venerdì 30 dicembre 2016

Le migliori e peggiori letture del 2016

Buongiorno, lettori! :)
Questo sarà l'ultimo post dell'anno, e non posso fare a meno di pensare che il tempo passa davvero troppo velocemente.
In ogni caso, con molta poca fantasia, ho pensato di fare un piccolo recap con le letture che nel corso del 2016 mi sono piaciute di più (e anche con quelle che mi hanno garbato di meno).

I preferiti

"Il viaggio dell'assassino" (Trilogia dei Lungavista #3) di Robin Hobb

Re Sagace è morto per mano del figlio Regal. Anche Fitz è morto, o almeno così credono i suoi amici e nemici. Ma con l'aiuto dei suoi alleati e dello Spirito riemerge dalla tomba, segnato da una profonda cicatrice che gli solca il corpo e l'animo. Il regno è vicino alla rovina: Regal ha saccheggiato la capitale per poi abbandonarla, mentre il legittimo erede, il principe Veritas, è perso nella sua folle ricerca, forse destinato a morire. Solo il ritorno di Veritas, o la successione che spetta di diritto a sua moglie, potrà salvare i Sei Ducati. Ma Fitz non resterà a guardare. Guidato da ricordi confusi e dolorosi, si incarica di una missione: uccidere Regal. Il viaggio lo conduce per acque profonde, su cui scorrono i potenti flussi di magia dei quali scopre di essere dotato; le correnti potranno portarlo negli abissi o renderlo ancor più potente che in passato…




"I re delle macerie" (Poison Fairies #2) di Luca Tarenzi

La Discarica è sull’orlo del baratro, e nessuno lo sa meglio di Albedo, il Re dei Goblin. Sua sorella Cruna e i suoi amici fuorilegge sono scomparsi, forse morti, forse prigionieri dei nemici di sempre, i selvaggi Boggart. La guerra è sempre più vicina e i Boggart sono troppi, e troppo inferociti, perché i Goblin abbiano una sola possibilità di sopravvivere. 
E mentre Disgelo si prepara a una folle missione di salvataggio con l’unico aiuto della persona che più lo odia al mondo e che ha giurato di ucciderlo, il diabolico Argiope, Re dei Boggart, dispone attentamente le sue pedine per la battaglia. 
Stretto tra le nuove, terrificanti stregonerie del nemico e l’agonia della sua gente, Albedo non potrà fare altro che scendere in campo armato solo della sua intelligenza e della sua disperazione, e affrontare l’idea che forse un atto mostruoso e innominabile, il sacrificio che non ha mai avuto il coraggio di compiere, diventerà presto la sua unica possibilità di salvezza...

"La porta di Tolomeo" (Trilogia di Bartimeus #3) di Jonathan Stroud

I destini di Bartimeus, Nathaniel e Kitty s'intrecciano un'ultima volta: ed è la resa dei conti. Finalmente si conosceranno i segreti del passato di Bartimeus, si potrà guardare oltre la Porta di Tolomeo, nel mondo dei demoni, ci sarà una battaglia senza esclusione di colpi che deciderà il destino dell'umanità in una spettacolare "notte dei morti viventi".








"La guerra gallica" di Giulio Cesare

Purezza, limpidità, brevità: questi i pregi che Cicerone riconosceva ai Commentarii di Cesare, una cronaca che diventa storia nell'atto stesso del suo farsi, scritta nello stile spoglio dei rapporti militari, ma capace di stabilire una immediata e diretta comunicazione con il lettore. Caratteristiche che valsero a quest'opera vasta fortuna tra linguisti, storici, studiosi classici e dell'arte militare. Ma il Bellum Gallicum è innanzitutto un libro da leggere: racconta le spietate, fulminee campagne militari che in sette anni fecero di Cesare il signore di un territorio che andava dal Tamigi all'Illiria, e gli aprirono la strada del potere assoluto. Con le guerre di Gallia questo leader razionale e pragmatico, cinico e spregiudicato, perfeziona un lucido disegno di dominio, e cambia la storia di Roma e dell'Europa.





"Quando il diavolo ti accarezza" di Luca Tarenzi

In una Milano buia e sferzata dalla pioggia, Lena sta inseguendo la sua amica Sofia, misteriosamente caduta in uno stato di trance. Davanti alla mole imponente della stazione Centrale, tra i marmi dievolmente illuminati dalla luce dei lampioni, la giovane assiste a un incredibile duello: un'immensa creatura di fuoco sta per annientare un ragazzo nudo e coperto di sangue. D'istinto Lena interviene e permette al giovane di approfittare di un attimo di distrazione dell'avversario per rovesciare le sorti della battaglia e decapitarlo con la sua stessa spada. Solo che l'assalitore era un angelo e il giovane, Arioch, un demone appena evocato per uccidere Sofia. Lena è determinata, coraggiosa, testarda e per salvare la sua migliore amica è disposta a tutto, anche a mettersi contro un demone. Arioch è antico come il mondo, violento, sanguinario e ha una missione cui è vincolato. E, purtroppo per Lena, ha anche due occhi penetranti e stregati...

"L'amuleto d'ambra" (Outlander #2) di Diana Gabaldon

Scozia, 1945. 
Claire Randall, infermiera militare, attraversa uno dei cerchi di pietre antiche ed è improvvisamente proiettata indietro nel tempo,nell'anno 1743, di colpo straniera in una terra dilaniata dalla guerra ed alla lotta fra clan rivali. Scozia 1968: Claire ha mantenuto il suo segreto per vent'anni, ma ora parte dall'America e fa ritorno a Craigh na Dun, la Collina delle fate. Sta cercando il modo per raccontare a sua figlia la verità: il suo viaggio nel passato e un amore che valica i confini del tempo...










Il mio preferito dell'anno è stato senza dubbio "Il viaggio dell'assassino" di Robin Hobb. La trilogia dei Lungavista mi è piaciuta molto, ma questo volume conclusivo mi ha emozionata, ed è riuscito a tenermi incollata alle pagine nonostante la mole.
Ho inserito nella lista due romanzi di Tarenzi, anche se a dire la verità ne ho letti altri tre, e anche quelli meriterebbero di stare tra i preferiti. Non li ho messi tutti solo per non risultare monotematica, ecco. :P Che dire? Questo autore l'ho scoperto l'anno scorso e non posso che consigliarvelo: lo trovo davvero bravissimo; i suoi romanzi sono una droga e se avesse un nome anglosassone a quest'ora starebbe nuotando nell'oro come zio Paperone. 
"La porta di Tolomeo" l'ho letto solo quest'anno, nonostante i primi due volumi della trilogia li abbia divorati anni fa. Durante la lettura non ho fatto altro che ripetermi: "perché cavolo avevi interrotto questa serie? Perché?". Dire che ho adorato questo romanzo è riduttivo: per me, come nel caso de "Il viaggio dell'assassino", è il migliore della trilogia.
"La guerra gallica" lo volevo leggere da anni, e finalmente sono riuscita nell'intento. Non essendo un romanzo non mi esprimo, ma penso che sia davvero una lettura necessaria.
"L'amuleto d'ambra" di Diana Gabaldon è il secondo romanzo della serie Outlander: come il primo volume, l'ho trovato molto appassionante e ben scritto. Inoltre l'autrice ha ricostruito l'ambientazione in maniera davvero accurata, e forse questa è la cosa che mi è piaciuta di più.

***

Le delusioni

"Beautiful" di Alyssa Sheinmel

Maisie è, a detta di tutti, una ragazza carina e fortunata. Ha una vita normale, una famiglia e un fidanzato che le vogliono bene e una passione per la corsa. Una mattina però, mentre si allena, la sua esistenza cambia in modo drammatico. Vittima di un incidente, si ritrova con il viso deturpato e, anche se potrà sottoporsi a un importante intervento chirurgico, non sarà per nulla semplice, dopo, riconoscersi e ritrovare se stessa. Alyssa Sheinmel, scrittrice apprezzata dalla critica, tratta un tema importante con una scrittura potente, raccontando il dramma di una ragazza che cerca di ricostruire la propria identità, punto di partenza per poter rinascere.







"Muirwood - I Miserabili" (Muirwood #1) di Jeff Wheeler

Nella magica terra di Muirwood, Lia è cresciuta conoscendo servitù e sottomissione. È una miserabile, una reietta cui non è dovuto alcun rispetto e alla quale è precluso ogni segreto custodito tra le antiche mura dell’Abbazia che la ospita. Ma Lia sa che, prima o poi, la sua occasione di riscatto arriverà e che i suoi giorni da serva nelle cucine dell’Aldermaston sono destinati a finire. Quando un armigero di nome Colvin viene trovato sanguinante davanti alla porta delle cucine, Lia sente che è proprio lui la persona con cui provare a cambiare la propria sorte. Sulle tracce del ragazzo ci sono i sicari del perfido sceriffo Almaguer, fedele servitore del re e acerrimo nemico di coloro che, come Colvin, si sono ribellati alla sua malvagia autorità. In una terra sconvolta dalla guerra, Lia intraprende un viaggio pericoloso ma allo stesso tempo rivelatore, alla scoperta di antichi segreti e arti magiche, che la porterà a scoprire in sé stessa doti che neanche immaginava di possedere e che invece potrebbero segnare le sorti della sua meravigliosa avventura.

"L'amore arriva sempre al momento sbagliato" di Brittany C. Cherry

Ashlyn Jennings è una studentessa modello. Ama follemente leggere, soprattutto i drammi di Shakespeare, dentro i quali, spesso, cerca risposte alle domande che la vita le pone. E adesso di punti interrogativi ne ha molti, dato che ha appena perso sua sorella gemella e, come se non fosse abbastanza, sua madre è caduta in una grave depressione. Ashlyn deve andare a vivere con suo padre e la sua nuova famiglia nel Wisconsin. La devasta anche solo l’idea di trascorrere l’ultimo anno di scuola lontana dai compagni di classe, ma non può che fare le valigie. In viaggio verso la sua nuova casa incontra per caso Daniel Daniels, un uomo distrutto. Lui ha subìto due grandi perdite nella sua vita e sta cercando di rimettersi in sesto. Pensa a tutto meno che a trovare l’amore, ma l’incontro con Ashlyn è qualcosa che va oltre le semplici leggi della chimica. Entrambi cercano di dimenticare quello che hanno provato quel giorno, finché non si “scontrano” a scuola, dove essere allieva e professore non facilita affatto le cose… 




Per fortuna quest'anno non ho letto molti romanzi che mi hanno delusa. "Beautiful" e "Muirwood" non sono state delle delusioni totali. Il primo non mi è piaciuto perché, nonostante il tema trattato, ho trovato la narrazione molto fredda e distaccata; mentre il secondo mi è sembrato davvero lento, e inoltre l'edizione presenta una quantità di errori grammaticali e refusi da fare spavento. 
Il vero re delle delusioni è "L'amore arriva sempre al momento sbagliato": da questo romanzo non mi aspettavo assolutamente nulla, volevo solo una lettura leggera, e invece mi sono trovata tra le mani Lo Scempio. Un libro che parla di due idioti che si tagliano le maniche delle magliette per soffiarsi il naso (QUI la mia disperatissima recensione). XD

*** 

Quali sono state le vostre migliori e peggiori letture dell'anno?

mercoledì 28 dicembre 2016

Nella mia wishlist #7

Buongiorno, lettori!
Oggi torno sul blog per aggiornare la rubrica a cadenza del tutto casuale dedicata alla mia wishlist libresca, che si allunga sempre di più. :P
Vi lascio la trama di due romanzi a tema magico non disponibili in Italia che mi ispirano davvero tantissimo!

***


 "A darker shade of magic" (Shades of magic #1) di V. E. Schwab
Kell is one of the last travelers--magicians with a rare, coveted ability to travel between parallel universes connected by one magical city. 

There's Grey London, dirty and boring, without any magic, and with one mad King--George III. Red London, where life and magic are revered--and where Kell was raised alongside Rhy Maresh, the roguish heir to a flourishing empire. White London--a place where people fight to control magic and the magic fights back, draining the city to its very bones. And once upon a time, there was Black London. But no one speaks of that now.

Officially, Kell is the Red traveler, ambassador of the Maresh empire, carrying the monthly correspondences between the royals of each London. Unofficially, Kell is a smuggler, servicing people willing to pay for even the smallest glimpses of a world they'll never see. It's a defiant hobby with dangerous consequences, which Kell is now seeing firsthand.

Fleeing into Grey London, Kell runs into Delilah Bard, a cut-purse with lofty aspirations. She robs him, saves him from a deadly enemy, and finally forces Kell to spirit her to another world for a proper adventure. 


Now perilous magic is afoot, and treachery lurks at every turn. To save all of the worlds, they'll first need to stay alive.

"Libriomancer" (Magic Ex Libris #1) di Jim C. Hines

Isaac Vainio is a Libriomancer, a member of the secret organization founded five centuries ago by Johannes Gutenberg. Libriomancers are gifted with the ability to magically reach into books and draw forth objects. When Isaac is attacked by vampires that leaked from the pages of books into our world, he barely manages to escape. To his horror he discovers that vampires have been attacking other magic-users as well, and Gutenberg has been kidnapped.
With the help of a motorcycle-riding dryad who packs a pair of oak cudgels, Isaac finds himself hunting the unknown dark power that has been manipulating humans and vampires alike. And his search will uncover dangerous secrets about Libriomancy, Gutenberg, and the history of magic. . . . 

giovedì 22 dicembre 2016

Buone feste!

Buongiorno, lettori! :)
Faccio una capatina veloce veloce sul blog per augurarvi buone feste! ^-^
Il blog tornerà attivo tra qualche giorno; nel frattempo divertitevi e mangiate tanto! :P

mercoledì 21 dicembre 2016

Www... Wednesday #90


Buongiorno lettori!
Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)

What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


Ho iniziato da qualche giorno "Il potere dei druidi" di Morgan Llywelyn, ma per ora ho letto davvero pochissimo, per cui non so dirvi nulla per il momento. 

What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


Lo avevo già letto in italiano anni fa. Nonostante la Trilogia delle Gemme abbia una trama piuttosto semplice, devo dire che a me piace  e mi diverte tantissimo.

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


Non ne sono sicura, ma credo che continuerò a leggere la Trilogia della Gemme. ^^


martedì 20 dicembre 2016

Teaser Tuesday #124


La mia istruzione riprese e le aule in cui si svolse furono le radure della foresta, perché Menua voleva che assorbissi la saggezza degli alberi. Il termine druido, come mi spiegò, significava infatti "avere la saggezza della quercia".
«Quando gli uomini erano come vapore, gli alberi erano come vapore.» mi disse. «Le foreste sono più vecchia della memoria e il tempo è immagazzinato nelle loro radici e nei loro rami. È nella radura dell'albero essere generoso, quindi apriti e resta immobile. Ricevi ciò che gli alberi impartiscono.»
Imparai ad ascoltare gli alberi.
Io ero la sola persona della mia generazione nel raggio di una giornata di cammino che stesse ricevendo l'addestramento per diventare druido. A volte Menua parlava con malinconia degli anni passati quando molti giovani dotati si presentavano per essere istruiti e la foresta echeggiava delle loro voci che recitavano in coro, ma non sapeva spiegare quella carenza di adepti dell'Ordine che gravava pesantemente sul suo spirito.

Da "Il potere dei druidi" di Morgan Llywelyn

venerdì 9 dicembre 2016

Recensione: "Dream On" di Tania Paxia

Titolo: Dream On
Autore: Tania Paxia
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 1,20
Data di pubblicazione: 16 Novembre 2016

E se l'inconscio si fondesse con la realtà?

«I sogni sono labili e leggeri. Si dissipano in un soffio, senza neanche dare il tempo di rendersene conto.»

Lo sa bene Thea Palmer, psicologa specializzata in psicoanalisi e nell'interpretazione dei sogni. Soprattutto da quando un suo paziente, Paul Kusac, dice di vedere in sogno una San Francisco distrutta abitata da persone rifugiate nei sotterranei o all'interno dei grattacieli per sfuggire alle guardie in ricognizione. Quello che Kusac dice di vedere in sogno è un mondo parallelo, governato da Hypnos, il Dio del Sonno. Thea cerca di convincerlo in tutti i modi che quel mondo da lui descritto (seppur nei minimi particolari) è soltanto un sogno ricorrente che rispecchia l'animo irrequieto dell'uomo. Ma Kusac, durante una seduta, le rivela qualcosa sulla sua vita privata: qualche particolare riguardante la sua adolescenza burrascosa e sulla morte prematura del suo fidanzato Adam. Da quel giorno, Thea, viene tormentata da continue visioni sul suo ex fidanzato morto. In più, altri pazienti sembrano sognare quella città devastata e ricevere dei messaggi in codice da parte di un certo Flynn. Quando anche la sua quasi-sorella minore ha gli stessi disturbi, le sue certezze cominciano a vacillare, pensando addirittura di essere nel bel mezzo di un esaurimento nervoso. La sparizione del suo collega e fidanzato Blake, durante un week-end romantico, non può far altro che peggiorare la situazione. Ma ciò che scoprirà dopo, forse, potrà aiutarla a salvare Blake dalle grinfie di Hypnos e dai suoi subdoli piani. 

Questo romanzo è nato dalla storia scritta da Meggie Clarke in "Sono io Taylor Jordan!"

Se seguite il blog da un po', di sicuro vi sarete accorti che ho letto quasi tutti i romanzi pubblicati da Tania Paxia del blog Nicholas ed Evelyn e il Diamante Guardiano. Tania si è cimentata in tanti generi diversi nel corso del tempo, passando dal fantasy al thriller, fino ad approdare al rosa.
"Dream On", seppur mantenendo delle influenze romance, potrebbe rappresentare un po' un ritorno alle origini, perché si tratta principalmente di un fantasy.

La protagonista del romanzo è Thea, una giovane psicoanalista che, dopo un passato doloroso e burrascoso, ha finalmente trovato il suo equilibrio accanto a Blake.
Thea infatti, dopo essere stata abbandonata appena in fasce, ha vissuto una vita da vagabonda insieme ad Adam, finché questi non è morto in un agguato.

Nonostante siano passati molti anni, Thea continua a essere tormentata dalle visioni del suo ex fidanzato. In più Paul Kusac, uno dei suoi pazienti, sostiene di vedere in sogno una San Francisco distrutta. Tutto si complica quando anche la sorellastra di Thea, Fern, comincia ad avere le stesse visioni...

Devo dire che ho trovato "Dream On" molto originale, perché tutto si basa sull'interpretazione dei sogni di Freud. Non è il solito romanzo fantasy, proprio perché alla parte fantastica "Dream On" unisce la psicologia.
Come sempre lo stile di Tania Paxia è fresco, semplice e scorrevole, e i suoi personaggi sono ben delineati. Oltre a Thea, mi sono piaciuti moltissimo anche Fern e Phil.
"Dream On" è un romanzo molto piacevole da leggere, e ho apprezzato soprattutto la prima metà del libro, in cui il mistero non è stato ancora svelato.
Complimenti a Tania!

★★★★☆

mercoledì 7 dicembre 2016

Www... Wednesday #89



Buongiorno lettori!
Oggi è mercoledì, per cui è giorno di "Www Wednesday", rubrica ideata dal blog Should Be Reading, che consiste nel rispondere a queste tre domande:

- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


Sto leggendo "Ruby Red" di Kerstin Gier. Avevo già letto questo romanzo in italiano anni fa, ma visto che ho deciso di impegnarmi di più a leggere in inglese, ho pensato di riprenderlo in lingua, visto che è molto semplice e scorrevole. ^^

What did you recently finish reading?
(Cosa hai appena finito di leggere?)


Ho finito di leggere "Dream On", l'ultimo romanzo di Tania Paxia e devo dire che l'ho trovato davvero carino, e che l'idea di base è molto particolare. Ve ne parlerò a breve in una recensione!

What do you think you'll read next?
(Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


Druidi e Vercingetorige in un solo romanzo. E niente, devo leggerlo.


martedì 6 dicembre 2016

Teaser Tuesday #123


Lesley said our house was posh as a palace because it was so big and full of paintings, wooden paneling, and antique furniture. She suspected that there was a secret passage behind every wall and at least one hidden compartment in every cupboard. When we were youger, we went on journeys on exploration through the house whenever Lesley came to visit. We were strictly forbidden to snoop oround, which made in even more exiciting. We worked out increasingly crafty strategies for not getting caught. In the course of time we really did find some secret compartments, and even a secret door. It was in the stairwell behind an oil panting of a fierce-looking fat, bearder man who was sitting, with his sword drawn, atop a great white horse.

domenica 4 dicembre 2016

Segnalazione: "Una maschera sul cuore" di Simona Busto

Titolo: Una maschera sul cuore
Autore: Simona Busto
Editore: Autopubblicato
Prezzo: 2,99 (Ora in offerta a 0,99)
Data di pubblicazione: 14 Dicembre 2016
In prenotazione su: Amazon

Christian Lobianco è un giovane attore italo-americano che sta vedendo la propria carriera giungere a un prematuro tracollo. Per ovviare al problema accetta un ruolo impegnativo e drammatico, che potrebbe portarlo di nuovo sotto le luci della ribalta. Per spingerlo a entrare nel ruolo di un giovane operaio in tempo di crisi, il suo agente lo obbliga a recarsi a Milano, dove è meno facilmente riconoscibile, e rimboccarsi davvero le maniche nel reparto produttivo di una fabbrica.
Eva Castelli ha solo vent’anni, ma la vita l’ha già obbligata ad abbandonare qualsiasi sogno. Le resta una sola passione, quella per il canto, coltivata con fatica e sacrificio.
Entrambi indossano una maschera che cela sentimenti e aspirazioni. La passione che li infiamma sin dal primo sguardo minaccia di ridurre in cenere i travestimenti che li proteggono. 
Vale la pena scoprire il vero aspetto delle loro anime? Quando la maschera sarà svanita in una nuvola di fumo, scopriranno di potersi amare e o resteranno delusi dalle reciproche fragilità?
Nel grigio freddo della Milano invernale, due ragazzi impareranno a scoprirsi.