venerdì 17 giugno 2016

Recensione: "Poison Fairies - I re delle macerie" di Luca Tarenzi

Titolo: I re delle macerie
Serie: Poison Fairies #2
Autore: Luca Tarenzi
Editore: Acheron Books
Prezzo: 4,72 (ebook) - 11,59 (cartaceo)
Data di pubblicazione: 30 Ottobre 2015

La Discarica è sull’orlo del baratro, e nessuno lo sa meglio di Albedo, il Re dei Goblin. Sua sorella Cruna e i suoi amici fuorilegge sono scomparsi, forse morti, forse prigionieri dei nemici di sempre, i selvaggi Boggart. La guerra è sempre più vicina e i Boggart sono troppi, e troppo inferociti, perché i Goblin abbiano una sola possibilità di sopravvivere. 
E mentre Disgelo si prepara a una folle missione di salvataggio con l’unico aiuto della persona che più lo odia al mondo e che ha giurato di ucciderlo, il diabolico Argiope, Re dei Boggart, dispone attentamente le sue pedine per la battaglia. 
Stretto tra le nuove, terrificanti stregonerie del nemico e l’agonia della sua gente, Albedo non potrà fare altro che scendere in campo armato solo della sua intelligenza e della sua disperazione, e affrontare l’idea che forse un atto mostruoso e innominabile, il sacrificio che non ha mai avuto il coraggio di compiere, diventerà presto la sua unica possibilità di salvezza... 

Dalla penna di uno degli autori più rappresentativi del Fantasy Italiano, Luca Tarenzi, arriva l'esplosivo, secondo romanzo della trilogia "Poison Fairies"!

Qualche mese fa ho recensito "La guerra della discarica" (trovate QUI la recensione), e ora torno a parlarvi di questa interessante e originale serie urban fantasy tutta italiana, in cui fate feroci e animalesche combattono tra loro in una guerra che va avanti da generazioni per conquistare il controllo degli angusti territori della discarica.

Il romanzo riprende la narrazione da dove l'avevamo lasciata nel volume precedente. Ritroviamo così tutti i personaggi di "La guerra della discarica": l'indomabile principessa Cruna, la veggente Verderame, il misterioso quanto affascinante Disgelo, ma anche il crudele Argiope e tanti altri personaggi di contorno, che ho trovato comunque davvero ben definiti e particolari.
Luca Tarenzi è riuscito infatti a rendere benissimo i tratti dei vari personaggi, sia principali che secondari. Personalmente ho davvero adorato Disgelo, ma anche tutti gli altri protagonisti di questa storia mi sono rimasti impressi.
A differenza del precedente volume, secondo me qui si perde un po' l'effetto sorpresa, nel senso che ormai sapevo cosa aspettarmi dalla discarica e dai suoi abitanti; però c'è da dire che il ritmo della narrazione si è fatto ancora più sostenuto, e mi ha lasciata col fiato sospeso fino alle ultime battute del romanzo.

Se devo trovare in difetto a "I re delle macerie", direi che il finale, come nel precedente volume, risulta davvero mozzato. A questo punto immagino che sia proprio una scelta stilistica dell'autore, che però mi ha fatto soffrire da morire: voglio sapere che succede!
Spero davvero che il prossimo volume di questa serie esca il prima possibile, perché il romanzo mi ha conquistata e non vedo l'ora di tuffarmi di nuovo nel mondo che Luca Tarenzi ha saputo creare.

★★★★☆

Nessun commento:

Posta un commento