venerdì 5 agosto 2016

Recensione: "Le strane logiche dell'amore" di Tania Paxia

Titolo: Le strane logiche dell'amore
Autore: Tania Paxia
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 0,99
Data di pubblicazione: 20/07/2016
Disponibile su: Amazon

«Non scapperai anche tu, vero?» ingoiò la saliva, facendo sussultare il pomo d’Adamo.
«Se non scapperai prima tu, no».

Cameo ha ventisei anni e vive a Londra, insieme al suo fidato Flash, il Basset Hound di due anni con il quale condivide l’appartamento. Gestisce un blog letterario e per mantenersi lavora nella sala da tè di sua madre a Notting Hill. Ha una vita piuttosto monotona, fatta di passeggiate nel parco, di letture notturne, di pettegolezzi e di sabati di shopping insieme a sua cugina Nancy, prossima alle nozze. Tutto questo cambia, quando riceve un libro da recensire in anteprima esclusiva. Un libro che la porterà a oltrepassare ogni logica, pur di scoprire il mistero che si cela dietro al nome dell’autore…
Tristan Moseley, Canterbury, Kent, 1986, prima di dedicarsi alla scrittura si laurea in letteratura inglese al King’s London College e compie dei viaggi intorno al mondo come inviato di alcune riviste scientifiche e d’informazione.
Ma chi è davvero Tristan Moseley? È davvero l’autore di Sweet Olivia, il libro che Cameo ha ricevuto in anteprima? Tra vari dubbi, inseguimenti, concerti e glow party, cercherà di trovare la soluzione, lasciandosi guidare dai propri sentimenti.

Chi segue il blog da un po', probabilmente si sarà accorto che da un anno e mezzo a questa parte ho letto e recensito tutti i romanzi pubblicati da Tania Paxia, autrice e blogger su Nicholas ed Evelyn e il Diamante Guardiano. Tania ha pubblicato romanzi di diverso genere: è passata dal thriller storico al fantasy, per poi approdare al rosa.
E, come suggerisce il titolo stesso, "Le strane logiche dell'amore" appartiene proprio a quest'ultima categoria.

La protagonista del romanzo è Cameo Pink, una giovane blogger letteraria che, dopo aver rotto col fidanzato Chase, vive in un appartamento a Londra insieme al suo fidato basset hound Flash. Oltre ad aver perso il fidanzato, Cameo ha difficoltà economiche perché è anche senza lavoro, e così nel pomeriggio aiuta la madre alla sala da tè a Notting Hill. 
A complicarle la vita ci penseranno sua cugina Nancy, che convincerà  Cameo ad aiutarla ad organizzare il suo matrimonio, e un misterioso romanzo inviatole da una delle case editrici con cui collabora.
Sarà proprio il romanzo, e soprattutto il mistero che aleggia dietro alla sua autrice (o al suo autore?) a movimentare la vita di Cameo, che altrimenti sarebbe stata piuttosto monotona.

Dire che "Le strane logiche dell'amore" mi è piaciuto è a dir poco riduttivo. Ormai ho letto quasi tutti i romanzi di Tania (mi manca solo il suo romanzo d'esordio), e devo dire che questo si piazza dritto tra i miei preferiti.
La trama è divertente, a tratti imprevedibile e i personaggi sono adorabili, a partire da Cameo, che per scoprire il segreto del libro finisce per combinare un gran macello, fino a Tristan, controparte maschile del romanzo che mi è piaciuta davvero tanto. Anche i personaggi secondari sono stati ben caratterizzati, e devo dire che tra tutti ho apprezzato davvero tanto Ginger, la madre hippie di Cameo. 

Insomma, se amate questo genere di romanzi (ma anche se non lo amate), vi consiglio vivamente la lettura di "Le strane logiche dell'amore": sono sicura che vi divertirà e vi terrà attaccati alle pagine, proprio come è successo a me!

★★★★☆ e ½


4 commenti: