venerdì 25 settembre 2015

Recensione: "Half Bad" di Sally Green

Titolo: Half Bad
Autore: Sally Green
Editore: Rizzoli
Prezzo: 15,00
Data di pubblicazione: 19/03/2014

In una Londra contemporanea e alternativa dove la magia esiste, Incanti bianchi e neri combattono una guerra millenaria e spietata. Appartenere a un fronte definisce il proprio ruolo nel mondo, decreta i nemici, garantisce compagni e alleati. Nathan vive in una zona grigia: figlio di un'Incanto Bianca e dell'oscuro più crudele mai esistito, spaccato a metà, vessato dalla sorellastra con cui è cresciuto, controllato dal Concilio che non si fida di lui, in perenne bilico tra le due facce della sua anima. Nathan in realtà è soltanto molto solo, e spaventato: intrappolato in una gabbia, ferito e in catene, deve fuggire prima del suo sedicesimo compleanno, o morirà. E anche se non vuoi lasciarti andare, è difficile rimanere aggrappati alla metà bianca quando non ti puoi fidare della tua famiglia, e forse nemmeno della ragazza di cui ti sei innamorato.

Ammetto di aver desiderato questo libro per un sacco di tempo anche perché, quando è uscito, lo vedevo praticamente da tutte le parti. In più, in quasi tutti i blog che seguo, non ho fatto altro che leggere recensioni positive per mesi e mesi. Alla fine, approfittando di un'offerta, un paio di mesi fa ho comprato l'ebook.

Protagonista del romanzo è Nathan, un ragazzino nato da una famiglia di maghi che però ha la particolarità di avere come padre il più grande e pericoloso Incanto Nero mai esistito. Infatti, nel mondo di Nathan, i maghi si dividono in due fazioni differenti: quella degli Incanti Bianchi e quella degli Incanti Neri. Mentri gli Incanti Bianchi vengono comunemente considerati i "buoni" e occupano i più alti incarichi nelle istituzioni, i Neri sono i malvagi e i reietti, perennemente costretti a scappare e a nascondersi. Nathan, essendo il figlio di un Incanto Nero, viene spesso discriminato, e finirà per rischiare la vita in più di un'occasione, nel tentativo di trovare la sua strada e di essere libero, sia dal giogo degli Incanti Bianchi, sia dall'etichetta di Incanto Nero.

La trama del romanzo, nonostante non sia originalissima (l'idea dei maghi buoni contrapposti a quelli cattivi la vediamo usata nella famosissima saga di "Harry Potter", ad esempio), era comunque molto carina. L'idea di base mi è piaciuta e anche lo sviluppo è interessante. Nonostante ciò, ammetto che purtroppo il romanzo non mi ha convinta per niente: a causa di uno stile che ho trovato banale e acerbo, ho finito per odiare questa lettura tanto che, per più di una volta, sono stata sul punto di abbandonarla. 
La cosa che mi è piaciuta di meno è la quasi totale assenza di dialoghi: è tutto raccontato attraverso il punto di vista di Nathan, e i vari personaggi sembrano sparire all'interno della sua narrazione. Non sono riuscita così a figurarmi nessun personaggio, né fisicamente né caratterialmente, e questo ha purtroppo reso la lettura davvero pesante.

Nonostante la trama sia interessante, non credo che leggerò il seguito, perché lo stile dell'autrice non mi è piaciuto.

★★☆☆☆

7 commenti:

  1. Ho sempre pensato che non vi fosse in Italia, ma buono a sapersi. L'avevo messo frai libri da leggere nonostante non sapessi di cosa parlasse e non mi convincesse del tutto. Forse non mi sbagliavo poi tanto XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne approfitto anche per invitarti a questo book tag di mia creazione: http://lasoffittadiamelia.blogspot.it/2015/09/wiccan-book-tag.html

      Elimina
    2. Prova a leggerlo, a tante persone è piaciuto! Magari sono io a essere strana xD
      Passo subito a vedere il tag :D

      Elimina
  2. Ahi, che peccato! :(
    Io l'ho comprato un paio di mesi fa, in edizione cartacea per giunta, per cui credo proprio che finirò col leggerlo, prima o poi...
    Ti dirò, che lo stile dell'autrice ti sia parso particolarmente acerbo mi riempie di timore: speriamo bene, parecchie cose si possono perdonare a un romanziere, ma non una narrazione piatta o noiosa! ç____ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo ad Amelia, prova lo stesso a leggerlo! Ho letto tante recensioni positive, quindi magari sono io! XD

      Elimina
  3. Ce l'ho in versione cartacea! E' un po' di tempo che mi è passata la voglia di leggerlo, comunque appena terminerò i libri in lettura, vedrò se leggerlo subito o rimandare ancora XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi fammi sapere che ne pensi! Le recensioni che ho letto sono tutte positive, quindi magari il problema con questo libro ce l'ho solo io XD

      Elimina