mercoledì 30 marzo 2016

Www... Wednesday #65

Buongiorno lettori!

Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?

Al momento non sto leggendo niente! Ho terminato ieri sera "Le confessioni del cuore" della Hoover, e devo ancora decidere cosa iniziare stasera.

What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


Questa settimana ho letto "La signora dei cancelli della notte" di Giovanni Anastasi (pseudonimo di Luca Tarenzi) e "Le confessioni del cuore" di Colleen Hoover. 
Quello di Tarenzi mi è piaciuto tantissimo, adoro le sue storie, le sue ambientazioni e i suoi personaggi.
Della Hoover avevo letto solo "Forse un giorno", che non mi aveva proprio convinta (non si può scrivere di musica senza conoscere manco la scala di Do maggiore...). "Le confessioni del cuore" l'ho trovato molto carino, invece.

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

Non lo so, sono in crisi perché vorrei leggere un fantasy darkettone e cattivo ma sul Kindle mi sono rimasti solo romanzi rosa. XD E ho deciso di non comprare altri ebook fino al giorno del mio compleanno, tra un paio di settimane (anche perché ho finito i soldi, diciamocelo... XD). Quindi boh, staremo a vedere. 

venerdì 25 marzo 2016

Segnalazione: "Lo specchio del tempo" di Silvia Devitofrancesco

Buon pomeriggio, lettori! :)
Oggi vi presento il romance storico "Lo specchio del tempo" di Silvia Devitofrancesco. Ve ne avevo già parlato in passato ma, visto che Silvia ha deciso di ripubblicare il romanzo in una nuova versione self, ne approfitto per segnalarvelo di nuovo!

Titolo: Lo specchio del tempo
Autore: Silvia Devitofrancesco
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 1,99 (ebook); 10,36 (cartaceo)
Data di pubblicazione: 01/03/2016
Pagine: 156
Link d'acquisto: Amazon - Kobo

Trama

«Avvertivo strane sensazioni. Avevo paura di ciò che sarebbe potuto accadere e avevo paura per me.» Due donne diverse dai destini intrecciati, l’una lo specchio dell’altra. Un manoscritto le farà incontrare mettendo così a confronto due epoche diverse e due donne simili, vittime di un padre padrone, ancorate a un amore romantico, capaci di lottare per la vita. Due storie legate dallo specchio del tempo, dove il passato incontra il presente e in cui due donne lontane eppure vicine, lottano per rivendicare il diritto di scegliere il proprio destino e il loro sogno d’amore.

L'autrice

Silvia Devitofrancesco è nata a Bari nel 1990. È laureata in Lettere (curriculum “Editoria e Giornalismo”) e ama scrivere e leggere sin da piccola. Gestisce un blog nel quale propone recensioni, blogtour e interviste. 

Contatti

Blog: www.ragazzainrosso.wordpress.com
Twitter: @ragazzainrosso

giovedì 24 marzo 2016

Segnalazione: "L'unicesimo Maestro" di Antonia Serranò.

Buon pomeriggio, lettori! ^-^
Oggi vi presento "L'undicesimo Maestro", primo volume della saga fantasy "La terra di Niquam" di Antonia Serranò.

Titolo: L'undicesimo Maestro
Autore: Antonia Serranò
Editore: Libro Mania
Prezzo: 3,99
Data di pubblicazione: 27/03/2014

TRAMA
Nediel è un ragazzo di tredici anni, un giovane abitante della Terra di Niquam, una splendida regione circondata dai meravigliosi Monti Sorgente e da una profonda lingua di mare ancora inesplorata. Un giorno, mentre accompagna la carovana del padre, il suo villaggio viene attaccato dai Primitivi, entità mostruose che si nutrono della forza vitale degli esseri umani. Durante lo scontro, Nediel assiste al prodigio: un uomo, incurante del pericolo, riesce ad assorbire quelle creature terrificanti grazie all’utilizzo di una pietra luminosa. Il ragazzo viene così tratto in salvo e il misterioso condottiero decide di portarlo con sé per tenerlo al sicuro da eventuali incontri con le forze demoniache. L’uomo, di nome Yanagar, si presenta come un Custode della Pietra Celeste e rivela al giovane che, ormai, su di lui grava un indelebile marchio di sangue che lo condannerà ad essere inseguito dai Primitivi fino alla morte.

L'AUTRICE
Antonia Serranò è nata a Melito Porto Salvo, in provincia di Reggio Calabria, dovev ive col marito e le due figlie. Insegnante, ha iniziato a scrivere fantasy per spiegare in maniera più accattivante ai suoi studenti le strutture narrative e non si è più fermata. L’Undicesimo Maestro è il primo episodio della saga epica dedicata alla ‘Terra di Niquam’. 

mercoledì 23 marzo 2016

Www... Wednesday #64

Buongiorno lettori!

Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


Non ce l'ho fatta a resistere, alla fine l'ho comprato. u_u Come al solito Luca Tarenzi (che qui è sotto pseudonimo) non si smentisce, anche se forse un pochino si sente che lo "storico" non è il suo genere abituale, anche se è tutto descritto con estrema minuzia. Comunque per ora è promosso.

What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


La scorsa settimana ho letto "Rebel - Il deserto in fiamme" di Alwyn Hamilton. Era partito anche bene, ma poi l'ho trovato troppo riassuntivo, e tantissime parti non mi hanno convinta. No, non mi è piaciuto. :/


What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

Ancora non lo so, staremo a vedere!

martedì 22 marzo 2016

Teaser Tuesday #101

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perché spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


"Da questa parte". Flavio indicò una viuzza stretta tra due botteghe che si allontanava dalla calca. "È vicino. Spero".
Severiano lo fissò. "Speri?"
Il ragazzo si strinse nelle spalle.
"Non sta sempre nello stesso posto. Non sarebbe prudente. E io non lo vedo da... diciamo da un bel po'. L'ultima volta che l'ho incontrato era là dentro."
"E se non c'è più?"
Flavio sospirò. "Allora ci aspetta una lunga partita a nascondino per tutto il mercato".
Severiano si guardò intorno: erano anni che non metteva piede nel mercato di Milano, ma non se l'era dimenticato. La piazza del Foro era vasta, rettangolare e gremita di gente per tutta la sua lunghezza, dall'ingresso monumentale a sud-ovest fino alla mole colonnata del tempio dalle Triade Capitolina, ormai vuoto e sbarrato, che chiudeva il lato nord-est. Ma i marmi bianchi delle colonne nemmeno si vedevano, se non nella parte più alta: a livello del terreno le bancarelle ricoprivano ogni spanna di spazio disponibile coi loro teloni di mille colori, le tavole piene di mercanzie, le ceste traboccanti e i venditori che si sgolavano per attirare i clienti, declamando la qualità delle merci in una dozzina di lingue diverse.

Da "Demon Hunter Severian - La signora dei cancelli della notte" di Giovanni Anastasi

venerdì 18 marzo 2016

Segnalazione: "La zia suora" di Laura Caterina Benedetti

Buongiorno, lettori!
Oggi vi presento il nuovo romanzo di Laura Caterina Benedetti, autrice di cui vi ho parlato già in passato sul blog, segnalando "Sul finire di Agosto" e "Serendipità".
Vi lascio alla scheda del suo nuovo libro!

Titolo: La zia suora
Autore: Laura Caterina Benedetti
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 1,90
Data di pubblicazione: 29/02/2016
Dove trovarlo: Amazon - KoboBooks - GooglePlay

2015. Alla morte di sua zia, suora domenicana, Paolo viene in possesso di una vecchia lettera e di un medaglione raffigurante la fotografia in bianco e nero di un uomo: questi oggetti custodiscono una storia ormai appartenente al passato, ma che vale la pena di raccontare... 

Anni '40. In una città in provincia di Torino sboccia il tenero amore tra Adriana e Carlo; la ragazza, tuttavia, non si sente di pronunciare la promessa di fidanzamento sotto le bombe e vuole aspettare la fine della guerra. Nell'aprile del 1945, alle soglie della Liberazione, proprio quando ogni ostacolo sembra cadere, avviene qualcosa che cambierà per sempre la vita dei due giovani. 

Un amore incrollabile, un grande sacrificio: un romanzo malinconico e appassionato tratto da una storia vera. 

L'e-book include "Cinque giorni alle Nuove", breve memoria biografica redatta nel 1945 da Pier Paolo M., antenato dell'autrice; parte del romanzo si basa su questo testo. 

giovedì 17 marzo 2016

Recensione in anteprima: "The Woden's Day" di Tania Paxia

Titolo: The Woden's Day
Autore: Tania Paxia
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 1,99
Data di pubblicazione: 17 Marzo 2016

“Siamo amici solo il mercoledì sera e quando non siamo in pubblico”. (Woden Audrey Doolittle) 
Woden è una patita della chimica e dell'elettronica, piatta come uno skateboard, occhi e capelli di un castano normale e nessun segno particolare, a parte un dente scheggiato per colpa di una caduta sull’asfalto da piccola e il vizio di tingersi le ciocche di capelli di colore diverso quando ne ha voglia. Per il resto è una normalissima e anonima diciassettenne, un po’ maschiaccio, che ogni tanto d’estate si diletta ancora a correre sui marciapiedi con lo skate. Colleziona montature di occhiali da vista stravaganti e non è il massimo della bellezza, ma a lei va bene così. 

"Sono un pessimo amico del mercoledì". (Carter Fitzpatrick) 
Carter (Saetta) è un pilota Nascar e il suo sogno è di correre nella Spint Cup. È il 'non ragazzo' di Felicia Hadley, la diva del liceo, ma se la spassa con tutto il gruppo delle Cheerleaders, tranne Hannah Jones che per il momento sembra resistergli. Ma lui ama le sfide, anche perché i diciassette anni arrivano una volta sola e non ricapitano più. È una celebrità a scuola da quando in prima superiore era passato dal go-kart a roba più seria. Anche l’aspetto fisico, nel crescere, si era evoluto, facendolo assomigliare più a un bel ragazzo e non più a un ranocchio. Il primo passo era stato togliere l’apparecchio e dopo, tutte quante, erano cadute nella trappola del pilota biondo con gli occhi azzurri... 

Entrambi hanno un segreto: sono amici da sempre, ma non in pubblico. Si incontrano il mercoledì sera, a casa di Woden per prestare fede all'accordo stretto da bambini: il Woden's Day. 

Delle domande, però, iniziano a farsi spazio nei loro pensieri...Il Woden's Day poteva continuare fino al diploma, ma poi? Cosa ne sarebbe stato della loro amicizia senza l'unica cosa che li legava? 
Tra liti, tregue, battibecchi e incomprensioni, Woden con le sue 'teorie' e Carter con la sua 'pratica' cercheranno di trovare una soluzione al problema.

Chi segue il blog da un po' sicuramente saprà che ho letto praticamente tutti i romanzi pubblicati da Tania Paxia del blog Nicholas ed Evelyn e il Diamante Guardiano. Mi manca solo il suo romanzo d'esordio, ma credo proprio che recupererò la lettura a breve, anche perché l'ebook aspetta pazientemente da un po' sul mio Kindle.
Per chi non la conoscesse, Tania è un'autrice molto attiva (ha infatti pubblicato otto romanzi e una novella) e a cui piace molto sperimentare: è riuscita a passare dal fantasy al paranormal, ha fatto una capatina nel difficile mondo del thriller storico e poi ha pubblicato diversi romanzi rosa, tutti dal tono differente: "Sono io Taylor Jordan!: Le fantastiche disavventire di Maggie Clarke"è una commedia con un pizzico di romanticismo, mentre in "Ti amo già da un po'" e in "Prima che arrivassi tu" è proprio il romance a farla da padrone.
Ma, mentre negli altri romanzi rosa da lei pubblicati i protagonisti sono tutti adulti, in "The Woden's Day" Tania ha voluto fare un ulteriore esperimento scrivendo il suo primo romance young adult.

I protagonisti di "The Woden's Day" sono infatti degli adolescenti alle prese con l'ultimo anno del liceo.
A prima vista Woden e Carter non potrebbero essere più diversi: Woden fa parte del gruppo degli "sfigati": è una ragazza apparentemente un po' anonima a cui piace fare il maschiaccio, mentre Carter è il bello della scuola, sempre circondato dalle biondissime cheerleader. In realtà, però, c'è qualcosa che lega e unisce i due ragazzi: Woden e Carter sono infatti "migliori amici del mercoledì". Perché proprio del mercoledì, vi chiederete? Perché in gran segreto, Woden e Carter si incontrano ogni mercoledì sera da anni e fanno quello che in pubblico non potrebbero fare per non rovinare la reputazione di Carter: essere, appunto, migliori amici.
Ma nascondere un segreto così, in un'età delicata come solo l'adolescenza può essere, si rivelerà più difficile del previsto. E, oltretutto, un'amicizia del genere potrebbe anche trasformarsi in qualcosa di diverso...

"The Woden's Day" è, come gli altri rosa di Tania, un romanzo fresco, dai toni leggeri e divertenti e dal ritmo incalzante. Come sempre lo stile di Tania mi piace molto proprio per questo motivo: con la sua scrittura ti "costringe" a non staccarti dalle pagine. :)
Un'altra cosa che mi è piaciuta sono i personaggi. Woden è molto simpatica, ironica e non si cura affatto del parere degli altri: per questo l'ho trovata simpatica sin dalle prime pagine. Invece all'inizio ho fatto un po' di fatica a farmi piacere Carter, perché mi sembrava proprio il classico adolescente maschio fissato col sesso e con la testa un po' vuota. Man mano che la storia va avanti, però, il suo personaggio cresce e matura tantissimo, al punto che alla fine mi è piaciuto anche più di Woden. Forse però non sono riuscita a legarmi a questi personaggi al 100% a causa della loro età: non è stata colpa loro, poverini; sono io che comincio a essere vecchia! Proprio così: durante la lettura non riuscivo a ritrovarmi del tutto nei loro pensieri adolescenziali, ahimè. 

In questo romanzo, Tania ha voluto fare un ulteriore esperimento inserendo anche alcune scene di sesso. Non penso che faranno storcere il naso a qualcuno, perché non le ho trovate volgari e stanno bene col resto della storia.
Insomma, ho apprezzato "The Woden's Day" sia per lo stile inconfondibile di Tania, sia perché questa instancabile autrice non smette mai si sorprendermi con la sua inventiva e con la sua voglia di sperimentare senza mai fermarsi.

★★★★☆

mercoledì 16 marzo 2016

Blog Tour + Giveaway "Die Love Rise" di Rosa Campanile - Terza Tappa: Recensione in anteprima



Buongiorno, lettori! :)
Oggi vi parlo di un romanzo che ho avuto l'opportunità di leggere in anteprima qualche mese fa in qualità di beta reader, e che mi ha davvero stupita.
Sui blog Le parole segrete e La tana di una booklover si sono già svolte le precedenti tappe del blog tour, e oggi potete trovare la recensione in anteprima sia qui che sul blog Libri d'Incanto. In fondo al post vi lascerò tutte le date del blog tour, in ogni caso! E ora direi di iniziare. ^-^

Titolo: Die Love Rise
Autore: Rosa Campanile
Editore: Autopubblicato (StreetLib)
Prezzo: 1,99
Data di pubblicazione: 15/03/2016

In un futuro non molto lontano, la popolazione umana è stata decimata dal virus AD7E0-i che ha trasformato gli uomini in mutanti affamati di carne e sangue. Per i pochi fortunati scampati al contagio iniziale, il mondo è diventato un luogo pericoloso in cui sopravvivere a stento.
Lo sa bene Sophie Warden, che negli ultimi due anni ha fatto tutto ciò che era necessario per proteggere se stessa e sua sorella Leery. La voce che a Leons Town ci sia un Centro di Soccorso e Raccolta ancora operativo rappresenta la loro ultima chance di trovare un rifugio sicuro diverso dalla strada. Nonostante le perplessità che si tratti solo di una diceria, Sophie e Leery, in compagnia di un esiguo gruppo di sopravvissuti, raggiungono la struttura. Ma le cose non andranno come pianificate e la minaccia dei mutanti si rivelerà più letale e insidiosa di prima.
Clive Hudson non è più l'uomo di un tempo. Dopo aver perso coloro che amava, Clive ha deciso di allontanare tutto e tutti, scegliendo la morte come unica compagnia. Se per dispensarla agli infetti o per trovarla lui stesso, non fa più alcuna differenza per la sua anima tormentata da un doloroso passato. L'incontro con Sophie, però, smuoverà qualcosa nel profondo del suo essere.
Due anime simili, entrambe a un solo passo dalla condanna eterna o da un’insperata salvezza. Perchè non tutto il buono del mondo è andato perduto. Forse, nonostante il dolore e la morte, si può ancora amare ed essere amati. Anche al tempo dell'invasione mutante.

Mesi fa sono stata contattata da Rosa, che mi ha chiesto di leggere il romanzo in anteprima per poterle dare la mia opinione. Quello che mi ha detto, a grandi linee, è stato: "è un rosa ambientato durante un'apocalisse zombie". Incuriosita, ho accettato. E come avrei potuto fare altrimenti? L'idea di ambientare una storia romantica durante un'orribile invasione di non-morti mi sembrava davvero originale, e forse anche un po' folle (in senso positivo :P).

Il romanzo è scritto seguendo due punti di vista: quello di Sophie, ragazza ventenne che si è unita a un gruppo di sopravvissuti insieme a sua sorella, e di Clive, un soldato che insieme al collega Joe controlla uno degli ultimi Centri di Soccorso e Raccolta ancora operativi.
La storia si apre con Sophie che, insieme alla piccola Leery, sua sorella, è riuscita a entrare nel Centro di Soccorso e Raccolta di Leons Town. Il gruppo di sopravvissuti con cui le due ragazze avevano viaggiato fino a quel momento è stato attaccato da degli infetti, e solo Sophie e Leery sono riuscite a rifugiarsi all'interno dell'edificio. Purtroppo per loro, gli zombie le hanno notate e hanno fatto irruzione nel Centro per inseguirle. Non dico altro per non rovinare la sorpresa, perché "sorpresa" è proprio la parola adatta a questi primi capitoli: quello che succede all'inizio della storia, all'interno del Centro di Soccorso e Raccolta mi ha lasciata davvero di stucco, perché non me l'aspettavo.
In ogni caso, all'interno del Centro Sophie si imbatterà nei suoi  due abitanti: Clive e Joe. Con Joe la ragazza instaura subito un rapporto di amicizia profonda, mentre con Clive nasce qualcos'altro, qualcosa che la stessa Sophie non riesce a spiegarsi del tutto. Perché Sophie e Clive sono due anime legate dal dolore della perdita, ma anche dal desiderio intimo di rinascita.

La cosa che mi è piaciuta di più del romanzo sono i personaggi, che sono pochi ma davvero ben caratterizzati. In particolare i due protagonisti mi hanno davvero convinta: Sophie e Clive sono due personaggi molto ben costruiti, ricchi di sfaccettature in grado di renderli tridimensionali e reali. I due si compensano e si completano; Sophie è molto più forte di quel che sembra e Clive, dietro alla maschera, nasconde un cuore spezzato.
La storia è semplice e lineare, ma funziona benissimo così. Non ci sono punti morti nella trama, e a scene dolci e riflessive si alternano momenti di pura adrenalina che mi hanno tenuta incollata alle pagine.
Per ultimo, ma non per ordine di importanza, vorrei spendere due righe sullo stile di Rosa: è uno stile semplice e diretto che mi è piaciuto molto, perché non si perde in paroloni inutili ma descrive perfettamente le situazioni che i due protagonisti si trovano ad affrontare a mano a mano che la storia prosegue. Mi ha colpita davvero, perché per essere solo al primo romanzo, Rosa ha già uno stile che secondo me è molto maturo.

In definitiva, non posso che consigliarvi questo romanzo, che a me è piaciuto tantissimo!


★★★★☆ e ½

Vi ricordo inoltre le date del Blog Tour di "Die Love Rise":




martedì 15 marzo 2016

Teaser Tuesday #100

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perché spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Schizzai fuori dal negozio a tutta velocità e per poco non andai a sbattere contro Tamid.
«Ero venuto a cercarti.» Era senza fiato e si appoggiava con tutto il peso alla stampella. «Meglio se torni dentro.»
«È...» feci per dire.
«Un Buraqi.» Annuì lui. Il cuore prese a battermi forte per l'emozione.
Un Buraqi, un cavallo del deserto. Un Primo Essere, creato in un'epoca precedente a quella di noi mortali, una creatura di sabbia e vento, capace di galoppare fino ai confini del mondo senza sforzo. E che valeva il suo peso in oro, se catturata. Per niente al mondo sarei tornata dentro.
Scrutai oltre i confini della città.
Scorsi subito la nube di polvere e gli uomini che si avvicinavano, guidando la creatura con sbarre di ferro.
Doveva aver fatto scattare una delle vecchie trappole.
«Sarà stato attirato dall'incendio scoppiato a Deadshot» azzardò Tamid col suo tono da predicatore. «I Primi Esseri adorano il fuoco.»
Notai un chiodo ricurvo che spuntava da una trave del portico e lo strappai via. Un tempo, il popolo del deserto si procurava da vivere raccogliendo i metalli sulle montagne e inviando le figlie fra le dune con guanti di ferro per catturare e domare i Buraqi. Da sabbia e vento diventavano cavalli in carne e ossa, e potevano essere rivenduti nelle città. Poi il Sultano aveva costruito la fabbrica. La sabbia si era ricoperta di polvere di ferro. Persino l'acqua ne aveva preso il sapore. E i destrieri del deserto avevano iniziato a scarseggiare, le tende erano diventate case e i mercanti di cavalli operai di fabbrica.

domenica 13 marzo 2016

Segnalazione: "Un ricordo dal passato" di Alice De Checchi

Buongiorno, lettori! :)
Oggi vi presento il romanzo di Alice De Checchi, un'autrice emergente che ha da poco pubblicato questo rosa con Lettere Animate.

Titolo: Un ricordo dal passato
Autore: Alice De Checchi
Editore: Lettere Animate
Prezzo: 1,99
Data di pubblicazione: 15 Gennaio 2016

Alice Alighieri vive a Padova e dopo la laurea in lettere ha un sogno: diventare giornalista.
L’occasione per farlo le si presenta con un tirocinio presso il giornale “Le Ricerche” ma il suo capo Anna Ciampoli le mette il bastone sulle ruote e le assegna svariate mansioni che però non sono in linea con il lavoro da giornalista.
Alice decide di tenere duro prima o poi avrebbe avuto la possibilità di dimostrare quanto valeva bastava aspettare il momento giusto. Ma quando arriva, non riesce a sfruttarlo al meglio e per un equivoco, il suo primo articolo viene pubblicato con il nome di un collega. Alice ha un’ultima chance, Anna , chiamata da tutti in redazione con il soprannome di “madame dei poveri”, le assegna un importante compito scrivere un articolo sulla storia che lega due amiche Clara Bisutti e Sara Raposo.
L’unico problema è che le due non si vedono da più di sessant’anni , da quando negli anni cinquanta Sara e la sua famiglia emigrano in Canada.
Come mai le due non si sono più scritte?

Alice De Checchinasce nel 1989, si è diplomata in ragioneria e  vive attualmente in un paesino in provincia di Padova.Quando era ancora una bambina aveva già sviluppato un nutrito numero di passioni tra le quali  l’archeologia, la cucina, la musica e il cinema, ma quella più forte è stata sicuramente quella per i libri. La lettura ha sempre fatto parte di lei mentre la scrittura è arrivata con il tempo, ha iniziato con il recensire  nel network letterarioQlibridei romanzi e nel  febbraio 2015 ha aperto un lit blog personale thebooksofalice.blogspot.it e uno in comune con Valentina Bellucci suitcasedilibri.blogspot.it.


http://suitcasedilibri.blogspot.it/ (blog con Valentina Bellucci)

sabato 12 marzo 2016

Segnalazione: "L'ora del Diavolo" di Alessio Del Debbio

Buon pomeriggio, lettori! :)
Oggi vi presento "L'ora del Diavolo" di Alessio Del Debbio. Vi avevo già parlato di questo autore in passato, visto che ho avuto la possibilità di leggere e recensire il suo new adult "Favola di una falena" (QUI la recensione). "L'ora del Diavolo" è un lavoro del tutto diverso: si tratta di un'antologia di racconti ispirati alle tradizioni popolari della Lucchesia e alle Alpi Apuane.

Titolo: L'ora del Diavolo
Autore: Alessio Del Debbio
Editore: Sensoinverso Edizioni
Genere: Antologia di racconti fantastici
Formato: cartaceo
Pagine: 130
Prezzo: 15 euro
ISBN: 9788867932184

L’ora del diavolo è un’antologia di racconti fantastici ispirati a leggende e tradizioni lucchesi, rielaborate in forma romanzesca. Tredici storie, tredici strade che ci portano dritti nelle tenebre, nei luoghi oscuri e misteriosi delle Alpi Apuane, in Versilia e nella Piana di Lucca. Leggende e antiche credenze sono amalgamate in racconti dalle sfumature inquietanti e fantastiche, con magia e speranza che si intrecciano facendo luce sugli aspetti più crudi della natura umana.
Il diavolo si insinua nelle vite degli uomini, li tenta e li inganna: ma da sempre è l’uomo stesso a invocarne la presenza per godere di favori altrimenti inappagati e impossibili da soddisfare. L’ora del diavolo rielabora l’eterna lotta tra il Bene e il Male: bontà e forza di volontà contrapposte e furbizia e malvagità.
Numerose le leggende locali utilizzate nella creazione dei racconti, incentrati o legati alla figura del diavolo, come corruttore di anime, mercante di sogni, sobillatore e firmatario di patti che impegnano gli uomini in cambio di qualche servizio reso loro dal maligno. Qualche esempio? La storia di Lucida Mansi, della Busdraga di Camaiore, l’edificazione del Ponte del Diavolo (a Borgo a Mozzano), le figure degli streghi e dei Serpenti Volastri, della Serpe Regola, dell’Omo Selvatico, il gigante del Monte Freddone, le fate di pioggia, le sirene, il linchetto, i buffardelli, l’ombra di fumo e via dicendo.

Solo in quel momento Lencio capì.

«All’oscurità non c’è mai fine, perché si annida dentro di noi. Siamo noi a stimolarla, a darle il potere di avanzare. Noi con la nostra avidità, con le nostre debolezze e la nostra indifferenza. Malattie che nessuno può curare» sussurrò all’orecchio del buffardello, bagnandolo di lacrime.

Viareggino, Alessio Del Debbio ha pubblicato il racconto fantasy distopico “L’abisso alla fine del mondo”, nel 2014, il romanzo young adults “Anime contro”, nel 2015, il romanzo new adult “Favola di una Falena”, Panesi Edizioni, nel 2016, e “L’ora del diavolo”, Sensoinverso Edizioni, sempre nel 2016. Numerosi suoi racconti sono usciti in antologie, come “I mondi del fantasy”, di Limana Umanìta Edizioni, “Racconti toscani” di Historica Edizioni, e le riviste Contempo e Streetbook Magazine.

Dal 2015 collabora con il portale di letteratura fantastica “Lande incantate” in cui scrive recensioni di romanzi fantasy contemporanei. Nell’estate 2015 organizza, assieme alla scrittrice Elena Covani, la rassegna “Un libro al tramonto” – Aperitivi letterari presso il Bagno Paradiso di Viareggio, per far conoscere autori toscani. Cura il blog “I mondi fantastici” che promuove scrittori emergenti di letteratura fantastica italiana.

Pagina Facebook: “I mondi fantastici – Alessio Del Debbio”: https://www.facebook.com/alessio.deldebbio/
Sito dell’autore: http://www.alessiodeldebbio.it/
Twitter dell’autore: https://twitter.com/ADelDebbio

giovedì 10 marzo 2016

Segnalazione: "The Woden's Day" di Tania Paxia

Buongiorno, lettori! :3
Oggi vi segnalo "The Woden's Day", il nuovo romanzo di Tania Paxia del blog Nicholas ed Evelyn e il Diamante Guardiano. Ho letto il romanzo in anteprima e l'ho trovato davvero carino, fresco a divertente, in pieno stile Tania. Sarà disponibile dal 17 Marzo, ma su Amazon è già disponibile per la prenotazione! In ogni caso, ve ne parlerò meglio tra qualche giorno. ;)

Titolo: The Woden's Day
Autore: Tania Paxia
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 1,99
Data di pubblicazione: 17 Marzo 2016

“Siamo amici solo il mercoledì sera e quando non siamo in pubblico”. (Woden Audrey Doolittle) 
Woden è una patita della chimica e dell'elettronica, piatta come uno skateboard, occhi e capelli di un castano normale e nessun segno particolare, a parte un dente scheggiato per colpa di una caduta sull’asfalto da piccola e il vizio di tingersi le ciocche di capelli di colore diverso quando ne ha voglia. Per il resto è una normalissima e anonima diciassettenne, un po’ maschiaccio, che ogni tanto d’estate si diletta ancora a correre sui marciapiedi con lo skate. Colleziona montature di occhiali da vista stravaganti e non è il massimo della bellezza, ma a lei va bene così. 

"Sono un pessimo amico del mercoledì". (Carter Fitzpatrick) 
Carter (Saetta) è un pilota Nascar e il suo sogno è di correre nella Spint Cup. È il 'non ragazzo' di Felicia Hadley, la diva del liceo, ma se la spassa con tutto il gruppo delle Cheerleaders, tranne Hannah Jones che per il momento sembra resistergli. Ma lui ama le sfide, anche perché i diciassette anni arrivano una volta sola e non ricapitano più. È una celebrità a scuola da quando in prima superiore era passato dal go-kart a roba più seria. Anche l’aspetto fisico, nel crescere, si era evoluto, facendolo assomigliare più a un bel ragazzo e non più a un ranocchio. Il primo passo era stato togliere l’apparecchio e dopo, tutte quante, erano cadute nella trappola del pilota biondo con gli occhi azzurri... 

Entrambi hanno un segreto: sono amici da sempre, ma non in pubblico. Si incontrano il mercoledì sera, a casa di Woden per prestare fede all'accordo stretto da bambini: il Woden's Day. 

Delle domande, però, iniziano a farsi spazio nei loro pensieri...Il Woden's Day poteva continuare fino al diploma, ma poi? Cosa ne sarebbe stato della loro amicizia senza l'unica cosa che li legava? 
Tra liti, tregue, battibecchi e incomprensioni, Woden con le sue 'teorie' e Carter con la sua 'pratica' cercheranno di trovare una soluzione al problema.

mercoledì 9 marzo 2016

Www... Wednesday #63

Buongiorno lettori!

Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?


What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


Sono circa a metà di "Tra le braccia di Morfeo" di A.G. Howard. Per ora non sembra male, ma il primo volume mi aveva preso di più. Ma, soprattutto, vogliamo parlare del titolo orrendo?

What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


La Kinsella non mi piace granché, ma devo dire che "Dov'è finita Audrey?", pur essendo un romanzo molto semplice e lineare, mi ha colpita.

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

Proprio non lo so, credo che sceglierò la prossima lettura quando sarà il momento. ;)


martedì 8 marzo 2016

Teaser Tuesday #99

Buon martedì, lettori! :)
Oggi è giorno di "Teaser Tuesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading.  
Di cosa si tratta?  Bisogna aprire una pagina a caso del libro che si sta leggendo e trascrivere un breve brano. Trovo che la rubrica sia molto simpatica, soprattutto perché spesso permette di farsi un'idea di un particolare libro o del modo di scrivere dell'autore.


Il rimorso mi assale nel momento stesso in cui Morpheus se ne va. Più ci penso, più mi sembra chiaro: da quando è comparso indossando le spoglie di Finley non è entrato nella mia mente neanche una volta. Anche nei miei sogni all'ospedale, non era sua la voce che ho sentito. Quel bisbiglio avrebbe potuto appartenere a chiunque. Anche a me.
Stava dicendo la verità. Mi ha aperto il suo cuore, e io gliel'ho sventrato. Lui vuole solo salvare il Paese delle Meraviglie, e io non riesco a smettere di comportarmi da codarda.
Il tramonto filtra dalle persiane e si riflette sui vetri sparsi a terra, proiettando sulle pareti tenui immagini rosate. Tanta serenità non si intona a ciò che sento. Non riesco a decidermi a raccogliere i frammenti di specchio. Si sono rotte troppe cose, oggi. Così tante che non so da dove iniziare a sistemarle tutte.
Un russare mi distrae dal senso di colpa, attirandomi verso l'armadio. Corniglio è appallottolato sul pavimento. Alcuni vestiti sono caduti dalle stampelle, e glieli sistemo sopra per camuffarlo. Lui fa schioccare le labbra e si rannicchia meglio nel suo letto di scarpe e cinture. Per quanto strano e inquietante sia da sveglio, quando dorme è adorabile -vulnerabile, addirittura.
La sua sicurezza è la mia prima priorità. Devo riportarlo nella tana del coniglio. Non possiamo rischiare che papà o qualche altro umano si imbatta in lui.

Da "Tra le braccia di Morfeo" di A.G. Howard

lunedì 7 marzo 2016

Segnalazione: "Die Love Rise" di Rosa Campanile

Buongiorno! :3
Per iniziare la settimana vi segnalo l'uscita di un romanzo che mi sta molto a cuore: si tratta di "Die Love Rise" di Rosa Campanile del blog Briciole di Parole. Ho avuto la fortuna di poter leggere il romanzo in anteprima in qualità di beta reader e ne sono rimasta davvero colpita! Ma per ora non dico niente, anche perché ne parlerò in maniera approfondita tra qualche giorno. Insomma, vi lascio alla scheda e alla trama del libro, che potrete trovare negli store online a partire dal 15 Marzo!

Titolo: Die Love Rise
Autore: Rosa Campanile
Editore: Autopubblicato (StreetLib)
Prezzo: 1,99
Data di pubblicazione: 15 Marzo 2016

In un futuro non molto lontano, la popolazione umana è stata decimata dal virus AD7E0-i che ha trasformato gli uomini in mutanti affamati di carne e sangue. Per i pochi fortunati scampati al contagio iniziale, il mondo è diventato un luogo pericoloso in cui sopravvivere a stento.
Lo sa bene Sophie Warden, che negli ultimi due anni ha fatto tutto ciò che era necessario per proteggere se stessa e sua sorella Leery. La voce che a Leons Town ci sia un Centro di Soccorso e Raccolta ancora operativo rappresenta la loro ultima chance di trovare un rifugio sicuro diverso dalla strada. Nonostante le perplessità che si tratti solo di una diceria, Sophie e Leery, in compagnia di un esiguo gruppo di sopravvissuti, raggiungono la struttura. Ma le cose non andranno come pianificate e la minaccia dei mutanti si rivelerà più letale e insidiosa di prima.
Clive Hudson non è più l'uomo di un tempo. Dopo aver perso coloro che amava, Clive ha deciso di allontanare tutto e tutti, scegliendo la morte come unica compagnia. Se per dispensarla agli infetti o per trovarla lui stesso, non fa più alcuna differenza per la sua anima tormentata da un doloroso passato. L'incontro con Sophie, però, smuoverà qualcosa nel profondo del suo essere.
Due anime simili, entrambe a un solo passo dalla condanna eterna o da un’insperata salvezza. Perchè non tutto il buono del mondo è andato perduto. Forse, nonostante il dolore e la morte, si può ancora amare ed essere amati. Anche al tempo dell'invasione mutante.

Rosa Campanile è una ragazza come tante. Ama i gatti, la buona cucina e preparare dolci per le persone che ama. La sua grande passione sono i libri. Adora leggere e nel 2014 ha fondato il lit-blog Briciole di Parole, dove parla dei molti libri letti e dei tanti altri che ancora vorrebbe leggere. 
La sua primissima pubblicazione è stato un racconto per un'antologia gratuita per la Harlequin Mondadori in collaborazione con Kenzo Jeu d’Amour. Die Love Rise è il suo primo romanzo.  

Email: briciolediparole@gmail.com 
Pagina Facebook: Die Love Rise

venerdì 4 marzo 2016

Recensione: "La fabbrica delle meraviglie" di Sharon Cameron

Titolo: La fabbrica delle meraviglie
Autore: Sharon Cameron
Editore: Mondadori
Prezzo: 17,00
Data di pubblicazione: 27 Gennaio 2015

In una notte di nebbia Katharine arriva in una misteriosa tenuta vittoriana con l'incarico di controllare che l'eccentrico zio George non stia dilapidando il patrimonio di famiglia. Convinta di incontrare un uomo sull'orlo della follia scopre invece che lo zio è un geniale inventore e sostenta una vivace comunità persone straordinarie come lui, salvate dai bassifondi di Londra. Aiutato dal giovane e affascinante Lane, George realizza creazioni fantasmagoriche: pesci meccanici, bambole che suonano il pianoforte e orologi dai mille ingranaggi. Ma Katharine comprende ben presto che una trama di interessi oscuri minaccia il suo mondo pieno di meraviglie e, forse, il destino di tutta l'Inghilterra.

"La fabbrica delle meraviglie" è il primo volume di una serie ambientata nell'800 in Inghilterra, che promette di unire romanzo storico, steampunk, e romance.
Katharine è diciassettenne di origini nobili che, sotto la tutela di una zia dispotica, viene spedita nella magione dello zio Tully per controllare che sia tutto in ordine: infatti, la zia di Katharine sospetta che il signor Tully sia affetto da demenza e che stia dilapidando tutto il capitale della famiglia. 
Una volta arrivata là, Katharine si troverà ad affrontare qualcosa di inaspettato: lo zio Tully è sì molto particolare, ma grazie alla sua passione ha dato lavoro a centinaia di persone. Katharine si trova così divisa tra l'obbligo di raccontare tutto a sua zia per preservare la sua precaria posizione all'interno della famiglia, e il desiderio di lasciar inalterata la situazione nei possedimenti di Tully, in modo da far vivere in pace e serenità sia tutti gli operai, sia il suo stravagante zio.

Avevo delle aspettative molto alte per questo romanzo, soprattutto perché non vedevo l'ora di leggere uno steampunk che, almeno dalla trama, sembrava molto particolare. A conti fatti, però, credo che questo romanzo non sia nemmeno classificabile come steampunk. Ci sono pochissimi elementi di questo genere, e alla fine per me "La fabbrica delle meraviglie" è più uno storico/ucronico con uno spruzzo di romance.

Tutto sommato la storia mi è piaciuta e ho apprezzato i personaggi principali. Katharine evolve molto nel corso della narrazione, e piano piano il lettore impara a conoscerla per quello che è: una ragazza di buon cuore ma piena di dubbi e paure, che però verranno poi sostituiti da una grossa forza d'animo. Anche il personaggio dello zio Tully mi è piaciuto. Ho adorato il modo in cui l'autrice è riuscita a descrivere questo personaggio così particolare: Tully è infatti autistico, è un genio chiuso in se stesso.

Purtroppo però ho trovato la narrazione estremamente lenta, soprattutto nella prima parte. Nella prima metà del libro non succede praticamente nulla, e gli avvenimenti rilevanti vengono relegati alle ultime pagine del romanzo. Per questo motivo non sono riuscita ad appassionarmi davvero a questa storia, che secondo me poteva dare molto di più. In ogni caso il romanzo si è rivelato abbastanza piacevole, per cui credo che in futuro darò un'altra possibilità a questa autrice e leggerò il seguito.

★★★☆☆

giovedì 3 marzo 2016

Segnalazione: La saga Fantasy " Gli Angeli e l'Apocalisse" di Effe C.N. Cola

Buon pomeriggio lettori!
Oggi vi presento i primi due romanzi della saga fantasy "Gli Angeli e l'Apocalisse" dell'autrice Effe C.N. Cola. A breve se seguirà un terzo, insieme a un gioco di ruolo  (cosa davvero inusuale!).


Titolo: Erenvir e l'Anno Zero
Autore: Effe C.N. Cola
Editore: Dalim
Prezzo: 3,99
Data di pubblicazione: 28 Settembre 2015


L’Apocalisse profetizzata nella Bibbia si avvera, devastando la terra e decimando l’umanità.
I principali fautori dell’Armageddon, i Cavalieri della Violenza, della Carestia, della Morte e della Guerra, quattro potentissimi Angeli, decidono di rimanere nel mondo materiale per diventarne i sovrani assoluti e si pongono a capo di eserciti di creature oscure per attuare la propria conquista.
Fortunatamente, anche sette Schiere Angeliche restano a combattere per gli uomini sopravvissuti contro le brame di potere di chi li vuole sottomessi o morti. 
Jonathan White è un ragazzo che viene prescelto per contribuire alla lotta tra Bene e Male.
Verrà chiamato Erenvir, portatore della Nuova Era ed il suo primo compito sarà quello di condurre in salvo i sopravvissuti in un luogo indicatogli come Terra Promessa.
Affronterà un viaggio in cui scoprirà quanto tutto ciò che conosceva sia mutato e sottoposto a nuove leggi fisiche e spirituali, tra nuovi luoghi infernali e piccoli paradisi, tra bestie demoniache e creature idilliache, in un ambientazione tutta da svelare.



Titolo: Erenvir e i Sette
Autore: Effe C.N. Cola
Editore: Dalim
Prezzo: 3,99
Data di pubblicazione: 19 Novembre 2015

Sono passati cinque anni dal Giorno del Giudizio. 
Sette Regni Angelici e Quattro Regni dei Cavalieri dell’Apocalisse già sono stati costituiti e si contrastano.
Tra il Bene e il Male si è creato un equilibrio instabile che rischia di essere alterato da una nuova immensa minaccia: Carestia, uno dei quattro Portatori dell’Armageddon che vogliono impadronirsi del pianeta, ha evocato Abbadon il Distruttore, un essere temuto dagli stessi Alati. 
Per evitare all’umanità di sprofondare sotto la sua potenza devastatrice, Erenvir si incamminerà in un viaggio che svelerà molto della neonata e oscura identità della terra ora chiamata Apogea.

mercoledì 2 marzo 2016

Www... Wednesday #62

Buongiorno lettori!

Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?

What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)

Avevo di nuovo bisogno di una lettura leggera, per cui ho iniziato "Dov'è finita Audrey?" di Sophie Kinsella. Per ora sembra carino, anche se la Kinsella non mi fa impazzire.

What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)



Ho finito di leggere "The Woden's Day" di Tania Paxia (Grazie per avermi dato la possibilità di leggerlo in anteprima :3) e "Il viaggio dell'assassino" di Robin Hobb. 
Del libro di Tania vi parlerò a brevissimo, comunque si è rivelata una lettura leggera, fresca e divertente. 
Il romanzo della Hobb l'ho amato alla follia. Mi mancherà Fitz. Comunque consiglio la trilogia dei Lungavista a tutti. u_u

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


Ho una gran voglia di leggermi "Demon Hunter Severian - La signora dei cancelli della notte" di Giovanni Anastasi (che poi sarebbe Luca Tarenzi). Il problema è che ancora non l'ho comprato, per cui boh. Mi ero ripromessa di smaltire prima i millemila libri che ho in arretrato... Staremo a vedere, non so se vincerà la mia tirchieria o la mia smania di possedere libri. XD