venerdì 28 settembre 2018

Recensione: "Gone. Un bacio è troppo poco" di Tania Paxia

Titolo: Gone. Un bacio è troppo poco
Autore: Tania Paxia
Serie: Liar Liar #2
Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: 1,99 (ebook)
Data di pubblicazione: 11 settembre 2018

Franklyn Reeves (detta Frankie) dopo aver trovato suo padre, lascia New York con la delusione nel cuore. La scoperta della sua identità, infatti, riporta in superficie le tante, troppe, bugie raccontate da sua madre e da suo nonno, allo scopo di non farla soffrire. Nascondendole la verità per anni, hanno distrutto i suoi sogni.  L’unica cosa che vuole adesso è allontanarsi da tutti, anche da Jayden, seppure lui abbia soltanto la colpa di aver mantenuto un segreto non suo. Il loro è un amore appena nato, ma già destinato a doversi confrontare con una serie di ostacoli: Frankie si trasferisce in un’altra città per provare ad alleviare il senso di smarrimento, dimenticarsi della musica e delle sue chitarre, e inizia a lavorare come cameriera; Jayden vive in Connecticut, ad Hartford, la sua città natale, per stare accanto alla sua famiglia in un momento molto delicato. L’unico modo che ha Jay per comunicare con Frankie è tramite i messaggi in segreteria. Il loro rapporto viene messo a dura prova anche da un vecchio amore di Jayden, Bianca, mentre Frankie è alle prese con un collega di lavoro, Mason, aspirante chitarrista che ha problemi con le esibizioni in pubblico. La distanza, le incomprensioni, i malintesi fanno sì che il loro legame si faccia sempre più sottile e precario, fin quando entrambi hanno il bisogno di un contatto, di sentirsi vicini per non perdersi, anche se lontani. Jay non ha idea di dove sia Frankie e farà di tutto per trovarla. Lei invece vorrebbe raggiungerlo. Le cose, però, non sempre vanno secondo i nostri piani…


Dopo "Lost. Per colpa di un bacio" e la novella "Left. Il bacio che aspettavo", la storia di Franklyn e Jayden prosegue in questo secondo volume della serie.
In "Gone. Un bacio è troppo poco" i due protagonisti sono separati: infatti dopo quello che è successo alla fine di "Lost", Frankie ha deciso di fuggire da tutto e da tutti, facendo perdere le proprie tracce, per cercare di dare di nuovo un senso alla propria vita. 
Jayden è invece costretto a tornare a casa ad Hartford per via di un'improvviso malore del padre, ma non riesce a dimenticare Frankie né a convincere se stesso del fatto che la loro storia sia ormai finita.

Nonostante i due protagonisti siano separati per gran parte del libro, e che quindi questo secondo volume della serie non sia propriamente un romance classico, devo dire che a me "Gone" è piaciuto veramente tanto. 
Forse il romanzo ha un ritmo più lento e pacato rispetto al volume precedente, ma è anche vero che qui si dà più importanza alla psicologia e ai sentimenti dei due protagonisti, che impariamo a conoscere davvero bene. Ho amato il modo in cui l'autrice Tania Paxia è riuscita a immedesimarsi e a farmi immedesimare sia in Frankie che in Jayden. 
In più, come sempre, lo stile di questa autrice è fresco, fluido e leggero, e non stanca mai. Infatti ho letto il romanzo nel giro di poche ore, e adesso aspetto con impazienza l'uscita del prossimo volume, per sapere come evolverà questa storia.

In definitiva, se siete alla ricerca di una serie romantica ma non sdolcinata, con due protagonisti fuori dai soliti schemi del genere e che abbia anche a che fare col mondo del blues, vi invito a dare una possibilità alla Liar Liar series!

★★★★★

2 commenti:

  1. *-* Grazie Giada! Sono tanto contenta che ti sia piaciuto! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Tania, non vedo l'ora di leggere il seguito ^_^

      Elimina