giovedì 6 agosto 2015

Recensione in anteprima: "La pergamena del Tempio" di Tania Paxia

Titolo: La pergamena del Tempio
Autore: Tania Paxia
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 0,99
Data di pubblicazione: 15/08/2015
Disponibile per la prenotazione su: Amazon

Trama
Quando Fontana Angel Rosen, giovane detective della squadra omicidi (CID) di Scotland Yard, si reca sulla scena di un omicidio di un professore italiano, Luigi De Bernardi, viene catapultata in una serie di enigmi che la porteranno a seguire le tracce lasciate dal padre, che non ha mai conosciuto, grazie all'aiuto di un ragazzo misterioso, Daniele Guerrazzi. 
Misteri celati e mai rivelati, una lotta tra Ordini templari e Ordini segreti, si intrecciano in un piccolo paese della Toscana in provincia di Livorno: Bibbona. In questo luogo è nascosto un Tesoro, rinvenuto da un gruppo di Templari nelle vicinanze di Acri. 
Un omicidio. Un Tesoro. Una lotta tra Ordini. 

Recensione
Soltanto una settimana fa ho recensito "Ti amo già da un po'", l'ultimo romanzo rosa di Tania Paxia uscito a luglio. Eppure, questa instancabile autrice non ha finito di pubblicare romanzi: infatti, il 15 agosto uscirà "La pergamena del Tempio", un thriller ambientato un po' in Toscana e un po' a Londra, e che ho avuto la possibilità di leggere in anteprima.
Tania Paxia si è fatta conoscere al pubblico come autrice di fantasy e di commedie romantiche ma, a quanto pare, la sua fantasia ha ben pochi limiti.

Il romanzo, inizialmente ambientato a Londra, ha come protagonista la giovane detective Fontana. La ragazza, insieme ai suoi colleghi, è incaricata di risolvere il caso di un professore trovato morto all'interno del British Museum. Ma, quando i poliziotti arrivano sulla scena del crimine, si accorgono che molti particolari sono insoliti: primo fra tutti, il professore indossa un antico vestito da cavaliere Templare. In più, sembra che l'uomo fosse in qualche modo legato al misterioso padre di Fontana. Come se non bastasse, poche ore dopo Fontana viene letteralmente costretta a prendere un aereo per una destinazione misteriosa e dovrà fare i conti col passato di suo padre, che fino a quel momento le era stato del tutto oscuro.

Il romanzo di Tania Paxia all'inizio mi aveva ricordato un po' "Il codice da Vinci" di Dan Brown, per via del misterioso omicidio all'interno del museo. Anche se le atmosfere e in parte anche le tematiche sono simili, Tania è riuscita a destreggiarsi e a creare una trama tutta sua. In particolare, mi sono piaciute molto le descrizioni del paesino di Bibbona. Ho apprezzato davvero tanto le ricerche svolte dall'autrice e le ricostruzioni storiche che è riuscita benissimo a legare agli avvenimenti descritti. 
Se posso fare un appunto, l'unica cosa che mi ha convinta un po' di meno è l'uso del narratore onnisciente: secondo me, Tania riesce a destreggiarsi meglio quando scrive in prima persona.
Per il resto la storia mi è piaciuta molto (come sempre!), e faccio i miei complimenti a Tania per essere riuscita a cavarsela molto bene anche in un genere così diverso dal solito.

Voto
★★★★☆

4 commenti:

  1. Grazie milleeeee!!! ♥ Sono felicissima che ti sia piaciuto il libro e anche le descrizioni di Bibbona! ^^

    RispondiElimina
  2. bene bene!! L'ho preordinato proprio ieri... attendo l'uscita! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! :D Non vedo l'ora di conoscere il tuo parere :D

      Elimina