Kurirohige per liberarmi." Guardò il cielo limpido in modo straordinario e chiuse gli occhi sognando di poter spiccare il volo per tornare ad Haibane. Quando li riaprì si accorse di Itachi che le stava accanto in silenzio, con aria discreta. Si era appoggiato a un pilastro e guardava il cortile salutando, di tanto in tanto, con cenni del capo i soldait che passavano lì accanto.
- Non è prudente per voi restare qui fuori da sola - disse.
Lei, spazientita, rientrò nella stanza, ma si fermò al centro di essa guardando verso la parete con gli aceri, quella che divideva la sua camera da quella accanto e i cui pannelli erano stati lasciati aperti. La stanza era arredata con pochi semplici mobili, un cassettone di legno scuro, un materasso con una coperta blu e un sostegno per le spade laccato di nero su cui erano appoggiate due lame lunghe: una era quella di Itachi, con il fodero coperto da strisce di cuoio marroni, l'altra era Waru.

Da "Haibane - Ali di cenere" di Francesca Angelinelli

venerdì 21 agosto 2015

Segnalazione: "Come miele e neve" di Siro T. Winter

Buon pomeriggio, lettori! :)
Come sono andate le vostre vacanze? Io sono stata un po' in montagna, ma ho avuto sfortuna perché non ha quasi mai smesso di piovere!

In ogni caso, oggi vi presento il romanzo d'esordio di Siro T. Winter, che mi ispira particolarmente per l'ambientazione finlandese! E voi sapete quanto amo il Nord Europa, vero? :3

Titolo: Come miele e neve
Autore: Siro T. Winter
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 2,99
Data di pubblicazione: 2015
Disponibile su: Amazon

Trama
«Perché batte il cuore?» 

È questa la domanda che Lucia “Lou” Zarda, trent’anni, si è posta per tutta la sua vita. 
Ferita e delusa dopo la fine della storia decennale con Andrea Marini, Lou vive nel suo mondo fatto di colori e tele, chiusa nel bozzolo sicuro della sua piccola casa. 
La sua vita è scandita della tranquilla routine quotidiana tra il Museo d’arte contemporanea e le lunghe passeggiate solitarie fino alla spiaggetta che guarda al parco di Seurasaari di Helsinki. 
L’incontro inaspettato con il musicista che vive a pochi passi da lei, l’affascinante e misterioso Vilhelmi Niemi e i suoi verdi occhi di giada getterà mille dubbi su Lou, investendola con un turbinio di nuove emozioni, dubbi e speranze. 
La voglia di lasciarsi andare si scontra con l’antica paura di non essere abbastanza. 
Scappare o restare rischiando di essere ferita di nuovo? 
Lasciarsi amare o rifugiarsi nella solitudine rassicurante? 
Anni dopo, il destino porterà nuovamente Lou ad Helsinki: la terra che l’ha adottata e nella quale si sente a casa, la fredda e magica Finlandia con le sue aurore boreali e il sole di mezzanotte, dov’ è sempre stato il suo cuore. 
Il ricordo di Vilhelmi, di colui che ha amato profondamente non l’ha mai lasciata, tormentandola anche nei sogni. 
Forse le loro strade si incroceranno ancora una volta e Lou troverà la risposta alla sua domanda. 

venerdì 7 agosto 2015

Pausa estiva

Buon pomeriggio, lettori! :)
Oggi vi scrivo soltanto per dirvi che per qualche settimana non aggiornerò il blog: ho bisogno di una piccola pausa! In ogni caso, tornerò operativa verso la fine del mese.
Fate tante belle letture, mi raccomando! :)
A presto ^_^

Segnalazione: "Haibane", "Le avventure di Chariza" e "Il drago rosso" di Francesca Angelinelli

Buongiorno, lettori!
Oggi vi presento alcuni lavori di una promettente autrice italiana, Francesca Angelinelli. Su Amazon e gli altri store online trovate tutti i suoi ebook, e vi assicuro che ce ne sono per tutti i gusti: lupi mannari, vampiri, donne guerriere...
Oggi vi parlerò di alcuni suoi lavori recenti: "Haibane", "Le avventure di Chariza" e "Il drago rosso". Quest'ultimo è un racconto contenuto all'interno dell'antologia "Le avventure di Chariza".

***

Titolo: Haibane
Autore: Francesca Angelinelli
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 2,99
Data di pubblicazione: 09/04/2015
Link Amazon: Amazon

Trama
Sainan, signora di Haibane, deve difendere i suoi possedimenti dalle mire dell'arrogante Shigemori Furi, signore del feudo confinante. Per farlo è disposta anche a vendere l'armatura di suo padre e a implorare l'Imperatore.
Tuttavia, quando Shigemori la fa rapire e portare nel proprio castello, sembra che non ci sia altra alternativa che gettarsi sulla propria spada per difendere l'onore. Eppure, tra quelle mura ostili, troverà l'aiuto inaspettato di Itachi Furi, figlio adottivo di Shigemori.
Cosa nasconde la memoria compromessa del giovane guerriero? Itachi, infatti, non ha i modi odiosi del padre e sarà disposto a rinunciare a ogni cosa pur di salvarla.
Tra amore e avventura, un altro avvincente viaggio nel magico impero dello Si-hai-pai, avvolti da demoni furiosi, misteriose sacerdotesse e oscure maledizioni.

***

Titolo: Le avventure di Chariza
Autore: Francesca Angelinelli
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 2,49
Data di pubblicazione: 03/06/2015
Link Amazon: Amazon

Trama
Chariza, la Combattente della Trasparenza del monte Tōmei, è tornata nell'Impero Si-hai-pai dopo aver trascorso lunghi anni oltre i suoi confini, imparando a controllare la maledizione di avidità che l'affligge. 
Tra demoni e intrighi, tra nobili e contadini, tra immense vallate e lo splendore della capitale Hoh-ma, Chariza viaggia per la sua terra natale cercando sempre un nuovo impiego e nuovi modi per assecondare l'avidità che l'attanaglia.
"Le avventure di Chariza", un'antologia di racconti inediti, in attesa della nuova edizione del romanzo "Chariza. Il soffio del vento".

***

Titolo: Il drago rosso. Le avventure di Chariza
Autore: Francesca Angelinelli
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 1,29
Data di pubblicazione: 26/05/2015
Link Amazon: Amazon

Trama
Dopo un lungo vagabondare fuori dei confini dell'Impero, Chariza, mercenaria, ladra e assassina, torna nell'Impero Si-hai-pai. Ma intrighi e inganni sono pronti ad accoglierla e la coinvolgeranno nella lotta per il potere che mette in pericolo la vita stessa dell'Imperatore Yoshio Ryokin.
Chariza. Il Drago Rosso, un racconto estratto da Le avventure di Chariza.

***

L'autrice

Dopo aver frequentato corsi di scrittura creativa e essersi dedicata alla stesura di racconti, Francesca Angelinelli esordisce nel 2007 con i primi due romanzi di una serie fantasy orientale, Chariza. Il soffio del vento e Chariza. Il drago bianco, editi da Runde Taarn Edizioni. Sempre per Runde Taarn Edizioni nel 2009 pubblica il fantasy eroico Valaeria, ispirato al mondo della Roma tardo-antica.
Nel 2009 pubblica anche il paranormal romance Werewolf per Linee Infinite Edizioni.
Il 2010 è l’anno del suo ritorno al fantasy orientale con la raccolta Racconti di viaggio del monaco Kyoshi, vincitrice della seconda edizione del Premio di Narrativa Fantastica – Altri Mondi e edita da Montag Editore, e con la pubblicazione del primo volume della Serie delle Cucitrici, Kizu no Kuma. La cicatrice dell'orso, per i tipi di Casini Editore, primo volume del progetto Ryukoku Monogatari.
Negli anni alcuni racconti brevi sono pubblicati in riviste e antologie e dal 2013 decide di passare al selfpublishing, prediligendo il formato dell’ebook.

giovedì 6 agosto 2015

Recensione in anteprima: "La pergamena del Tempio" di Tania Paxia

Titolo: La pergamena del Tempio
Autore: Tania Paxia
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 0,99
Data di pubblicazione: 15/08/2015
Disponibile per la prenotazione su: Amazon

Trama
Quando Fontana Angel Rosen, giovane detective della squadra omicidi (CID) di Scotland Yard, si reca sulla scena di un omicidio di un professore italiano, Luigi De Bernardi, viene catapultata in una serie di enigmi che la porteranno a seguire le tracce lasciate dal padre, che non ha mai conosciuto, grazie all'aiuto di un ragazzo misterioso, Daniele Guerrazzi. 
Misteri celati e mai rivelati, una lotta tra Ordini templari e Ordini segreti, si intrecciano in un piccolo paese della Toscana in provincia di Livorno: Bibbona. In questo luogo è nascosto un Tesoro, rinvenuto da un gruppo di Templari nelle vicinanze di Acri. 
Un omicidio. Un Tesoro. Una lotta tra Ordini. 

Recensione
Soltanto una settimana fa ho recensito "Ti amo già da un po'", l'ultimo romanzo rosa di Tania Paxia uscito a luglio. Eppure, questa instancabile autrice non ha finito di pubblicare romanzi: infatti, il 15 agosto uscirà "La pergamena del Tempio", un thriller ambientato un po' in Toscana e un po' a Londra, e che ho avuto la possibilità di leggere in anteprima.
Tania Paxia si è fatta conoscere al pubblico come autrice di fantasy e di commedie romantiche ma, a quanto pare, la sua fantasia ha ben pochi limiti.

Il romanzo, inizialmente ambientato a Londra, ha come protagonista la giovane detective Fontana. La ragazza, insieme ai suoi colleghi, è incaricata di risolvere il caso di un professore trovato morto all'interno del British Museum. Ma, quando i poliziotti arrivano sulla scena del crimine, si accorgono che molti particolari sono insoliti: primo fra tutti, il professore indossa un antico vestito da cavaliere Templare. In più, sembra che l'uomo fosse in qualche modo legato al misterioso padre di Fontana. Come se non bastasse, poche ore dopo Fontana viene letteralmente costretta a prendere un aereo per una destinazione misteriosa e dovrà fare i conti col passato di suo padre, che fino a quel momento le era stato del tutto oscuro.

Il romanzo di Tania Paxia all'inizio mi aveva ricordato un po' "Il codice da Vinci" di Dan Brown, per via del misterioso omicidio all'interno del museo. Anche se le atmosfere e in parte anche le tematiche sono simili, Tania è riuscita a destreggiarsi e a creare una trama tutta sua. In particolare, mi sono piaciute molto le descrizioni del paesino di Bibbona. Ho apprezzato davvero tanto le ricerche svolte dall'autrice e le ricostruzioni storiche che è riuscita benissimo a legare agli avvenimenti descritti. 
Se posso fare un appunto, l'unica cosa che mi ha convinta un po' di meno è l'uso del narratore onnisciente: secondo me, Tania riesce a destreggiarsi meglio quando scrive in prima persona.
Per il resto la storia mi è piaciuta molto (come sempre!), e faccio i miei complimenti a Tania per essere riuscita a cavarsela molto bene anche in un genere così diverso dal solito.

Voto
★★★★☆

mercoledì 5 agosto 2015

Www... Wednesday #39

Buondì, lettori!
Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


Sto leggendo "World After" di Susan Ee, seguito de "L'angelo caduto". Mi sta piacendo, ma è una lettura parecchio cupa e forse non molto estiva.

 What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


Ho terminato qualche giorno fa "I cento colori del blu" di Amy Harmon. L'ho trovato molto carino, ma il protagonista maschile è così bello, intelligente, colto, gentile, sensibile, altruista, musicista provetto, gentiluomo e ricco da essere assolutamente irreale. E dai, Amy, gente così non esiste! XD

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


Siccome World After mi sta traumatizzando e io ultimamente ho bisogno di cose carine, coccolose e, soprattutto, leggere, credo che leggerò "Quanto ti ho odiato" di Kody Keplinger. Poi non so, magari  cambio idea e ricomincio le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. XD



Quali sono le vostre letture? Fatemi sapere! :D

martedì 4 agosto 2015

Teaser Tuesday #81

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perché spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


A volte, perfino io commetto l'errore di sottovalutare mia madre. È facile presumere che non sia intelligente o astuta solo perché crede in cose illogiche e prende decisioni sbagliate. Ma la sua condizione non ha nulla a che vedere con la sua intelligenza. Ogni tanto me ne dimentico. 
«La trasmittente è su Paige?» Trattengo il fiato, non osando respirare.
«Sì.»
«Dove? Come?» Se mamma avesse messo la trasmittente in una borsa o qualcosa del genere, pensando che Paige l'avrebbe tenuta con sé, forse non stiamo seguendo mia sorella ma un camion di rifiuti della resistenza.
«Là.» Mamma indica la mia scarpa.
Abbasso lo sguardo e sulle prime non vedo nulla. Poi mi rendo conto che non sta indicando la scarpa. Addita la stella gialla cucita in fondo ai miei jeans. Sono così abituata a tutte queste stelle che ormai non le vedo più.
Allungo una mano per dare una bella occhiata alla stella per la prima volta. Uno spigolo duro sotto i fili gialli mi si conficca nel pollice. È minuscolo e impercettibile, o perlomeno io non l'ho mai notato.
«Questa sei tu» dice, con il dito sulla freccia inferiore su Redwood City.
«Questa è Paige.» Muove il dito sulla freccia superiore di San Francisco.

Da "Word After" di Susan Ee