sabato 29 agosto 2015

Recensione: "Reykjavìk café" di Sólveig Jónsdóttir

Titolo: Reykjavìk café
Autore: Sólveig Jónsdóttir
Editore: Sonzogno
Prezzo: 17,50 
Data di pubblicazione: 12/03/2015

Trama
Hervor, Mía, Silja e Karen sono ciascuna alle prese con una vita sentimentale caotica e insoddisfacente. C’è chi si accontenta di andare a letto con un ex professore di università, chi è appena stata lasciata dal fidanzato, chi ha scoperto che il marito la tradisce, e infine chi si è innamorata dell’uomo che più sbagliato non si poteva. Le quattro giovani donne non si conoscono né sembrano avere molti punti in comune. A unirle è la pausa obbligata al Reykjavík Café, dove le loro storie finiranno per intrecciarsi. Finché, fra un latte macchiato e un cocktail di troppo, i rovesci del destino e le risate condite da improbabili consigli, ognuna troverà il modo di raggiungere la propria felicità.

Recensione
Sin da quando era stata annunciata la pubblicazione di questo romanzo, ne ero stata irrimediabilmente affascinata. Amo i paesaggi e la cultura del nord Europa, e la storia narrata in Reykjavìk café, di conseguenza, mi incuriosiva molto.
Reykjavìk café è il romanzo d'esordio della scrittirce islandese Sólveig Jónsdóttir, e narra le vicende, amorose e non, di quattro donne, abitanti della capitale dell'Islanda, accomunate tutte dalla frequentazione del Reykjavìk café.
La trama di questo romanzo sembrava prospettarsi fresca e divertente, e invece mi sono ritrovata a leggere un libro di tutt'altro tipo. Le storie di Hervor, Mía, Silja e Karen, le quattro protagoniste del romanzo, sono permeate da una vena malinconica e nostalgica, e l'ambientazione glaciale non aiuta di certo a ravvivare la situazione.
Per di più, le vite delle protagoniste sono tutte molto simili, al punto che sembra di leggere sempre degli stessi episodi, ripetuti all'infinito. Gli incontri tra le quattro donne sono sporadici e del tutto irrilevanti ai fini della trama, e il famoso Reykjavìk café è solo uno sfondo come un altro.
In definitiva, direi che il romanzo si lascia leggere, ma a dire la verità mi aspettavo molto di più. L'unica cosa che mi è piaciuta è l'ambientazione così inusuale per un libro di questo genere, ma sia le protagoniste che le loro storie mi hanno lasciata del tutto indifferente.

Voto
★★☆☆☆

10 commenti:

  1. La trama non mi ispirava molto (anche se comprendo bene la tua fascinazione nei confronti delle nordiche ambientazioni :P) però se fosse stata affrontata con ironia e leggerezza, magari avrebbe potuto rivelarsi quantomeno divertente. Che peccato! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è veramente un peccato, visto che poteva essere un romanzo a suo modo particolare!

      Elimina
  2. Ah peccato! Ero proprio curiosa di leggerlo, però se gli episodi sono un po' tutti uguali, non credo che lo leggerò :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova comunque a dargli una possibilità, magari potrebbe piacerti :)

      Elimina
  3. lo stavo per comrpare da poco... ecco, ora diciamo che ho cambiato idea :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Prova lo stesso a dargli una possibilità ^-^

      Elimina
  4. Ho sentito parlare di questo libro praticamente ovunque, e anche a me ispirava molto per l'ambientazione, ma a questo punto penso lascerò perdere xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a leggere le prime pagine, magari! L'ambientazione è molto suggestiva!

      Elimina
  5. Mmm.. peccato!Mi incuriosiva molto ma anch'io mi sa che mi aspettavo tutta un'altra cosa.. pensavo fosse una storia più briosa e che facesse ridere..per ora mi sa che passo :)

    RispondiElimina