giovedì 10 dicembre 2015

Recensione: "Il dominio del fuoco" di Sabaa Tahir

Titolo: Il dominio del fuoco
Autore: Sabaa Tahir
Editore: Nord
Prezzo: 16,90
Data di pubblicazione: 08/10/2015

Laia era solo una bambina, tuttavia ricorda bene il periodo in cui, quando ne sentiva il bisogno, poteva trovare conforto nella lettura. È stato prima che l'impero conquistasse la sua terra, ricca d'arte e di cultura, trasformandola in un mondo grigio, dove la scrittura è proibita e in cui basta una parola di troppo per essere condannati a morte. Laia lo sa fin troppo bene, perché è ciò che è successo ai suoi genitori. Quindi ha imparato a non fare domande, a non protestare, a non lamentarsi. Ma tutto cambia quando suo fratello Darin viene arrestato per tradimento. Per lui, Laia è disposta a rischiare tutto. Perciò scappa di casa e si unisce ai ribelli, che faranno di lei una spia infiltrata nell'accademia, il luogo in cui vengono formati i guerrieri dell'impero e in cui è stato condotto anche Darin... Da dieci anni, Elias non conosce altra realtà di quella dell'accademia. Dieci anni di durissimo addestramento, durante i quali si è distinto per forza, coraggio e abilità, al punto che ormai non c'è nessuno che possa reggere il confronto con lui. Elias è la promessa su cui l'impero ha riposto tutte le sue speranze. Eppure, più aumenta la fiducia degli ufficiali nei suoi confronti, più lui vacilla, divorato dai dubbi. Vuole davvero diventare l'ingranaggio di un meccanismo spietato e senza scrupoli? Quando incontrerà Laia, Elias troverà la risposta. E il suo destino sarà segnato.

Avevo aspettative piuttosto alte nei confronti de "Il dominio del fuoco", nonostante di solito, quando si tratta di questi best seller, tendo ad avere sempre paura che il successo ottenuto derivi solo da scelte di marketing ben riuscite. In ogni caso, visto che le recensioni che ho letto erano tutte più che positive e che la trama mi incuriosiva, ho deciso di dargli una possibilità.

Il romanzo è scritto dal punto di vista dei due protagonisti, che si alterna durante i capitoli. 
Laia fa parte dei dotti, un popolo che è stato sottomesso dai marziali cinquecento anni prima. Dopo che suo fratello Darin viene catturato da una Maschera e che i suoi nonni vengono uccisi, Laia decide di unirsi alla Resistenza per cercare di ritrovare e liberare suo fratello, l'unico membro della sua famiglia ancora in vita. In cambio, Laia dovrà diventare la schiava personale della Comandante dell'Accademia di Rupenera per cercare di apprendere informazioni utili alla riuscita delle missioni della Resistenza.
Elias, invece, è un soldato dell'Accademia di Rupenera. A differenza degli altri suoi compagni, Elias desidera soltanto la libertà: ha così deciso di lasciarsi alle spalle l'Accademia e di disertare, scappando attraverso un passaggio segreto nelle catacombe. Il destino, però, ha in serbo per lui qualcosa di molto diverso.

L'idea di base del romanzo mi è piaciuta molto, nonostante non sia originalissima. Ho apprezzato soprattutto l'ambientazione che richiama quella orientale, sia per i popoli nomadi che abitano parte del mondo in cui si svolge la storia, sia per la presenza di creature tipiche dell'immaginario dell'oriente.
Ho anche trovato che i personaggi siano caratterizzati abbastanza bene: non solo Laia ed Elias, ma anche Izzi ed Helene mi sono piaciute molto.

Ci sono alcune cose che, però, non mi hanno convinta. Delle cose che dovrebbero essere molto difficili succedono con fin troppa facilità (il modo in cui, dopo poche ore, Laia riesce a imbattersi nella Resistenza, ad esempio), mentre moltissime scene secondo me sono state descritte in maniera troppo superficiale.
I combattimenti di Elias e le torture che subisce Laia per me sono stati descritti in maniera veramente troppo rapida e vaga, probabilmente perché rendendo certe scene più "soft", il libro avrebbe venduto di più (anche considerando che è destinato a un pubblico relativamente giovane). Peccato però che tali scene occupino un buon 80% del romanzo.

In definitiva "Il dominio del fuoco" è un romanzo piuttosto carino, ma durante tutta la lettura ho avuto l'impressione una perenne sensazione di "censura" e l'impressione che, in qualche modo, avrebbe potuto dare molto di più.

★★★☆☆

15 commenti:

  1. Ambientazioni e personaggi secondari, quindi, sono degni di nota...
    Buon segno! ;D
    Anch'io sono un po' diffidente nei confronti di questo libro, non fosse altro che perché ha goduto di tanta popolarità, o forse sono solo io che sono troppo sospettosa! :P
    Un'edizione tascabile non sarebbe male, chissà se più avanti... ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato in offerta in ebook ^-^ Comunque è carino, l'unica pecca sono le descrizioni molto sommarie dei combattimenti!

      Elimina
  2. A me che invece non amo le descrizioni logorroiche questo libro è piaciuto particolarmente. Ho trovato tutte le scene vivide e chiare, ho apprezzato come te la forte personalità di tutti i personaggi, per essere il primo volume di una duologia mi ritengo soddisfatta! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me non è questione di logorroiche, è proprio che le scene dei combattimenti non sono descritte, sembrano riassunti XD Poi ovviamente è solo la mia opinione ^^
      Di sicuro leggerò anche il secondo volume :)

      Elimina
  3. Grazie per il tuo parere ^.^ mi hai fatto comprendere meglio come si sviluppa il libro. Per quanto riguarda le scene un po' soft, magari per me è meglio perché non amo troppa violenza, ma spero non siano comunque solo accennate :P la storia perderebbe autenticità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono accennate, però secondo me sono vaghe! Forse è perché ho letto troppi libri di quel serial killer di Martin XD

      Elimina
  4. Adoro, adoro, adoro, quando di un libro di cui sento parlare sempre e solo benissimo, arriva qualcuno e smorza l'atmosfera! Mi hai fatto venire ancora più voglia di leggerlo u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha! :D Poi fammi sapere che ne pensi :)

      Elimina
  5. Concordo. Non mi ha convinta molto e certi passaggi sono frettolosi e poco chiari. Avevo aspettative altissime e sono rimasta un po' delusa da questa storia che in fin dei conti non mi sembra nemmeno così tanto innovativa. Le uniche cose che ho davvero apprezzato sono stati l'ambientazione e il momento della terza prova. Voglio vedere come evolverà nel secondo volume ma resto dubbiosa :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ogni caso leggerò il secondo volume perché i personaggi mi sono piaciuti, ma spero che le descrizioni migliorino!

      Elimina
    2. Esattamente! Incrociamo le dita :)

      Elimina
  6. Concordo, lo sto leggendo ora e mi sembra tutto molto blando :/ non mi cattura né convince.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è tutto un po' vago, sì. E anche un po' troppo semplice ^^ Va bene per una lettura leggera!

      Elimina
  7. Ho capito cosa non ti ha convinta... il pericolo di vedere le aspettative deluse, quando si hanno e sono parecchio alte, è sempre dietro l'angolo! Speriamo che questa cosa delle descrizioni/riassunti/censura non mi dia fastidio u.u

    RispondiElimina
  8. Helloooo OuO
    Ma che bella recensione!
    Io ho adorato questo libro, davvero. L’ho amato con tutta me stessa. Dei protagonisti fantastici, soprattutto Elias che è adorabile, una trama avvincente coronata da una scrittura scorrevole e appassionante. Bello, bello, bello.
    Il finale leggermente sotto tono rispetto al libro, ma poco importa, in fondo.
    Sono rimasta particolarmente affascinata dal mondo delle maschere, bisogna dirlo ^^
    Se vuoi leggere il mio sclero-recensione clicca quiii c:
    Scusa per l’eventuale spam indesiderato!
    Rainy

    RispondiElimina